Home / Verza: Proprietà e Benefici

Verza: Proprietà e Benefici

Verza Proprietà e Benefici

Verza: proprietà e benefici
Verza: proprietà e benefici

La verza, nome scientifico Brassica Oleracea, è conosciuta anche come cavolo verza ed è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Crucifere. È presente in tutte le parti d’Italia ma è particolarmente diffusa nelle zone centro settentrionali della nostra penisola.

La verza era già conosciuta nell’antichità quando, grazie alle sue proprietà, veniva considerata una pianta medicinale a tutti gli effetti. La parola verza deriverebbe dalla parola latina “viridi” che significa verde, come è il colore delle sue foglie.

La verza viene raccolta da ottobre ad aprile nel periodo antecedente alla fioritura ed è per questo motivo che viene considerata un ortaggio invernale. La sua coltivazione, presente soprattutto nelle zone dell’Italia settentrionale avviene, oltre che in pianura, anche nelle zone collinari e di montagna.

Composizione Chimica della Verza

La verza è composta per il 90% circa da acqua, dal 2% di proteine, per lo 0,1 % da grassi, per il 3 % di fibre, per il 2,2 % di zuccheri e dallo 0,8 % di ceneri.

minerali: calcio, sodio, fosforo, potassio, magnesiorame, manganese, ferro, selenio e zinco.

Vitamine: Oltre alla vitamina A di cui è molto ricca, contiene le vitamine B1, B2, B3, B5 B6, la vitamina C, la vitamina E, K e J. Contiene inoltre una buona quantità di beta-carotene, luteina e zeaxantina che sono tutti potenti antiossidanti.

Questi gli aminoacidi: acido aspartico, acido glutammico, arginina, alanina, cistina, glicina, fenilalanina, istidina, isoleucina, leucina, lisina, prolina, metionina, serina, tirosina, triptofano, valina e treonina.

Proprietà e Benefici della Verza

Verza: proprietà e benefici

  • Ricostituente: grazie alla buona presenza di vitamina C ha proprietà anti ulcera e, per la buona presenza di sali minerali, è anche un ottimo ricostituente e riequilibratore dell’organismo.
  • Radicali liberi: la vitamina C ha proprietà antiossidanti che, insieme agli altri composti antiossidanti, sono in grado di rafforzare il nostro sistema immunitario ed inoltre contrastano l’attività dei radicali liberi proteggendo le cellule dalla precoce ossidazione.
  • Antitumorale: Recenti studi hanno rilevato nella verza la presenza di Sinigrina, un glucosinolato che ultimamente è stato al centro dell’attenzione per quanto riguarda la prevenzione di alcuni tipi di tumore come quello alla vescica, alla prostata ed al colon.
  • Problemi respiratori: il decotto ottenuto con le foglie apporta benefici all’organismo in caso di asma e bronchiti.
  • Fa bene alla pelle: l’acqua che si ottiene dalla cottura della verza, essendo ricca di zolfo, ha invece proprietà curative nei confronti della pelle, soprattutto in caso di infiammazioni e brufoli.
  • Abbassa la pressione: la buona quantità di vitamina K fa di questo ortaggio un alimento utile nella prevenzione e nella cura dell’aterosclerosi con conseguenti effetti benefici anche sulla pressione alta. Oltre alla vitamina K anche la buona quantità di potassio presente nella verza concorre nell’abbassare la pressione sanguigna.
  • Fa bene alla vista: il beta-carotene invece apporta benefici alla vista, la visione notturna in particolare ma non solo, è utile anche nella prevenzione della cataratta e della degenerazione maculare, una patologia tipica dell’età avanzata.
  • Fa bene alla pelle: il buon contenuto di vitamina C contribuisce alla formazione del collagene che è un elemento portante della struttura della pelle mentre gli altri composti antiossidanti la proteggono dagli effetti nocivi dei radicali liberi.
  • Allergie: questo ortaggio ha un contenuto elevato di folati, uno studio del 2009 pubblicato su The Journal of Allergy and Clinical Immunology ha riscontrato che le persone con bassi livelli di folati nel sangue avevano il 31 % di rischio in più di sviluppare allergie rispetto a chi aveva livelli di folati più alti nel sangue.
  • Ulcera: uno studio condotto alla Stanford University School of Medicine suggerisce che il succo di verza, grazie al suo contenuto di glutammina, è un buon rimedio per l’ulcera allo stomaco.
  • Aiuta la digestione: il buon contenuto di fibra alimentare aumenta la motilità intestinale e favorisce il processo digestivo con benefici in termini preventivi per quanto riguarda la stitichezza.

Tipologie di Verza

Forse è a causa del fatto che arrivò per la prima volta in Italia attraverso la Lombardia, che ora viene anche chiamata “Cavolo di Milano”. Per quanto riguarda le varietà ne esistono molte che si differenziano per il luogo di origine. Qui di seguito alcune varietà:

La verza di Settimo Torinese, quella di San Martino d’Asti, la verza di Vetu, la violacea di Verona, Marcellino, Pasqualino, San Giovanni e Agostano di Asti.

Una preparazione particolare di questo tipo di cavolo è quella che porta ad ottenere la verza acida meglio conosciuta col nome di “crauti”.

Verza e Calorie

Ogni 100 grammi di parte edibile di verza ha un apporto calorico pari a 27 calorie.

Curiosità

Durante la cottura, a causa del suo alto contenuto di zolfo, rilascia un odore per molti sgradevole, per evitare che si formi tale odore è necessario aggiungere all’acqua di cottura aceto oppure limone.

Con il decotto di foglie di verza si preparano alcune maschere di bellezza che rendono la pelle più liscia e vellutata.

Fino a qualche secolo il suo succo, veniva utilizzato come lassativo, mentre, con il suo brodo, si curavano i problemi respiratori. Il succo, aggiunto al miele, era utilizzato per apportare benefici in caso di tosse o problemi alla voce.

Se cotta troppo può provocare problemi di digestione.

La tradizione vuole che, grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, il succo centrifugato si riveli molto utile in caso di problemi legati all’apparato respiratorio, cistiti ed emorroidi.

Un ottimo modo per beneficiare al massimo delle proprietà della vitamina C della verza è quello di consumarla insieme ad alimenti che contengono vitamina E, queste due vitamine infatti rendono meglio quando sono in sinergia.

Lo zolfo contenuto nella verza influisce in modo benefico sui problemi legati alla pelle grassa.

Il miglior modo per cuocerla è il vapore, una cottura prolungata infatti andrebbe ad incidere negativamente sulla conservazione dei principi attivi contenuti. Per questo motivo è consigliata una cottura di 15/20 minuti a vapore. Nel caso si dovesse cucinare la verza in acqua si consiglia di conservare e consumare anche l’acqua di bollitura per approfittare così di tutti i benefici e le proprietà delle sostanze contenute.

Verza: Proprietà e Benefici

Ultimo aggiornamento 04/02/2016

Disclaimer:

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.