Home / Psicologia / Le Persone Cambiano

Le Persone Cambiano

Condividi

Le Persone Cambiano

Le persone cambiano
Le persone cambiano

Quante volte, davanti ad una relazione interpersonale distrutta, abbiamo pensato che le persone cambiano? Amici che hanno detto o fatto cose che non immaginavamo possibili, compagni che sembrano non assomigliare più alle persone delle quali ci eravamo innamorati…

Eppure, se ci pensiamo, in natura tutto cambia, si trasforma; anche le persone cambiano con gli anni, a seconda di quello che pensano, delle esperienze che hanno vissuto etc.

Il problema delle relazioni interpersonali quindi non risiede nel fatto stesso che le persone cambiano ma nel nostro modo di vedere gli altri.

Quando siamo amici di qualcuno o ci innamoriamo di qualcuno, tendiamo a costruirgli intorno un’immagine, gli diamo, seppur inconsciamente, un ruolo che ci aspettiamo che ricopra per tutta la sua vita; se questo, come è altamente prevedibile dato che le persone cambiano, non accade sempre, rimaniamo sorpresi, delusi, ci sentiamo traditi.

Però noi stessi siamo in continua evoluzione e ci infastidisce se qualcuno ci etichetta con i nostri difetti ( è uno geloso, è uno introverso … ) ma anche con le nostre virtù ( è un secchione, è troppo buono … ), specie se sono cose che appartengono al nostro passato; lati del nostro carattere che non fanno più parte del nostro modo di essere ma che la gente continua a considerare presenti in noi.

Allo stesso tempo quando le persone hanno dei vizi o hanno commesso qualcosa di spiacevole tendiamo a convincerci che le persone non cambiano; lo sento dire spesso a chi è stato tradito oppure a chi ha subito dei torti più di una volta.

Le persone cambiano oppure no?

Le persone cambiano anche se non è affatto scontato che cambino sempre in meglio; il punto è che non ci prendiamo mai il tempo per ascoltare e diventare così pienamente consapevoli di quello che sta accadendo nel cuore e nella mente di chi abbiamo intorno.

Le persone cambiano ma non lo fanno di certo all’improvviso; ogni trasformazione avviene lentamente sotto i nostri occhi ma se all’improvviso ci stupiamo di fronte a chi credevamo di conoscere bene, evidentemente la nostra attenzione è stata rivolta ad altro, e per troppo tempo …

Le persone cambiano

54 commenti

  1. Certo che le persone cambiano e cambiamo anche noi, basta guardare un vecchio album e guardiamo con meraviglia il pargoletto riccioluto o l’adolescente in minigonna… Naturalmente, non cambiamo solo fisicamente, cambiamo anche dentro, forse non è un evoluzion positiva ma certamente è un percorso obbligatorio ed ineluttabile. Possiamo solo cercare di cambiare… il meno peggio possibile!

    • Per quanto riguarda noi stessi sono d’accordo; credo sia davvero importante cercare di migliorarsi di giorno in giorno piuttosto che lasciare che il tempo tiri fuori il peggio di noi.
      Però c’è anche l’aspetto che riguarda gli altri; spesso chi ci è intorno cambia senza che noi ce ne accorgiamo perché non prestiamo attenzione … e poi ci ritroviamo anni dopo a fare recriminazioni del tipo: ” … prima non eri così!” 🙂
      Ciao, ti auguro una buona serata!

  2. Non sono così convinta che le persone cambino… credo piuttosto che ci siano dei piccoli aggiustamenti che si riferiscono soprattutto alla necessità di adeguarsi al cambiamento di alcune situazioni.
    Se mi riferisco alla mia esperienza, parlo di amici e persone che conosco da anni, devo dire che nessuna è cambiata profondamente. Nessun egoista diventa generoso, nessun violento diventa mite… Ciao 🙂

    • Ovviamente la natura di una persona resta quella, ma negli anni le persone possono cambiare davvero moltissimo … il fatto è che non lo fanno mai all’improvviso, ma in modo progressivo.
      Se tu non hai notato cambiamenti rilevanti nelle persone che conosci, molto probabilmente, sei una che dedica del tempo agli altri, che sa ascoltare … perché se vivi i cambiamenti tuoi e degli altri passo per passo, non ci sarà mai nulla di così eclatante!
      Il problema è di chi, al contrario, si crea uno stereotipo in testa e si convince che chi ha di fronte vi aderirà per sempre, e questa convinzione lo rende cieco anche davanti a notevoli cambiamenti portati avanti da anni.
      Ciao, buona serata! 😉

