Pepe Nero: Proprietà e Benefici

Quella del pepe nero è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Piperaceae, il suo nome scientifico è Piper Nigrum; il pepe nero è originario dell’India e la sua pianta può raggiungere i quattro metri di altezza con frutti che a maturazione diventano color rosso e contengono al loro interno un solo seme.

La pianta del pepe comincia a produrre frutti dopo il quarto anno di età e continua a produrne per altri sette anni; la raccolta del pepe nero comincia prima che i frutti giungano a maturazione. I frutti ancora acerbi vengono passati in acqua bollente per qualche minuto e in seguito vengono messi ad essiccare al sole per alcuni giorni. E’ durante questa fase che il pepe si disidrata ed assume il caratteristico colore nero.

Esistono diverse varietà di pepe come ad esempio il pepe bianco, il pepe verde, il pepe grigio, il pepe rosa ed il pepe lungo; tuttavia il pepe nero è di gran lunga il più utilizzato in cucina, infatti circa il 90 % della sua produzione è destinato all’uso alimentare.

Composizione Chimica

Pepe nero: proprietà e benefici
Pepe nero: proprietà e benefici

Il pepe nero è composto per il 10 % circa da acqua, da proteine, grassi, sali minerali tra cui citiamo il calcio, il sodio, il potassio, il ferro ed il fosforo. Tra le vitamina sono presenti la vitamina A, la tiamina o vitamina B1, la riboflavina ( B2 ) e la niacina ( B3 ).

Nel pepe nero è presente una percentuale di amido che può variare dal 40 al 48 % circa ed una percentuale media di piperina che si aggira sul 6%; la piperina è una sostanza che da al pepe nero il suo caratteristico sapore.

Proprietà Curative e Benefici del Pepe Nero

Una delle proprietà universalmente riconosciute del pepe nero è quella digestiva con conseguente stimolazione del metabolismo; questi benefici sono da imputarsi alla presenza di piperina che, oltre a favorire la produzione dei succhi gastrici, è anche in grado di migliorare l’assorbimento delle sostanze nutrienti presenti negli alimenti introdotti nel nostro organismo.

Secondo alcuni studi non ancora dimostrati pare che la piperina sia in grado di stimolare la produzione di endorfine a livello celebrale ed  è quindi considerata una sostanza con proprietà antidepressive. Al pepe vengono attribuite altre proprietà terapeutiche in grado di apportare benefici in caso di infiammazioni e ritenzione idrica.

Uno studio pubblicato sulla rivista Clinical Laboratory Science sostiene che il consumo di pepe nero si rivela efficace nella lotta al cancro al colon in quanto inibisce la proliferazione di questo tipo di cellule tumorali.

Il pepe nero è anche in grado di favorire la termogenesi, ovvero la produzione di calore da parte dell’organismo, processo che aiuta il corpo a bruciare più calorie; per questo motivo il pepe nero viene utilizzato nelle diete dimagranti ed è stato calcolato che, se assunto durante un pasto, può aumentare fino 10 % in più il numero di calorie bruciate.

Altri Tipi di Pepe

Oltre al più conosciuto pepe nero esiste il pepe bianco che si ottiene dal frutto che viene messo a bagno nell’acqua per una settimana ed in seguito essiccato.

Il pepe verde invece, come il nero, si ottiene dal frutto acerbo che viene però trattato con il diossido di zolfo in modo da fargli mantenere il suo colore verde.

Il pepe grigio invece non è nient’altro che il risultato della macinazione del pepe nero ed il pepe bianco insieme.

Il pepe lungo invece si ricava dalle bacche della pianta del Piper Longum che prende questo nome grazie alla forma delle bacche che sono appunto allungate rispetto al Piper Nigrum; il gusto è molto simile a quello del pepe nero.

Pepe Nero  e Calorie

Ogni 100 grammi di pepe nero si ha una resa calorica pari a 250 calorie.

Controindicazioni Pepe Nero

L’assunzione di pepe nero è sconsigliata in caso di ipertensione ed emorroidi; può inoltre interferire con l’attività di alcuni farmaci. In caso di dubbi è d’obbligo la consultazione del medico di fiducia.

Pepe Nero Curiosità

Pepe nero: proprietà e benefici
Pepe nero: proprietà e benefici

Di tutti i tipi di pepe presenti in natura la bacca del Piper Nigrum è quella che contiene la più alta percentuale di piperina.

In antichità il pepe nero era una spezia molto pregiata tanto da essere chiamato col nome di oro nero; spesso veniva utilizzato come moneta di scambio.

Si ritiene che il pepe veniva usato come spezia sin dalla preistoria; un grano di pepe nero venne addirittura trovato all’interno della narice della mummia del faraone Ramesse risalente al 1212 a.C. .Nel medioevo il pepe nero aveva un valore così elevato che costituiva un genere di lusso che poteva essere acquistato solo dalle persone ricche e benestanti.

Alcune credenze, di cui però non vi è nessuna certezza, sostengono che nel medioevo il pepe veniva utilizzato per camuffare il sapore della carne non più fresca o addirittura per migliorare il gusto del vino andato a male.

A testimonianza del valore che il pepe nero aveva in antichità, si narra che Attila, durante l’assedio di Roma, chiese un riscatto di una tonnellata di pepe nero per la salvezza della città.

Nell’opera di Plinio il Vecchio ” Storia Naturale” sono elencati i prezzi dei vari tipi di pepe nella Roma del 77 d.C. .

Al genere Piper appartengono circa 700 diverse specie di piante.

Il pepe è utilizzato nella medicina Ayurveda per migliorare l’appetito e favorire la digestione.

Pepe nero: Proprietà e Benefici

Disclaimer:

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale; esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it  devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.