Guaranà: Proprietà e Benefici

Il guaranà è una pianta rampicante sempreverde tipica della foresta dell’Amazzonia chiamata anche Paulinia Cupana ed appartenente alla famiglia delle Sapindaceae; può raggiungere i 10 metri di altezza e cresce prevalentemente  lungo i corsi d’acqua.

I frutti del guaranà sono composti da una specie di capsula al cui interno trovano posto da uno a tre semi il cui aspetto è molto simile a quello di un bulbo oculare umano; la droga è contenuta nel seme che, una volta che il frutto è giunto a maturazione, viene estratto e fatto essiccare al sole per venire in seguito lavorato per l’estrazione delle sue sostanze.

Il guaranà era una pianta ritenuta sacra dalle varie tribù amazzoniche che ne facevano un uso regolare ritenendola responsabile della vitalità e della longevità; in Brasile infatti il guaranà è conosciuto col nome “fruto da juventude“. Da sempre le popolazioni indigene utilizzano questa pianta come tonico, afrodisiaco e stimolante in caso di stanchezza.

Composizione Chimica

Guaranà: proprietà e benefici
Guaranà: proprietà e benefici

 

Il guaranà è composto per l’8 % da acqua, amido al 9 %, olio fisso color giallo 2,9%, caffeina 5,4 %, fibre vegetali al 49%, sali minerali, pectina, mucillagine e destrina al 7,4%.

Presente in piccola quantità la saponina  (0,060 %), resina rossa al 7,8%, caffeina al 5,4%, acido tannico 5 % e glicosio 1%.

Proprietà Curative e Benefici del Guaranà

Grazie alle molte proprietà di cui il guaranà dispone possiamo affermare che la sua assunzione è in grado di apportare benefici in caso di problemi intestinali come diarrea e stipsi, mal di testa ed emicrania, stati di gonfiore, disturbi della circolazione periferica, obesità, attività fisica e mentale e disturbi legati all’età avanzata.

Il guaranà rappresenta anche un ottimo rimedio per quanto riguarda la prevenzione dell’arteriosclerosi; infatti, grazie alle sue proprietà, è in grado di stimolare il fegato nella produzione del cosiddetto colesterolo buono ( HDL ).

Il guaranà viene anche spesso definito come uno dei migliori elisir di lunga vita; infatti ha la proprietà di mantenere le arterie pulite e toniche e contrasta la produzione degli ormoni responsabili della depressione tipica dell’età avanzata.

È considerato un ottimo afrodisiaco in quanto, contenendo sostanze con proprietà vaso dilatatorie, si è dimostrato un valido aiuto per chi ha problemi legati alla sfera sessuale aumentandone desiderio e vigore.

Grazie al suo contenuto di caffeina, teofillina e teobromina il guaranà agisce sul Sistema Nervoso Centrale favorendone così l’attività; è anche considerato un ottimo febbrifugo.

In ultimo vi è anche la funzione dimagrante in quanto, i tannini contenuti nel guaranà, hanno la proprietà di stimolare la secrezione di adrenalina che ha a sua volta la capacità di bruciare i grassi.

Le Dosi Consigliate di Guaranà

Per assicurarsi di poter approfittare dei benefici e delle proprietà del guaranà si consiglia di assumerlo in modo regolare per un certo periodo di tempo; per quanto riguarda il dosaggio si consiglia di sciogliere l’equivalente in polvere di un cucchiaino di caffè in un bicchiere d’acqua da bersi al mattino qualche minuto prima della colazione.

L’assunzione del guaranà può interferire con alcuni farmaci aumentandone o diminuendone gli effetti; in questo caso è sempre d’obbligo consultare un medico.

Guaranà e Calorie

L’apporto calorico del guaranà è molto basso, infatti a fronte di una quantità di 100 gr. di prodotto si ha una resa di 30 calorie.

Controindicazioni Guaranà

L’assunzione di guaranà è controindicata soprattutto a chi è allergico alla caffeina o alle xantine in generale, in caso di gravidanza, di ipertensione, patologie legate al cuore ed ulcera gastrica. Inoltre il guaranà non va assunto in concomitanza con altre sostanze naturali con proprietà stimolanti quali possono essere il caffè ed il ginseng.

In tutti casi comunque il guaranà va utilizzato con la dovuta cautela, soprattutto nei bambini, nei casi di ipertensione e nel caso di assunzione di altri farmaci.

Curiosità Guaranà

Guaranà: proprietà e benefici
Guaranà: proprietà e benefici

 

Gli effetti collaterali che si possono riscontrare dopo la sua assunzione possono essere insonnia, irritabilità, tremori, tachicardia e nausea. Va comunque tuttavia sottolineato che gli effetti indesiderati si presentano quasi sempre a causa di sovra dosaggi della droga.

Dai suoi semi si ottiene una bevanda gasata rinfrescante molto apprezzata in Brasile.

Pare che il nome derivi da un’antica popolazione indios dell’Amazzonia, i guarani appunto.

Oltre a crescere spontaneamente questa pianta viene anche coltivata a scopo industriale lungo il corso del Rio delle Amazzoni.

In molti bar occidentali, Italia compresa, grazie ormai alla moda che arriva dall’oriente, è possibile gustare il caffè al guaranà.

La pianta del guaranà esiste in due varietà: quella tipica e la sorbibile che, in quanto più pregiata è anche la tipologia che viene coltivata; la raccolta avviene una volta all’anno, nel periodo compreso tra novembre e dicembre.

Secondo una leggenda di una tribù abitante il Rio delle Amazzoni, il frutto del guaranà rappresenterebbe la riproduzione vegetale dell’occhio di un grande guerriero morto durante una battaglia e seppellito nella foresta in tempi antichissimi, ancor prima della venuta dell’uomo bianco sul suolo americano.

Guaranà: Proprietà e Benefici

Disclaimer:

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale; esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it  devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.