Notizie sull'alimentazione
Segui su Twitter
Alimenti ProprietÓ
A - B - C - D - E
F - G - K - L - M - N
O - P - Q - R
S - T - U - V - Y - Z
Alimenti particolarmente ricchi di antiossidanti
...........................................
...........................................
Mister Loto Alimentazione
...........................................
Mister Loto Alimentazione
Segui via email
Questo sito utilizza la Creative Commons License l Privacy e Note Legali l Author Mr.Loto
Creative Commons License
Iscriviti ai feed dell'alimentazione
Iscriviti ai feed dell'alimentazione
Carciofo: ProprietÓ e Benefici

Il carciofo Ŕ una pianta di origine mediterranea, con un fusto robusto e ramificato; la sua altezza pu˛ raggiungere un metro e venti centimetri. Il carciofo Ŕ un ortaggio ben conosciuto e consumato fin dai tempi antichi. Era utilizzato come alimento fin dal popolo egiziano ed in seguito dai greci e dai romani. Il carciofo viene raccolto da ottobre a giugno e molte specie fioriscono pi¨ volte durante l'anno. In Italia Ŕ molto diffuso, soprattutto nell'area mediterranea, le coltivazioni pi¨ estese si trovano in Liguria, Toscana, Sardegna, Lazio e Puglia ed il nostro paese, attualmente, Ŕ il maggior produttore a livello mondiale di carciofi. Sul mercato esistono diverse qualitÓ di carciofo, tondeggianti o allungati, con spine o senza, in diverse tonalitÓ di verde e con sfumature violacee. Le varietÓ di carciofo coltivate nel mondo sono circa 90.
Il segreto delle sue virt¨ risiede nella cinarina, la sostanza aromatica che gli conferisce il caratteristico sapore amaro e molte delle sue proprietÓ benefiche e terapeutiche. Il carciofo Ŕ ricco di potassio e sali di ferro, mentre ha una scarso contenuto a livello di vitamine. Troviamo poi alcuni zuccheri consentiti ai diabetici, come mannite e inulina e altri minerali come rame, zinco, sodio, fosforo e manganese.

ProprietÓ Curative e Benefici del Carciofo

L'organo che trae maggior beneficio dalle proprietÓ del carciofo Ŕ il fegato; la cinarina, i cui benefici vengono disattivati dalla cottura (per questo motivo Ŕ meglio consumare il carciofo crudo), favorisce la diuresi e la secrezione biliare. Secondo recenti ricerche scientifiche Ŕ stato dimostrato che mangiare carciofi contribuisce al benessere del nostro organismo e soprattutto a prevenire diverse malattie. Il carciofo ha proprietÓ digestive e diuretiche e, grazie alla presenza di inulina permette di abbassare i livelli di colesterolo; inoltre, nel cuore del carciofo Ŕ presente un acido clorogenico, antiossidante, che Ŕ in grado di prevenire malattie arteriosclerotiche e cardiovascolari. Le sostanze con proprietÓ antiossidanti contenute nel carciofo hanno una potenziale attivitÓ antitumorale che Ŕ tutt' ora oggetto di ricerche onde poterne confermare la veridicitÓ.



Non tutti sono a conoscenza del fatto che  il gambo dei carciofi pi¨ teneri, una volta privato della sua "buccia" esterna,  pu˛ essere consumato crudo in insalata o in pinzimonio.

Gran parte dei principi attivi del carciofo Ŕ contenuto nelle sue foglie che normalmente non vengono consumate. Bene, preparando un infuso con le sue foglie, otterrete una bevanda molto amara che sarÓ in grado di ridurre drasticamente la percentuale di colesterolo nel sangue.

Se cuocete i carciofi non gettate l'acqua di cottura, in quanto Ŕ molto ricca di minerali e pu˛ essere aggiunta a minestre con conseguenti effetti benefici. A conferma di ci˛ Ŕ importante notare che anche nell'uso erboristico e medicinale del carciofo la parte che viene impiegata Ŕ la foglia vera e propria.
Se volete conservare i carciofi in frigorifero per 6-7 giorni senza che il loro aspetto e le loro proprietÓ si alterino seguite questo semplice procedimento: prendete il carciofo, togliete le foglie esterne pi¨ dure, tagliate via il gambo lasciandone solo 5 cm circa, lavatelo ed asciugatelo; fatto questo prendete una canovaccio, avvolgete i carciofi precedentemente preparati e riponete il tutto in un sacchetto di plastica che lascerete aperto. Riponete in frigorifero e consumateli entro 6-7 giorni.
Composizione Chimica
Carciofo: ProprietÓ e Benefici
Consigli
Carciofo: ProprietÓ e Benefici
La grande richiesta di carciofi sul mercato induce i grandi produttori all'impiego di sostanze non propriamente benefiche, per non dire tossiche; Ŕ necessario quindi, anche a scapito di un costo maggiore, l'acquisto di prodotti di sicura provenienza biologica. Infine, una raccomandazione alle mamme che allattano o che sono in procinto di farlo: meglio astenersi dal consumare carciofi in tale periodo, in quanto riducono la produzione di latte.
Mr.Loto -  Carciofo: ProprietÓ e Benefici
CuriositÓ Carciofi
Conservazione
Composizione per 100 gr.
100 grammi di parte edule comprendono:
- 22 Kcal
- 2,7 gr. di proteine
- 0,2 gr. di grassi
- 2,5 gr. di carboidrati
- 1,1 gr. di fibre
- 84 gr. di acqua

Freschezza
Volete sapere come fare per riconoscere la freschezza di un carciofo? Semplice. Afferrateli con indice e pollice e premete; se il carciofo Ŕ duro e compatto Ŕ fresco se tende ad appiattirsi invece non lo Ŕ. Un carciofo fresco deve avere le punte ancora ben chiuse e se il gambo ha ancore delle foglie attaccate, queste non devono essere appassite, ma al contrario ben fresche.
Cerca nel Sito
Benvenuti nella sezione dell'alimentazione !
Versione inglese
Carciofi
Carciofi
Carciofi
...........................................
...........................................
2
Contatti
Questa non Ŕ una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale; esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualitÓ per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle nÚ modificarle, perchÚ tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it  devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.
Iscriviti ai feed dell'alimentazione