FUNGHI COMMESTIBILI
Agaricus Campestris
o Prataiolo
Il Prataiolo è un fungo ben conosciuto, ne esistono però molte varietà che differiscono in colori e dimensioni e non sempre è facile distinguerne la varie specie; possiamo tuttavia descrivere quali sono le caratteristiche che hanno in comune le diverse specie.
Il cappello è carnoso con una colorazione variabile che va dal bianco al rosso-bruno, a forma di globo quando è ancora giovane e che si espande in seguito durante la sua crescita; negli esemplari adulti il diametro del cappello può raggiungere i 10 centimetri.
Le lamelle al di sotto del cappello sono dapprima di color biancastro ed in seguito, con la maturazione delle spore, passano dal rosa al viola per divenire quasi nere al termine della crescita.
La carne del Prataiolo è bianca, di odore e sapore gradevole, una volta tagliata e a contatto con l'aria assume un colore rosaceo, quasi rosso in alcune zone.
Habitat del Fungo Prataiolo
Fungo prataiolo - Agaricus campestris
Come dice la parola stessa il Prataiolo cresce nei prati dove lo possiamo trovare dall'estate fino all'autunno; vive in ampie colonie che spesso formano un circolo chiamato "circolo delle streghe" e lo si può trovare sino a 2.000 metri di altitudine. Ci si può imbattere in questo fungo praticamente in tutte le zone d'Italia, sia in pianura che in montagna e generalmente lontano dagli alberi.

Il Prataiolo o Agaricus campestris può essere trovato, oltre che nelle zone a clima temperato europee, anche in Africa, America, Australia ed Asia.

Il Prataiolo è un fungo molto buono ed apprezzato in varie parti del mondo, può essere cucinato sia crudo in insalate che cotto nel modo tradizionale; si consiglia tuttavia di consumare esclusivamente esemplari giovani in quanto quelli troppo avanzati in maturità possono facilmente presentare inizi di stadi di alterazione.

Esiste anche un genere di Prataiolo tossico,  l' Agaricus xanthoderma, riconoscibile, una volta sezionato, dal colore giallo all'interno del piede ( la parte sottoterra che corrisponde alla radice ); anche il gambo stesso presenta solitamente qualche "punta" di giallo e l'odore, se annusato, assomiglia a quello dell'inchiostro.
Curiosità sul Prataiolo o Agaricus campestris
I funghi sono noti per essere praticamente privi di grassi e per avere un buon apporto di proteine superiore, sia in qualità che in quantità, agli altri alimenti di origine vegetale; il Prataiolo in particolare rappresenta una buona fonte di due aminoacidi: la lisina e il triptofano.

I Prataioli erano già noti in epoca antichissima ed anche i romani, come testimoniato da Orazio con i suoi versi, li consideravano ottimi.

Attenzione: bisogna fare attenzione a non confondere il Prataiolo o Agaricus campestris con altri funghi velenosi dall'apparente aspetto simile come l'Amanita verna ( o primaverile ) che è un fungo mortale e si distingue dal Prataiolo soprattutto per la presenza della volva nel gambo.
Questo sito utilizza la Creative Commons License l Privacy e Note Legali l Author Mr.Loto
creative-commons
Iscriviti ai feed dell'alimentazione
Iscriviti ai feed dell'alimentazione
www.mr-loto.it
Fungo Prataiolo - Agaricus campestris
Fungo prataiolo
prataioli
Fungo prataiolo
Conoscere i funghi
Iscriviti ai feed
Conoscere i funghi
Conoscere i funghi
Conoscere i funghi
Segui su Twitter
Vai al blog
Home Blog
.....................................................
Segui via Mail
Contattami
.....................................................
.....................................................
.....................................................
.....................................................
Twitter
Contattami
Segui il blog via email
Ricerca sul Web
Attenzione:

La classificazione dei funghi e della loro relativa commestibilità vanno affidate a micologi esperti o al personale specializzato degli enti sanitari competenti. Informazioni errate o atteggiamenti superficiali in merito potrebbero arrecare gravi danni da intossicazione o avvelenamenti anche mortali. Non consumare funghi se non si ha l'assoluta certezza della loro commestibilità.
Le immagini riportare sul sito www.mr-loto.it sono puramente indicative, si tenga presente che gli stessi funghi da un anno all'altro o da un luogo ad un altro possono presentarsi sotto forme e sfumature di colori leggermente diverse.
Boletus Luridus
Cardarello
Orecchione
Piopparello
Calocybe gambosa
Inocybe rimosa
Lactarius Torm.us
Boletus Satanas
Russula Emetica
Amanita Verna
Fungo dell'Olivo
Entoloma Lividum
Russula Virescens
Amanita Pantherina
Porcini
Ovulo Buono
Chiodini
Mazza di tamburo
Manina
Funghi Commestibili
Funghi Velenosi
Amanita Muscaria
Amanita Phalloides
Prataiolo
Finferli
Tartufi
Tartufo Bianco
Tartufo Nero
Spugnola Rotonda
Vescia Maggiore