Home / Grano Saraceno: Proprietà e Benefici

Grano Saraceno: Proprietà e Benefici

Grano Saraceno Proprietà e Benefici

Grano saraceno: proprietà e benefici

 

Il grano saraceno possiede ottime proprietà nutritive in quanto contiene aminoacidi essenziali che il nostro corpo non è in grado di sintetizzare.

Il grano saraceno, nome scientifico Fagopyrum esculentum, è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Polygonaceae e non, come molti erroneamente credono, a quella delle Graminacee, considerandolo un cereale. La pianta è probabilmente originaria dell’Asia e fu introdotta in Europa ad opera dei Turchi durante il periodo medioevale.

La pianta può raggiungere il metro di altezza ed i suoi chicchi hanno una curiosa forma triangolare. La raccolta si esegue quando i chicchi del grano cominciano ad assumere una colorazione marrone scuro dopodiché vengono lasciati ad essiccare al sole per circa una ventina di giorni prima di essere trebbiati.

Il grano saraceno viene coltivato essenzialmente per ricavarne dai suoi chicchi farina ad uso alimentare. I chicchi vengono anche utilizzati insieme alla pianta per foraggiare gli animali d’allevamento.

Composizione Chimica del Grano Saraceno

Il grano saraceno è composto dal 10 % da acqua, 10,3 % fibre alimentari, 2,1 % ceneri, carboidrati, 11,7 % da proteine e 2,7 % da grassi.

I minerali presenti sono: calcio, fosforo, potassio, magnesio, manganese, zinco, selenio, rame, sodio e ferro.

Vitamine: vitamina A, le vitamina B1, B2, B3, B5, B6  e la vitamina J.

Gli aminoacidi presenti sono: alanina, arginina, cistina, acido aspartico, acido glutammico, glicina, isoleucina, fenilalanina, lisina, metionina, valina, treonina, prolina e tirosina.

Proprietà  e Benefici del Grano Saraceno

Grano saraceno: proprietà e benefici
Grano saraceno: proprietà e benefici
  • Non contiene glutine: il grano saraceno, sotto forma di farina, è molto indicato nella dieta delle persone che soffrono di celiachia, in quanto non contiene assolutamente glutine. Con la sua farina si preparano pasta, polenta  e pane che possono appunto essere consumati dai celiaci con buoni benefici per la salute.
  • Alto valore proteico: il consumo di grano saraceno, grazie al suo alto valore proteico simile a quello della carne e della soia, è consigliato anche in caso di deperimento fisico e, grazie alle proprietà di una sostanza chiamata rutina, per conservare l’elasticità dei tessuti dei vasi sanguigni. La farina viene al momento studiata per verificare se le sue proprietà proteiche, prive di grassi animali, possono portare benefici nella riduzione del colesterolo, dell’eccesso di grasso corporeo e dei calcoli biliari.
  • Pressione sanguigna: Il grano saraceno contiene una buona quantità di magnesio, una sostanza utile per regolare la pressione sanguigna.
  • Diabete: da una recente ricerca condotta in Canada, sembrerebbe che il grano saraceno contenga un principio attivo chiamato chiroinositolo che potrebbe portare benefici nella cura del diabete mellito. Secondo i risultati forniti da questi studi la sostanza contenuta avrebbe la proprietà di abbassare del 19% la glicemia ed aprirebbe quindi nuovi scenari nel trattamento di questa malattia così largamente diffusa. Il grano saraceno ha un indice glicemico pari a 54, quindi abbassa gli zuccheri nel sangue più lentamente rispetto al riso o ai prodotti a base di grano.
  • Diuretico: ha proprietà diuretiche in grado di eliminare i liquidi in eccesso dalle zone gonfie del corpo, pulisce e rafforza l’intestino e migliora l’appetito. Grazie al suo alto contenuto di vitamine del complesso B, è consigliato per persone che soffrono di disturbi al fegato.
  • Fa bene alla pelle: il grano saraceno porta benefici anche alla bellezza: è infatti ricco di vitamina A, vitamine del complesso B e zinco, tutte sostanze con la proprietà di aiutare la crescita dei capelli. I potenti antiossidanti ed i flavonoidi presenti nel grano saraceno invece, prevengono l’invecchiamento della pelle.
  • Migliora l’umore: infine contiene triptofano, che migliora l’umore, apportando benefici in caso di depressione.
  • Proprietà digestive: il grano saraceno è ricco di fibra alimentare, solubile ed insolubile che favorisce il transito del cibo nel tratto intestinale prevenendo la stitichezza e favorendo la digestione.
  • Riduce il colesterolo: la fibra alimentare non ha solo proprietà digestive ma, legandosi alle sostanze nocive ne favorisce l’espulsione dall’organismo. Lo stesso effetto si ha con il colesterolo cattivo LDL che viene assorbito in modo minore nel colon contribuendo così a ridurne i livelli nel sangue.
  • Emorroidi: il grano saraceno contiene diversi composti polifenolici ad attività antiossidanti come  i tannini, la rutina e le catechine. La rutina in particolare sembra in grado di prevenire la formazione di coaguli all’interno dei vasi sanguigni e i primi studi su questa sostanza suggeriscono che la rutina può essere d’aiuto per la cura e la prevenzione delle emorroidi e per i problemi legati alla coagulazione del sangue.

La cottura del Grano Saraceno

Il grano saraceno prima di essere cucinato necessita di essere lavato. È preferibile anche più di un  lavaggio in acqua fredda fino a che l’acqua non risulta limpida. Una volta scolati, i chicchi devono essere tostati per un paio di minuti dopodiché possono essere cotti in acqua calda salata per un tempo non inferiore ai 20 minuti.

Grano Saraceno e Calorie

Le calorie fornite da 100 grammi di grano saraceno corrispondo a 350.

Grano saraceno: proprietà e benefici
Grano saraceno: proprietà e benefici

Coltivazione

La pianta non sopporta il freddo eccessivo e per questo motivo ha bisogno di essere coltivata nei mesi che vanno dalla primavera all’autunno. Il suo ciclo biologico è particolarmente veloce, se seminato a luglio giunge a maturazione in ottobre. La sua colorazione diventa marrone scuro e sta ad indicare che i chicchi sono pronti per la mietitura.

Curiosità

È preferibile acquistarlo in confezioni sigillate infatti, all’aria aperta, questo tipo di alimento si deteriore molto facilmente.

Il nome di questa pianta va attribuito alla popolazione dei turchi (saraceni), che per primi ne introdussero la pianta in Europa.

Sempre meglio all’acquisto controllare l’origine del prodotto che spesso proviene dalla Cina e la cui qualità è senza dubbio inferiore al grano saraceno prodotto in Italia.

In Italia il grano saraceno viene coltivato soprattutto in Valtellina e nel Sud Tirolo; la sua farina è utilizzata nella preparazione di piatti tipici della zona come la polenta taragna ed i pizzoccheri.

Il grano saraceno è disponibile in commercio quasi esclusivamente confezionato nei negozi di prodotti biologici e molto difficilmente è reperibile nei banchi dei supermercati.

Dai fiori della pianta le api producono un miele dal colore molto scuro e dal gusto molto saporito.

Con la farina di grano saraceno si possono preparare gustosissimi dolci a base di frutta secca e deliziosi primi come le lasagne.

La macrobiotica classifica il grano saraceno come un alimento yang, cioè che riscalda. È quindi consigliato nei freddi mesi invernali.

Grano saraceno: Proprietà e Benefici

Versione lingua inglese

Ultimo aggiornamento: 17/03/2016

Disclaimer:

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.