Ciliegie: Proprietà e Benefici

Ciliegie Proprietà e Benefici

Ciliegie: proprietà e benefici
Ciliegie: proprietà e benefici

Le ciliegie, frutto dalle buone proprietà diuretiche, sono prodotte dall’albero Prunus avium che appartie alla famiglia delle Rosacee e che tutti conosciamo col nome di ciliegio. La pianta delle ciliegie è presente nella zona mediterranea da circa 3.000 anni, le prime notizie a riguardo arrivano dall’Egitto. Difficile stabilire con certezza il paese d’origine anche se si pensa che molto probabilmente il ciliegio provenga dall’Asia.

Il ciliegio fiorisce in primavera in contemporanea con la comparsa delle foglie ed il suo aspetto, nel pieno della fioritura, è qualcosa di incantevole per la vista. Le ciliegie si dividono in due specie ben distinte: dolci ed acide. Le ciliegie dolci si dividono a loro volta in due sottofamiglie che sono rispettivamente le duracine e le tenerine; quelle acide si dividono invece in tre sottofamiglie che sono le marasche, le amarene e le visciole.

Il periodo di maturazione varia a seconda del tipo di ciliegia ma possiamo affermare che quasi tutte maturano nel periodo compreso tra maggio e giugno.

Composizione Chimica

Le ciliegie sono composte per l’82 % da acqua, zuccheri (12,82 %), proteine (1,06 %), carboidrati, fibre e ceneri (0,48 %).

Per quanto riguarda i minerali le ciliegie contengono potassio, fosforo, calcio, ferro, sodio, zinco, rame, fluoro e magnesio. Le ciliegie contengono vitamina A, B1, B2, B3, B5, e B6, vitamina C, E, K e J. 

Gli zuccheri presenti nelle ciliegie invece sono il glucosio, il fruttosio, il galattosio, il maltosio ed il saccarosio.

Le ciliegie contengono i seguenti aminoacidi: Acido aspartico e glutammico, alanina, arginina, cistina, fenilalanina, glicina, isoleucina, istidina, leucina, lisina, metionina, prolina, serina, tirosina, treonina, triptofano e valina.

Da evidenziare la presenza del fruttosio, uno zucchero che non ha controindicazioni per i diabetici e che contribuisce ad abbassare l’indice glicemico delle ciliegie, solo 22; sono però presenti altri zuccheri che fanno delle ciliegie un cibo non proprio adatto per i diabetici.

Le ciliegie contengono flavonoidi che, come sappiamo, hanno proprietà molto utili nella lotta ai pericolosi radicali liberi e soprattutto svolgono un ruolo primario nel processo che rallenta l’invecchiamento delle cellule del nostro organismo. Per quanto riguarda le calorie, ogni 100 grammi di polpa ne abbiamo circa 63.

Proprietà Curative e Benefici delle Ciliegie

La ciliegia fresca ha proprietà depurative e disintossicanti, oltre a quelle diuretiche  e leggermente lassative che fanno della ciliegia un frutto molto utile in caso di gonfiore a livello addominale. Grazie alla presenza dei flavonoidi, in combinazione con le vitamine A e C, l’assunzione di ciliegie stimola la produzione di collagene, apportando così benefici alla nostra pelle. Da sottolineare la presenza di acido malico, che, con le sue proprietà, è in grado di favorire la digestione degli zuccheri e l’attività epatica.

Negli ultimi tempi le ciliegie sono state oggetto di studio da parte dell’Università del Texas, in quanto si ritiene che abbiano proprietà in grado di favorire il sonno; pare infatti che la melatonina, presente nelle ciliegie in buona quantità, abbia appunto questa proprietà.

In ultimo ribadiamo gli importanti benefici che il consumo di ciliegie apporta al cuore ed al sistema circolatorio in generale; è stato infatti confermato, in base ad esperimenti su topi svoltisi nel Michigan (USA), che il loro consumo ridurrebbe di molto la percentuale di colesterolo nel nostro organismo grazie alla presenza di sostanze antiossidanti.

