FUNGHI COMMESTIBILI
Cantharellus cibarius o
Finferli o Cantarelli

Il nome latino del Cantarello sta ad indicare, molto probabilmente per la sua forma, un "piccolo vaso commestibile". I Finferli, se osservati attentamente, sono funghi difficilmente confondibili con altre specie; uno degli aspetti caratteristici del Finferlo è che sotto al cappello non vi sono delle vere e proprie lamelle ma piuttosto delle pieghe molto marcate. Tutto il fungo ha lo stesso colore giallo acceso distribuito in modo uniforme, il cappello, negli esemplari adulti, si presenta convesso al centro ( da qui il nome di "Cantharellus", vaso ).

Le pieghe sotto al cappello  si prolungano verso il gambo del fungo e la sua carne ha un gusto dolciastro, quasi fruttato, che è caratteristico di questa specie. I Cantarelli o Cantharellus cibarius sono molto apprezzati e conosciuti in tutta Italia; alcune persone li consumano anche crudi in insalata ma possono anche venire essiccati o conservati sott'olio.
Habitat dei Cantarelli ( Finferli o Gallinacci)
I Finferli crescono nei boschi di conifere e di latifoglie in grandi gruppi disposti a circolo, con preferenza sotto a castagni e querce; il periodo in cui lo si può trovare va da inizio estate ad autunno inoltrato ed è reperibile in tutte le zone d'Italia a partire da zone situate al livello del mare fino ad un'altitudine di 2.000 metri.

I Cantarelli sono funghi ben conosciuti ed a volte, soprattutto durante la prima fase di nascita, non è molto facile trovarli in quanto nascosti sotto le foglie e sovente ben interrati.

Per la raccolta sono da preferire gli esemplari di Finferli o Cantarelli ancora giovani che sono notoriamente più compatti e gustosi. Insieme ai Porcini i Finferli o Cantarelli sono tra i funghi più ricercati e prelibati e, sempre insieme ai Porcini sono i funghi che più si prestano ad essere cucinati in moltissime ricette.

Purtroppo bisogna segnalare che fino a qualche decennio fa il Gallinaccio era un fungo assai diffuso nei nostri boschi ma ora, causa anche l'inquinamento, è diventato più raro.
Curiosità sui Finferli (Gallinacci)
I Finferli si possono trovare in commercio freschi e a volte anche secchi, anche se raramente; non si trovano invece congelati, in quanto la surgelazione del finferlo crudo lo rende particolarmente amaro, cosa che non avviene se lo si congela una volta cotto.

I Finferli o Gallinacci  non sono funghi molto porosi e a differenza di molti altri funghi, al fine di eliminare fastidiosi granelli di sabbia e pezzetti di foglie, possono essere lavati sotto l'acqua.

Per quanto riguarda la conservazione può essere tenuto in frigorifero per diversi giorni quando fresco, ottimo sott'olio, sott'aceto ed essiccato.

Il Finferlo o Cantharellus cibarius è anche chiamato "prezzemolo dei funghi" in quanto si presta molto bene come condimento per altri alimenti.
Questo sito utilizza la Creative Commons License l Privacy e Note Legali l Author Mist. Loto
creative-commons
Iscriviti ai feed dell'alimentazione
Iscriviti ai feed dell'alimentazione
www.mr-loto.it
Finferli - Gallinacci - Cantarelli - Cantharellus cibarius
Mr-Loto. - Finferli - Gallinacci - Cantarelli - Cantharellus cibarius
Nomi dialettali  dei Finferli
In trentino i Cantarelli vengono chiamati Finferli, tale nome prende origine dalla parola tedesca plifferling; gli altri nomi più conosciuti dei Finferli sono: Cresta di gallo, Galletta, Gallinaccio, Gallinella, Giallino, Galineta, Margherita in Val d'Aosta, galluccio in Molise, Addenazzo nel cilento e nel salernitano.
Funghi canterelli ( finferli )
Conoscere i funghi
Iscriviti ai feed
Conoscere i funghi
Conoscere i funghi
Conoscere i funghi
Segui su Twitter
Vai al blog
Home Blog
.....................................................
Segui via Mail
Contattami
.....................................................
.....................................................
.....................................................
.....................................................
Twitter
Contattami
Segui il blog via email
Ricerca sul Web
Attenzione:

La classificazione dei funghi e della loro relativa commestibilità vanno affidate a micologi esperti o al personale specializzato degli enti sanitari competenti. Informazioni errate o atteggiamenti superficiali in merito potrebbero arrecare gravi danni da intossicazione o avvelenamenti anche mortali. Non consumare funghi se non si ha l'assoluta certezza della loro commestibilità.
Le immagini riportare sul sito www.mr-loto.it sono puramente indicative, si tenga presente che gli stessi funghi da un anno all'altro o da un luogo ad un altro possono presentarsi sotto forme e sfumature di colori leggermente diverse.
Boletus Luridus
Cardarello
Orecchione
Piopparello
Calocybe gambosa
Inocybe rimosa
Lactarius Torm.us
Boletus Satanas
Russula Emetica
Amanita Verna
Fungo dell'Olivo
Entoloma Lividum
Russula Virescens
Amanita Pantherina
Porcini
Ovulo Buono
Chiodini
Mazza di tamburo
Manina
Funghi Commestibili
Funghi Velenosi
Amanita Muscaria
Amanita Phalloides
Prataiolo
Finferli
Tartufi
Tartufo Bianco
Tartufo Nero
Spugnola Rotonda
Vescia Maggiore
Marzuolo
Lepista nuda