Home / Pitaya: Proprietà e Benefici

Pitaya: Proprietà e Benefici

Condividi

Pitaya Proprietà e Benefici

Pitaya proprietà e benefici
Pitaya proprietà e benefici

La pitaya o pitahaya, è un frutto originario del Sud America prodotto da una pianta appartenente alla famiglia delle Cactaceae ed al genere Hylocereus. Le varietà di pitaya sono l’Hylocereus megalanthus, caratterizzata da buccia gialla e polpa bianca, l’Hylocereus costaricensis con buccia rossa e polpa rossa e l’Hylocereus undatus con buccia rossa e polpa bianca.

La pianta che produce la pitaya appartiene quindi alla stessa famiglia dei cactus solo che le sue ramificazioni sono spioventi e creano un grazioso effetto estetico. I fiori di questa pianta sono bianchi e gialli e la fioritura avviene solo di notte. La caratteristica singolare di questi fiori è che la loro durata è limitata ad un giorno solo.

La pitaya non è un frutto molto conosciuto nel nostro paese anche se negli ultimi anni è possibile reperirlo sempre più frequentemente nei supermercati e negli ipermercati.

Composizione Chimica della Pitaya

Come tutta la frutta anche la pitaya è composta in gran parte da acqua, la sua quantità può variare dall’80 al 90 %, contiene lo 0,6 % di fibre alimentari, lo 0,5 % di ceneri, lo 0,3 % di proteine e lo 0,4 % di grassi.

La pitaya contiene tracce di vitamina A, vitamina C, in particolar modo la varietà con la buccia rossa, tracce di vitamine B1, B2, B3 e vitamina E che è contenuta nei semi.

I mineralipotassio, ferro, sodio, fosforo ed il calcio. Contiene inoltre flavonoidi e sostanze con proprietà antiossidanti.

Proprietà e Benefici della Pitaya

  • Digestiva: l’abbondanza di fibre alimentari presenti nella pitaya, insieme ai molti semini commestibili, conferiscono a questo frutto proprietà lassative ed allo stesso tempo utili al processo digestivo. Consumare questo frutto regolarmente è un buon metodo preventivo per la stitichezza.
  • Radicali liberi: la presenza di vitamina C e di altre sostanze con proprietà antiossidanti ha effetti benefici sull’organismo umano, la sua assunzione rafforza il sistema immunitario, è utile per combattere i tanto temuti radicali liberi ed ha proprietà anti invecchiamento nei confronti delle cellule del nostro organismo. I radicali liberi, un sottoprodotto del metabolismo umano, sono la causa di molte malattie gravi come i tumori, malattie cardiache e le malattie degenerative, consumare regolarmente alimenti ricchi di antiossidanti è un buon metodo per tentare di prevenire molte di queste malattie.
  • Abbassa il colesterolo: il buon contenuto di fibre in aggiunta alle sostanze benefiche presenti nella pitaya, fanno di questo frutto un alimento utile a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue. In questo modo si riduce il rischio di formazione di pericolose placche nei vasi sanguigni con benefici nella prevenzione dell’arteriosclerosi, degli attacchi cardiaci e dell’ictus.
  • Depurativa: la vitamina C presente nella pitaya, circa 21 mg. x 100 gr. di polpa, oltre a rafforzare il sistema immunitario, aiuta a sopportare lo stress ed aiuta l’organismo a purificarsi dell’eventuale presenza di tossine e di metalli pesanti.
  • Diabete: recenti studi sembrano dimostrare che questo frutto è in grado di abbassare i livelli di zucchero nei soggetti affetti da diabete di tipo 2.
  • Fa bene al cuore: i flavonoidi contenuti nella pitaya, hanno proprietà benefiche nei confronti del cuore e dell’apparato cardiocircolatorio, inoltre il frutto del dragone è anche noto per i suoi effetti benefici sulla memoria e sulle ferite.
  • Malattie cardiovascolari: i flavonoidi sono presenti in particolar modo nella buccia della pitaya ed hanno una vasta gamma di attività biologiche. Oltre alle proprietà antiossidanti gli vengono attribuite anche quelle anti infiammatorie, antitumorali, anti aterosclerotica. Vi sono inoltre diversi studi che dimostrano la stretta relazione tra una dieta ricca di flavonoidi e il ridotto rischio di sviluppo di malattie cardiovascolari.
  • Protegge i capelli: il succo di pitaya, utilizzato sul cuoio capelluto, protegge i capelli tinti o trattati chimicamente.
  • Artrite: il frutto ha proprietà antinfiammatorie, inserirlo regolarmente nella dieta può apportare benefici ai disturbi causati dall’artrite, una malattia causata dall’infiammazione delle articolazioni.
  • Brufoli ed acne: la polpa tritata del frutto può essere utilizzata per trattare o anche per prevenire brufoli e acne. A questo scopo bisogna applicarla per un paio di volte al giorno sul viso per 15 minuti e poi risciacquare.

Pitaya e Proprietà Curative sulle Ferite

Recenti studi sono stati condotti sugli estratti delle foglie, della buccia, della polpa e dei fiori della varietà di pitaya Hylocereus undatus, tali studi sono stati portati avanti per approfondire le proprietà cicatrizzanti di questo frutto. Le ricerche, condotte su ratti da laboratorio, hanno dimostrato che questa pianta ed i suoi frutti accelerano il processo cicatrizzante, almeno sui ratti.

(Rif.to http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/ptr.1724/abstract ).

Pitaya e Calorie

Ogni 100 gr. di polpa di pitaya  si ha un apporto calorico di 38 calorie.

Controindicazioni

Non ci sono rischi per la salute associati al consumo di pitaya, vi sono addirittura studi che dimostrano che il consumo di questo frutto è sicuro anche per le donne in gravidanza.

Pitahaya Curiosità

Proprietà e benefici della pitaya
Proprietà e benefici della pitaya

Come per i fichi d’india anche i semini contenuti nella polpa di pitaya sono commestibili ed aiutano il processo digestivo.

La pitaya è conosciuta anche come frutto del dragone mentre i suoi fiori, a causa della loro fioritura notturna, vengono anche chiamati fiori della luna.

La pitaya può essere consumata fresca o essiccata, nell’industria dolciaria viene utilizzata per la produzione di bevande, la preparazione di gelati e anche di dolci in pasticceria.

La pianta che produce la pitaya è parente del fico d’india, i suoi frutti però hanno un gusto più delicato.

La pianta della pitaya, in ambiente favorevole, può arrivare a fruttificare fino a quattro volte in un anno.

Il frutto può arrivare a pesare 300/400 grammi.

Quella con polpa rossa contiene un pigmento che può colorare urine e feci per un massimo di due giorni dalla sua assunzione.

Il nome “frutto del dragone” probabilmente prende origine dalla strana forma di questo frutto che può richiamare alla mente una palla rossa infuocata sputata da un drago.

Pitaya: Proprietà e Benefici

Ultimo aggiornamento 24/01/2016

Disclaimer:

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.