Cachi: Proprietà e Benefici

Cachi: Proprietà e Benefici

Cachi: proprietà e benefici
Cachi: proprietà e benefici

La pianta dei cachi, nome scientifico Diospyros kaki, appartiene al genere delle Ebenacee è originaria dell’Asia orientale e può raggiungere un’altezza di 15 metri; la sua coltivazione è una delle più antiche e risale a circa 2.000 anni fa ad opera dei contadini cinesi.

Le piante dei cachi cominciano a produrre i frutti dopo il quarto anno di vita. I cachi giungono a maturazione nel periodo autunnale ad ottobre/novembre quando la pianta è rimasta quasi completamente spoglia delle foglie e la loro buccia diventa di un colore arancione acceso.

Le prime coltivazioni di cachi in Italia risalgono ai primi anni del ‘900 e riguardano la parte meridionale della penisola da dove poi si diffusero nelle altre regioni; oggigiorno i cachi italiani più pregiati sono quelli siciliani che vengono anche esportati in molti paesi esteri.

Composizione Chimica

I cachi sono costituiti per l’80% da acqua, il 12% da zuccheri, il 3,6% da fibre alimentari, proteine, grassi e ceneri in piccole percentuali; questi i minerali presenti nei cachi: calcio, fosforo, sodio, magnesio, ferro, zinco, selenio, rame e manganese. Il potassio è presente in grande quantità.

Sul fronte delle vitamine  i cachi contengono la vitamina A, alcune del gruppo B, la vitamina C e la E. Gli aminoacidi sono l’acido aspartico l’acido glutammico, arginina, alanina, cistina, glicina, fenilalanina, leucina, isoleucina, lisina, metionina, prolina, serina, tirosina, treonina, valina.

Proprietà e Benefici dei Cachi

Il caco, grazie all’alto contenuto di zuccheri e potassio, è un frutto molto energetico e grazie quindi a questa proprietà è in grado di apportare benefici a chi soffre di stress psicofisico e di inappetenza; i cachi contengono zuccheri semplici che, essendo molto facili da assorbire, forniscono energia immediata e risultano quindi utili in caso di attività sportive o in cui si ha un grande dispendio di energie. La ricchezza di fibre conferisce ai cachi proprietà molto utili in caso di stitichezza; i cachi hanno quindi proprietà lassative e diuretiche.

I cachi hanno anche proprietà utili a chi soffre di gastrite in quanto possono essere consumati senza alcun rischio; infatti i cachi non sono un frutto acido e, una volta ingerito, la loro polpa ammorbidisce l’effetto dei succhi gastrici con conseguenti benefici per i soggetti sofferenti di gastrite.

I benefici dei cachi si esplicano anche nei confronti del fegato, della milza e del pancreas grazie alle loro proprietà depurative; i cachi contengono vitamina C  e provitamina A le quali apportano benefici al sistema immunitario in termini di protezione e rafforzamento.

Anche la pelle riceve benefici dall’assunzione dei cachi; infatti la presenza di vitamina C e di licopene aiuta la pelle a rimanere elastica e tonica.

La presenza di vitamine e di betacarotene ( nota sostanza antiossidante ) nei cachi rallenta l’invecchiamento delle cellule e rendono questo frutto indicato per chi soffre di acne, infiammazione della prostata, bambini, anziani e donne con ciclo mestruale doloroso.

Con la sua polpa si può preparare una maschera di bellezza per il viso con proprietà toniche e ringiovanenti; per prepararle è sufficiente cospargere la polpa matura di cachi sulla pelle del viso per una decina di minuti per poi risciacquare.

Le Varietà di Cachi

Cachi; proprietà e benefici
Cachi; proprietà e benefici

I cachi hanno in comune tra loro una polpa morbida e cremosa dal sapore molto dolce ad eccezione dei cachi vaniglia che hanno invece una polpa soda e croccante molto simile a quella delle mele.
Le varietà più conosciute sono il Loto di Romagna, il caco Fuyu, il Kawabata, Vaniglia della Campania ed i Suruga.

Cachi e Calorie

Ogni 100 gr. di parte edibile di caco si hanno 70 kcalorie.

Cachi e Curiosità

La pianta dei cachi è molto resistente alle avversità per cui non necessita di particolari attenzioni dal punto di vista dei trattamenti antiparassitari.

Il caco ha proprietà benevole nei confronti di tosse e singhiozzo.

I cachi si possono cogliere quando già maturi ma in questo caso vanno consumati il prima possibile in quanto non si possono conservare a lungo nemmeno in frigorifero; al contrario si possono cogliere quando ancora acerbi per poi farli maturare pian piano in ambiente domestico. Per farli maturare più in fretta si possono mettere insieme a pere e mele le quali rilasciano etilene. È bene consumarli quando sono maturi al punto giusto in quanto, se ancora acerbi, sono molto allappanti.

Il legno fornito dalla pianta del caco è molto duro e resistente; per questo motivo viene utilizzato per la fabbricazione di oggetti molto robusti come ad esempio le mazze da golf.

Questa pianta si adatta molto bene all’area mediterranea per cui è molto diffuso nel nostro paese; è molto facile infatti trovarne alcuni nei giardini di molte città.

La pianta dei cachi vive in media 30/40 anni.

Il nome scientifico della pianta, Diospyros kaki, tradotto in italiano significa cibo degli dei.

Cachi e Controindicazioni

A causa del loro alto contenuto di zuccheri i cachi sono sconsigliati a chi soffre di diabete ed alle persone obese.

Cachi: Proprietà e Benefici

Ultimo aggiornamento 29/08/2015

Disclaimer:

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale; esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it  devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.