  3. Sempre stimolanti i tuoi post. Buon settembre.

  4. Le persone cambiano, come del resto cambiamo noi, ma questo è normale quello che non sopporto è il voler negare l’evidenza, il non voler ammettere i cambiamenti facendoti passare per un fissato.
    I cambiamenti si accettano ma la chiarezza e la sincerità non devono mai cambiare!
    Buona giornata 🙂

    • Il problema è che spesso, quando i cambiamenti ci riguardano in prima persona e progressivamente, è davvero difficile accorgersene; pensa ad un bambino che cresce in altezza o ad un adulto che invecchia … quelli che non li vedono da un po’ o che sanno osservare con attenzione notano subito la differenza mentre è più difficile accorgersene per chi questi cambiamenti li vive!
      Ciao Silvia, buona giornata anche a te! 😉

  5. La vita per fortuna offre tante opportunità per modificarci in meglio, ma non tutti riescono a cogliere questi buoni frutti.
    Alcuni preferiscono restare gli egoisti egocentrici che sono sempre stati fregandosene alla grande di tutto e tutti!
    Bisogna essere predisposti con l’animo e il cuore ai cambiamenti che ci rendono migliori.
    Grazie per l’interessante riflessione!
    Un caro saluto Mr. Loto 🙂

    • È vero; aggiungo che se non approfittiamo delle tante opportunità per diventare persone migliori, la vita ci trasforma comunque, ma spesso in peggio!
      Grazie a te per il bel commento, un caro saluto e l’augurio di una buona serata.

  6. Le persone non cambiano, ma si rivelano per ciò che sono. Una questione di tempo, di esperienze, di incroci con gli altri. Altra cosa è tenere sotto controllo le rivelazioni di sé. Qui occorre saggezza.

    • Il tuo punto di vista è interessante; se parliamo dell’animo dell’uomo, della sua “essenza”, probabilmente hai ragione. Però è innegabile che dei cambiamenti, sebbene non radicali, nel corso della vita accadono. Se mi guardo indietro e rivedo il ragazzo di vent’anni che sono stato lo vedo diverso da come sono oggi; certamente con la stessa natura e la stessa predisposizione ma diverso in molti lati del carattere, nel modo di pensare ed anche nei confronti di chi mi circonda … perché è la vita stessa che ti insegna a cambiare e lo fai attraverso delle prese di coscienza, man mano che vai avanti con gli anni oppure, in caso di cambiamenti negativi, lo fai attraverso le delusioni, la cattiveria al quale sei sottoposto, le carenze, l’indifferenza, l’ignoranza.
      Un saluto e l’augurio di una buona giornata!

  7. cambiamo tutti e a volte i cambiamenti ci rendono incompatibili: è naturale…ciauuu

  8. Le persone cambiano…e a volte siamo noi a cambiare e ci sembra che siano gli altri ad essere diversi.
    Un saluto e buona giornata.

    • Quanto è vero! A volte capita di rivedere persone che ci sono state vicine in passato e con le quali oggi non abbiamo più nulla in comune e si finisce con il chiedersi come sia possibile … eppure accade! Anche i cambiamenti positivi, le evoluzioni, spesso portano ad allontanamenti inaspettati, ma è giusto così, perché questo ci permette di avere sempre vicino le persone che ci sono più affini, proprio in quel determinato momento della nostra vita.
      Riuscire a rimanere in sintonia con le persone di sempre è una vera fortuna ed accade soltanto quando si cammina davvero mano nella mano verso il futuro, affrontando i cambiamenti insieme …
      Buon fine settimana.

  9. Forse gli amici non cambiano, forse frequentandoli ci accorgiamo di come siano veramente, anche perché nel frattempo pure noi siamo cambiati dentro. La prima immagine che i colpì in folosofia, fu quella del panta rei e del fiume che sembra sempre lo stesso e invece ogni istante cambia e non è mai uguale a se stesso.

    • …. ed è proprio così. Anche se non sembriamo cambiati, tutti cambiamo, continuamente! La sfida è cambiare in meglio e, soprattutto, comprendere ed accettare il cambiamento degli altri che, qualche volta, può stupirci, spaventarci o deluderci…
      Ciao, buon fine settimana.