Le ciliegie contengono fibra alimentare che contribuisce ad aumentare il senso di sazietà una volta ingerite; per questo motivo possono essere utilizzate per allontanare l’appetito ed allo stesso tempo mangiare qualcosa di piacevole che non faccia molte calorie.

Una maschera di bellezza preparata applicando sul viso polpa di ciliegie schiacciate ha proprietà rivitalizzanti per la pelle del viso.

Controindicazioni

Per i bambini al di sotto dei tre anni è vivamente sconsigliato cibarsi di questo frutto in quantità abbondanti; a quell’età, infatti, l’effetto lassativo delle ciliegie, potrebbe risultare troppo forte, cosa che non succede in età adulta.

Si consiglia anche di non bere acqua dopo aver mangiato molte ciliegie, questo perché la ciliegia è un frutto già ricco di acqua di per se; aggiungerne altra subito dopo potrebbe arrecare qualche “problemino”, anche digestivo.

Le Varietà di Ciliegie

Ciliegie: proprietà e benefici
Ciliegie: proprietà e benefici

Le varietà di ciliegie sono moltissime, quelle che seguono sono quelle che vengono maggiormente coltivate in Italia:

Ciliegia Bigarreu: è la più precoce come maturazione e solitamente la si trova in vendita già dalla prima metà di maggio.

Ciliegia Durone: è un tipo di ciliegia molto pregiato, a detta di molti il migliore; presenta una polpa dura e compatta dal gusto particolarmente dolce e gustosa, colore scuro e grosse dimensioni. Matura a fine giugno.

Ciliegia Ferrovia: sono molto diffuse in Puglia e sono caratterizzate da una polpa molto succose; anche loro maturano in giugno.

Ciliegia Marca: anche queste ciliegie, come i duroni, hanno una polpa molto compatta ma il loro colore è rosso giallognolo; per le loro caratteristiche vengono spesso utilizzate per la preparazione di conserve ( ciliegie sotto spirito e sciroppate).

Ciliegia Anella: ottime ciliegie dal colore rosso acceso e dalla polpa croccante sono disponibili da fine maggio.

Curiosità Ciliegie

Ciliegie: proprietà e benefici
Ciliegie: proprietà e benefici

Molto spesso si dice che siano un frutto “luculliano”: questo perché furono introdotte in Italia da Lucullo.

Mentre le acquistiamo controlliamo che abbiano una consistenza soda e siano prive di ammaccature; è importante che abbiano ancora il peduncolo ( o picciolo) e che questo abbia una colore verde vivo, sintomo di freschezza.

I peduncoli delle ciliegie vengono anche utilizzati per la preparazione di infusi con proprietà diuretiche.

Una volta lavate possono essere conservate in frigorifero per tre giorni, qualche giorno in più se si avvolgono in un canovaccio ed inserite successivamente in un sacchetto aperto alla sommità.

Le ciliegie, soprattutto le varietà acide, risultano essere un frutto particolarmente dissetante e con un buon indice di sazietà.

Il maraschino, un ottimo liquore dal colore bianco prodotto soprattutto in Italia, si ottiene dalla distillazione di questo frutto, in particolare dal genere delle marasche.

Anche in cosmesi si approfitta delle proprietà benefiche di questo frutto per portare benefici alla pelle; infatti la sua polpa viene impiegata come rinfrescante su pelli irritate.

Il nome latino “Avium“, in italiano “uccello”, sta ad indicare che la propagazione dei semi, i cosiddetti nocciolini, avviene soprattutto ad opera appunto dei volatili che ne sono molto golosi.

Il suo legno viene anche utilizzato per la fabbricazione di mobili e pipe.

Sapevate che anche le ciliegie hanno un santo protettore? È San Gerardo dei Tintori.

In Giappone addirittura le ciliegie sono considerate un frutto sacro; esiste addirittura un’usanza chiamata Hanami dove i giapponesi si recano nei luoghi di fioritura dei ciliegi per ammirane la bellezza.

Ciliegie: Proprietà e Benefici

Ultimo aggiornamento 28/08/2015

Versione lingua inglese

Disclaimer:

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale; esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it  devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.