Questo sito utilizza la Creative Commons License l Privacy l Author Mist. Loto
Iscriviti ai Feed di Mist. Loto
Iscriviti ai Feed di Mist. Loto
.....................................................
.....................................................
.....................................................
.....................................................
UTILITA' PC
CATEGORIE
.....................................................
I POST PIU' LETTI
.....................................................
.....................................................
.....................................................
.....................................................
Cerca sul web
Mist. Loto
.....................................................
Segui il blog via mail
Segui su Twitter
archivio
Contatti
Ricerca sul Web
Se nell'amicizia si ricerca un utile, per ottenerlo si andrà contro l'amicizia stessa.
                        Seneca
           

.....................................................
Agostino D’Ippona, con una capacità stupefacente, durante la sua vita, ha spiegato con semplicità la maggior parte delle inquietudini e delle insoddisfazioni dell’anima umana, trovandone una spiegazione e, di conseguenza, il modo per risolverle; sebbene sia vissuto nel 300 d.C. i suoi pensieri risultano essere ancora molto attuali. In questo sito puoi scaricare i suoi testi gratuitamente.

       www.augustinus.it

Sant' Agostino d'Ippona
BENESSERE INTERIORE
PERSONAGGI
O
Powered by Netsons
20/08/2014
IL CIBO
11/08/2014
L'ESPERIMENTO DI MILGRAM
Da un po' di tempo sto seguendo con molto interesse lo sviluppo di una bevanda nutrizionale chiamata "soylent". Il suo inventore Rob Rhinehart, è un giovane ingegnere che, attraverso delle ricerche mirate sulle esigenze nutrizionali del corpo umano, ha creato questo cibo alternativo, che punta a diventare un vero e proprio  sostituto del cibo come lo abbiamo sempre conosciuto.

Sostanzanzialmente in questa possibile alimentazione del futuro non c'è più alcun cibo ma soltanto i nutrimenti del quale il corpo ha bisogno per restare efficiente in tutte le sue funzioni.  Personalmente la trovo un'idea molto valida; se il soylent dovesse rivelarsi salutare sul lungo termine, moltissimi problemi potrebbero essere risolti.
Il soylent potrebbe essere utile nelle zone del mondo dove esiste ancora un'alta mortalità per fame, è un cibo economico, si conserva fuori dal frigo ed è facile da trasportare. Risolverebbe i problemi di obesità; togliendo la golosità legata al cibo non esisterebbero più persone in sovrappeso. Farebbe guadagnare tempo; quanto tempo perdiamo nel fare la spesa e preparare pranzi, cene e merende? E poi eviterebbe lo sfruttamento eccessivo delle risorse naturali e, in un mondo in continua espansione demografica , sarebbe davvero importante.

Eppure, parlandone con altre persone, mi sono reso conto che il cibo è in cima alla classifica degli interessi e non un semplice mezzo di sostentamento. In molti hanno sostenuto che il piacere del cibo è irrinunciabile, che non si potrebbero più fare cene romantiche nè uscire a mangiare una pizza con gli amici, che non si potrebbero più prendere i cornetti caldi al bar nè gelati in riva al mare. Così mi sono reso conto che il cibo nella vita delle persone ha un'importanza che va ben oltre il semplice nutrimento e che occupa gran parte dei pensieri e delle preoccupazioni giornaliere, è una forma di appagamento emotivo.
Il  fatto che il cibo ricopra un ruolo così predominante mi fa pensare,  mi stupisce che molte persone non possano immaginare un modo alternativo di vivere la propria vita e coltivare i propri rapporti interpersonali; possibile che il cibo possa essere fonte di così grande soddisfazione? Non sarebbe meglio investire il proprio tempo in qualcosa di più "alto"?
E tu che rapporto hai con il cibo?

I feed di Mist. Loto
L'esperimento di Milgram
Vi siete mai chiesti, in merito al Nazismo, come sia stata possibile tanta obbedienza nei confronti di Hitler nonostante l'immoralità degli ordini che impartiva? Sicuramente avete pensato che voi non avreste avuto tale obbedienza nei suoi confronti. Eppure nel 1961 lo psicologo Stanley Milgram, con un esperimento chiamato appunto "l'esperimento di Milgram", diventato un classico della Psicologia, ha dimostrato che la maggior parte delle persone comuni si sarebbe piegata all'obbedienza.
L'esperimento di Milgram consisteva in questo: quaranta soggetti tra i 20 ed i 50 anni sono stati reclutati, dietro ricompensa, ad eseguire un test sulla memoria e sull'apprendimento mentre, a loro insaputa,  stavano eseguendo l'esperimento di Milgram per sapere fino a che punto l'obbedienza può essere pericolosa.
Attraverso un sorteggio truccato venivano assegnati i ruoli dell'esperimento di Milgram; gli attori per il test risultavano essere tutti "allievi" mentre le persone realmente prese in esame erano "insegnanti".  Gli insegnanti venivano messi in una stanza con lo "scienziato", che rappresentava l'autorità, e venivano invitati a fare delle domande agli allievi che si trovavano nella stanza accanto; posti di fronte  ad un generatore di corrente elettrica collegato con degli elettrodi agli allievi, gli insegnanti avevano l'obbligo di dare scariche elettriche di potenza crescente ad ogni risposta errata. Le scosse partivano da 15V fino ad arrivare a 450V, una scarica elettrica mortale, chiaramente segnalata sul pannello del generatore di corrente. Ovviamente la scossa non arrivava mai agli attori che, comunque, simulavano urla e lamenti man mano che le scossa cresceva. Otre i 330V gli allievi dell'esperimento di Milgram tacevano al fine di far pensare ad una svenimento dovuto all'eccesso di dolore. Lo scienziato aveva il ruolo di esortare in modo pressante l'insegnante per spingerlo a proseguire l'esperimento nonostante la sofferenza degli allievi, con frasi del tipo "continua, per favore", "non hai scelta devi andare avanti", "è essenziale che continui". Incredibilmente, nonostante livelli di tensione altissima ed il desiderio espresso a voce di interrompere l'esperimento, il 65% dei  soggetti esaminati nell'esperimento di Milgram arrivò a dare la scossa da 450V.
L'esperimento di Milgram dimostra che quando un'autorità viene percepita come legittima, la maggior parte della gente per obbedienza nei suoi confronti è disposta ad andare anche contro i propri principi morali. Il peso sulla coscienza viene alleggerito non considerandosi direttamente colpevoli delle proprie azioni, solo perché è stato qualcun altro ad ordinarci di compierle.
Quello che trovo interessante è che, in esperimenti successivi, fu dimostrata la forza della ribellione: quando una sola persona si rifiutò davanti agli altri di portare a termine l'esperimento 36 "insegnanti" su 40 posero fine all'esperimento prima di arrivare alla scossa da 450V.
" A volte non è tanto il tipo di persona che siamo ma la situazione in cui ci troviamo a determinare le nostre azioni". Stanley Milgram

Il cibo