  10. I cambiamenti fanno parte della vita. Si migliora o si peggiora. Accettarlo ti fa più sicuro nelle tue scelte. Impari anche a sbagliare ed a riconoscere la tua “mutabilità”. Tutto si trasforma. Ma le radici, quelle che danno un senso, per fortuna rimangono e si fortificano. Grazie per la riflessione. Buon fine settimana.

  11. Considerazioni, a mio modo di vedere, pienamente condivisibili. E interessanti. Grazie per il passaggio dalle mie parti, a presto!

  12. Le persone cambiano quando siamo noi a cambiare.
    Le persone viste poi, come mani. Solo quando si cercano per davvero, ecco .. hanno già trovato.

    • Sicuramente chi “si cerca per davvero” si trova; questo è il miracolo dell’amore. Però non sono tanto d’accordo sul fatto che le persone cambiano quando siamo noi a cambiare … a meno che tu non intendessi che un nostro cambiamento comporta anche un’ottica diversa attraverso la quale osserviamo gli altri che per questa ragione, ci appaiono cambiati …
      Non credo che tutti i cambiamenti siano correlati con chi ci circonda ma è vero che ogni cambiamento, nostro o degli altri, mette alla prova la base delle nostre relazioni.
      Saluti.

  13. Le persone cambiano si…non solo da un punto di vista anagrafico ma anche caratteriale e spesso siamo soggetti a spiacevoli sorprese. Un abbraccio e buona serata Mr Loto. Felice fine settimana.

    • È così, ma possiamo evitare le sorprese spiacevoli se facciamo più attenzione ai nostri cambiamenti interiori ed a quelli degli altri…
      Buon fine settimana anche a te!

  14. Crescendo si cambia, è inevitabile. Un timido può diventare più disinvolto, un taciturno può diventare un po’ più loquace, un impulsivo può imparare a controllarsi un po’ di più, ma arrivati alla maturità credo sia difficile poter cambiare ancora. A volte sono i fatti della vita a cambiarci. Ad esempio, chi ha ricevuto molte delusioni o fregature diventerà più diffidente e prudente, ma lo farà perchè usa il raziocinio, obbligandosi a non dare più spazio alla sua vera indole.
    Ci sono poi quelle persone che difficilmente si rivelano, preferendo nascondersi dietro a maschere di difesa o di opportunismo. Quando si riesce a vederle veramente come sono, non dovremo pensare che sia un cambiamento, ma semplicemente la verà personalità che smette di celarsi.
    A questo proposito potremmo citare varie situazioni di uomini e donne che, per conquistare l’altro, gli si presentano affabili e gentili, poi, quando non sono più interessati, si dimostrano freddi e indifferenti. Non sono cambiati, semplicemente è cambiato il loro interesse e non si sforzano più di apparire migliori di quello che sono.

    • Credo che anche in età adulta si continui a cambiare proprio perché, come giustamente hai scritto, è la vita che spesso ci obbliga a cambiare … per correggere il tiro al nostro carattere ma anche per una semplice forma di evoluzione.
      Si, ci sono molte persone che più che cambiare fingono di essere quello che non sono ma, in linea generale, il tempo li costringe ad abbassare la maschera. E pensare che se uno ha il coraggio di essere se stesso fino in fondo trova sempre qualcuno che lo ama e lo apprezza per quello che è davvero!
      Ciao Katherine, ti auguro di passare una lieta domenica.

  15. Quanto hai ragione.
    Sopratutto quando parli del cambiamento altrui che consideriamo “improvviso” quando in realtà siamo noi stessi a non averci prestato attenzione nel corso dei giorni!
    In fondo il cambiamento interiore funziona al solito modo di quello esteriore… Credo che vadano di pari passo…

    Quando vediamo un ragazzo conoscente crescere ci accorgiamo subito delle sue modificazioni esteriori (a volte anche caratteriali, ad esempio una minore riservatezza, una tristezza maggiore…), se il ragazzo in questione è nostro familiare non ce ne rendiamo quasi conto, sono gli altri (persone esterne) a farcelo notare, eppure accade tutto sotto i nostri occhi… Perchè non riuscire a notarlo sebbene egli fa parte della nostra quotidianità? Diamo tutto così per scontato e siamo così ciechi in alcune circostanze?

    Pirandello diceva questo: “Una realtà non ci fu data e non c’è, ma dobbiamo farcela noi, se vogliamo essere: e non sarà mai una per tutti, una per sempre, ma di continuo e infinitamente mutabile.”

    • Purtroppo siamo sempre troppo impegnati o troppo concentrati su nostri problemi … e questo ci priva della capacità vera di vivere, prendendosi il tempo di osservare, capire, riflettere ed amare.
      Avremmo tutti bisogno di rallentare un po’ristabilendo le priorità nella nostra vita; le persone ed i rapporti attenti e sinceri sono più importanti di qualunque altra cosa …
      Ciao, buona domenica!

  16. che dire M Lotto?
    mi trovo il naso più grosso e una pancetta appena pronunciata ma c’è
    Il resto sarebbe incomprensibile se non si cambiasse nel tempo anche nel resto della nostra persona.
    la malleabilità dell’evoluzione della vita guai a fermarsi o regredire. Anzi direi l’uomo moderno deve cambiare nel tempo anche perché le sollecitazioni cambiano e le variabili della vita sono sempre più incisive.
    Buona domenica e chi sa a Monza …partano

    • Sono d’accordo. In questo mondo sempre più tecnologico la vita degli esseri umani è cambiata molto negli ultimi 50 anni ed è sottoposta a cambiamenti costanti; cosa ben diversa dalla vita delle generazioni che ci hanno preceduto che avevano la vita pressoché identica a quella dei loro padri e dei loro nonni … e poi la natura ci insegna che cambiare è necessario per sopravvivere! 😉
      Ciao Andrea, a presto.

  17. Sì, molto spesso succede che ci ritroviamo di fronte a qualcuno che credevamo di conoscere meglio di noi stessi e che improvvisamente ci sembra un’altro, questo succede, come giustamente dici, perchè abbiamo smesso di guardare e ascoltare l’altro.

    • È davvero importante dedicare la giusta attenzione a chi ci circonda, non soltanto per evitare di avere delle sorprese nel futuro, ma anche perché la nostra indifferenza può causare dolore e solitudine … e a volte non ci rendiamo conto di far delle male alle persone alle quali, invece, vogliamo bene.
      Un saluto e l’augurio di una buona domenica.

  18. Sono d’accordo. Le persone cambiano, tutto cambia, sempre e in continuazione. Quello di pensare che così non sia, è un tentativo di controllo dettato dal desiderio di sicurezza. E anche di un pizzico di pigrizia: è più facile catalogare che cercare di capire ogni volta 😉
    Però capisco chi, avendo subito una ferita o una delusione, tende a preservare sé stesso.

    • Hai detto bene; è molto più facile catalogare le persone piuttosto che cercare di comprenderle di volta in volta! Credo che questo sia proprio il nocciolo della questione. Abbiamo un/a partner, dei amici, dei familiari e nella nostra mente sono così, fermi nei loro pregi e difetti …. eppure sarebbe bello, di tanto in tanto, fermarsi ad osservarli o, più semplicemente, parlare apertamente di queste cose. Invece pare quasi che ci si vergogni di affrontare argomenti che non siano neutri e di routine.
      Grazie per l’ottimo spunto, buona serata.

  19. Guai se non cambiassimo. Non a caso, nasciamo in un modo e moriamo in un altro. Diversamente vorrebbe dire vivere incatenati a un ruolo senza alcuna possibilità di crescita. Il vero problema, a mio modo di vedere, è la preclusione che si ha, sovente, nei riguardi degli altri. In proposito diceva Albert Einstein :”E’ più facile spezzare un atomo che un pregiudizio”. Ecco, secondo me aveva ragione. Un saluto.

    • Come non essere d’accordo con Einstein? Proprio a tal proposito sarebbe davvero bello se fossimo in grado di guardare ogni giorno chi ci circonda con occhi nuovi, senza pregiudizi, senza etichette e senza troppe convinzioni basate esclusivamente sul passato, osservando gli inevitabili i cambiamenti, nostri e degli altri, valutandoli in modo sereno.
      Un saluto anche a te e l’augurio di una buona serata.

  20. “Le persone non cambiano”… quante volte mi è giunta alle orecchie questa frase… o qualcosa di simile come “il lupo perde il pelo ma non il vizio”.
    Sono convinta che alcuni tratti del carattere di una persona cambino sono nel momento ce ne fosse davvero il bisogno. Nel momento in cui avviene un cambiamento, uno stimolo esterno così forte che ti scuote e ti porta a riflettere. Ma non sempre questo accade. Ci sono persone che nascono arroganti e muoiono arroganti. Dipende dalle persone che ti circordano, se accettano passivamente il tuo comportamento o reagiscono.
    Poi se parliamo di un cambiamento fisico… a beh quello è inarrestabile. La natura fa il suo corso.

    • È vero che ci sono persone che hanno bisogno di una “scossa” da parte della vita per cambiare ma succede anche che si cambi per scelta o per semplice evoluzione; un cambiamento non comporta necessariamente una totale rivoluzione del proprio carattere! Pensi di essere uguale a dieci anni fa, ad esempio? La pensi allo stesso modo su tutto? Reagisci allo stesso modo davanti alle situazioni della vita? Credo proprio di no!
      Per quanto riguarda le persone che “nascono arroganti e muoiono arroganti”, di solito mi dispiaccio per loro, perché credo che l’unico vero fallimento nella vita sia quello di non cercare mai di migliorare se stessi.
      Un saluto e l’augurio di una buona giornata.

  21. Ciao, no anzi la maggior parte delle volte cambiano/biamo in peggio e non solo ai nostri occhi.

  22. Ciao.
    Io credo che le persone – adulte – non cambino, a meno che non abbiano subito uno shock – uno stupro, una truffa che gli ha fatto perdere tutte le proprietà, un tradimento insopportabile – quindi per la maggior parte dei casi delle persone ritengo che cambiamenti non ce ne siano, se non in piccole cose come alcuni interessi – certe canzoni, o anche un genere musicale; o certe letture/autori, o anche un genere; certi capi di abbigliamento; alcuni atteggiamenti – ma le basi, i concetti che ne guidano le azioni, le caratteristiche caratteriali, quelle restano sempre uguali.
    Credo invece cha siano gli altri a non vedere tutte le caratteristiche di una persona, e che se ne facciano una opinione solo in base a quel che vedono.
    Riporto una tua stessa frase, Mr.Loto: “Quando siamo amici di qualcuno o ci innamoriamo di qualcuno, tendiamo a costruirgli intorno un’immagine, gli diamo, seppur inconsciamente, un ruolo che ci aspettiamo che ricopra per tutta la sua vita; (…)”
    MA le persone si vedono per quel che sono nei momenti difficili – che siano per noi stessi o per loro o per entrambi – e in quei momenti vengono in luce caratteristiche che non avevamo visto o voluto vedere o che ci sono state nascoste.

    • In linea generale sono d’accordo con te, anche se tra i motivi di un cambiamento metterei anche qualcosa di meno “grande” ma prolungato nel tempo: anche le frustrazioni, la solitudine, l’indifferenza cambiano le persone in modo profondo, anche se lo fanno un po’ alla volta e non all’improvviso.
      Però è vero che sono le difficoltà a tirare fuori la nostra vera essenza… infatti riesci a conoscere davvero qualcuno più dopo un litigio di mezz’ora piuttosto che andandoci d’amore e d’accordo per anni…
      Ciao, buona domenica.

  23. Le persone cambiano in superficie, in apparenza. Nel profondo si resta gli stessi. Quello che mostriamo all’esterno è il risultato di ‘aggiustamenti’ operati con pazienza e impegno, magari per renderci più gradevoli e accettati. Almeno per me è così. Certo, gli irriducibili ci sono sempre, quelli che vogliono comunque mostrarsi senza filtri. Chi sarà nel giusto?

    • …probabilmente chi cerca di fare degli aggiustamenti reali non per piacere agli altri ma per cercare sinceramente di diventare una persona migliore! 😉
      Ciao, buona serata.

  24. Si cambia in tutto, dall’aspetto fisico, al carattere. Le rughe, i capelli bianchi, la mancanza totale di divertirsi come un tempo, proprio perchè si cambia e si matura. Capita a noi stessi, poi col tempo notiamo che anche il o i nostri amici stanno compiendo lo stesso nostro percorso ed alla fine ci si allontana in silenzio, l’amco non riconosce piu’ noi e noi non riconosciamo piu’ lui ed entrambi ci domandiamo che cosa gli sia successo, perchè è cambiato cosi’, perchè prima faceva ed aveva promesso di fare così ora agisce il contrario.
    Da qui s’nterrompe il rapporto e si arriva al punto o di non cercarsi più oppure di bistiggiare o ne peggiori dei casi di odiarsi a morte (esperienza personale).
    Proprio a causa di questo naturale cambiamento non ci si comprende piu’, e come se tutti noi ci trasformassiomo in altre persone con altri caratteri e modi di vedere le cose, si viene praticamente catapultati in un altro tempo e spazio. Quando osserviamo una fotografia con persone che ormai non sono piu’ con noi, ci viene un senso di smarrimento e quella fotografia porta solo tristezza e dolore in quanto immortala un tempo che non tornerà mai.
    Si Cambia è vero, si matura, ma al di là della maturità si cambia in peggio..
    Buona serata

    • Fortunatamente non tutti cambiano in peggio e non tutte le amicizie finiscono con il passare del tempo.
      Noi non ci evolviamo soltanto in modo passivo secondo i dettami della società, ma anche in base alle nostre preferenze, alle scelte di vita che facciamo, alle nostre abitudini, alle persone con cui amiamo circondarci… quindi se si acquisisce un minimo di consapevolezza è anche possibile cercare di migliorarsi, giorno dopo giorno.
      Per quanto riguarda il rapporto con le altre persone molto dipende da quanto, andando avanti nella vita, si rimane affini. Personalmente nel tempo e senza alcun litigio, ho perso molti amici con i quali oggi non avrei più nulla da condividere, ma ne ho guadagnati altri con i quali oggi sento di poter essere in sintonia.
      Non scoraggiarti. I rapporti umani autentici, nonostante tutto, sono ancora possibili.
      Un saluto e l’augurio di una buona domenica.

  25. Hai anche ragione, io parlo per esperienza personale, ormai nn sono piu’ giovane, ho quasi 35 anni, sono rimasto giovane d’aspetto fisico perchè statisticamente la gente mi da sotto i 30 anni almeno quello.
    Da dopo i 30 tutto è cambiato: gli amici di gioventù sono cambiati, alcuni pur avendo la mia stessa età o anno piu’ anno meno, sembrano dei nonni, altri li ho persi per delle sciocchezze.
    I famigliari idem: molti sono morti altri li stovedendo peggiorare… io sono molto legato al passato perchè era tutto piu’ bello… un po’ si sono scoraggiato.
    Ion non sono un codardo che nn vuole affrontare la vita, anzi combatto, ma se guardo in dietro era mille volte meglio prima.
    Ho anche conosciuto nuove donne, nuove amicizie, ma vedo che nn è piu’ la stessa cosa di prima e cio’ mi rende molto triste, il passare del tempo mi spaventa.
    Bel blog cmq, i miei complimenti
    Davide

    • Credo che con il tempo cambia la nostra percezione delle cose, tendiamo a perdere la semplicità di pensiero di un tempo e così ci complichiamo la vita… ma a 35 anni sei davvero ancora troppo giovane per rimpiangere il passato!
      Concentrati sulle cose buone che hai nel tuo presente, sforzati di non fissare la tua attenzione su quello che non c’è più e vedrai che presto tutto tornerà a girare meglio.
      Ti ringrazio per l’apprezzamento e ti auguro una lieta serata.

  26. Io credo che cambiano le abitudini ed il carattere delle persone, ma se cambia l’essenza dell’individuo (cosa poco probabile), vuol dire che appunto non lo conoscevamo fino in fondo. Conoscere bene una persona è una dote che non tutti hanno, o almeno non ce l’hanno sviluppata così bene. La situazione diviene complicata quando il soggetto è malato mentalmente, magari con un disturbo di personalità. A quel punto altro che noi, i dottori stessi fanno fatica a capire la persona. A quel punto ti chiedi, ma ne vale la pena credere in quell’essenza che hai percepito in lui/lei? Vale la pena pensare o magari sperare e trascurare giorni, mesi e anni della propria vita?
    Per me è un dilemma. Personalmente cerco di vivere il momento, ma tengo presente involontariamente forse la possibilità che quella certezza che ho della persona sia una certezza reale. Non so se è un bene o un male.

    • Personalmente credo che interessarsi sinceramente a qualcuno valga sempre la pena.
      A maggior ragione se questa persona ha dei disturbi della personalità… ma per farlo in questi casi è necessario essere certi di avere l’equilibrio necessario per entrambi.
      Perché se non si è in grado di gestire alla perfezione se stessi è impossibile essere d’aiuto o anche solo voler bene a chi ha dei problemi seri… si rischia il contrario, di far del male a chi vogliamo bene e di perdere anche noi stessi.
      È per questo che sono assolutamente convinto che è necessario prima di tutto lavorare su noi stessi… conoscere noi stessi ci aiuta a conoscere gli altri, trovare un saldo equilibrio interiore ci aiuta a darlo anche agli altri.
      A presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *