ComportamentoPsicologia

Sentirsi Appagati

Difficile nell'Era del Consumismo

Sentirsi appagati è necessario per stare bene e la nostra società è costruita sul senso di appagamento. Ogni giorno ci viene infatti suggerito qualcosa che dovrebbe permettere agli individui di sentirsi appagati. Dal cellulare all’auto veloce, dalla forma fisica invidiabile alla notorietà.

Sentirsi appagati nell'era del consumismo

Il problema è che è difficile sentirsi appagati a lungo in una società come la nostra. L’economia non può fermarsi e le industrie producono continuamente nuovi oggetti da desiderare e nuove mode da seguire. In questo modo ci costringono a rincorrere perennemente quello che può soddisfare i nostri desideri insaziabili. E così invece di sentirsi appagati ci si sente perennemente frustrati ed insoddisfatti. Si è alla continua ricerca di qualcosa di più nuovo, più grande, più bello di quello che già possediamo.

Cambiare per Sentirsi Appagati

Sarà mai possibile sentirsi appagati continuando ad alimentare questa spirale con le proprie scelte?

Non credo, perché il nostro vero senso di appagamento, quello più profondo, non si adegua agli standard che la società ha creato per noi al fine di renderci perfetti consumatori. Un bene materiale non potrà mai appagare lo spirito.

Paradossalmente per vivere meglio basta restringere le proprie necessità invece di moltiplicarle a dismisura. Perché avendo poco si riesce a dare il giusto valore ad ogni cosa. Si raggiunge così un equilibrio interiore che non necessita di altro e che permette di vivere godendo di uno senso di appagamento costante e duraturo.

Ti accorgi di come nel nostro vivere tutto è stato portato all’eccesso? Pensa al cibo, ad esempio. Abbiamo cibo a sufficienza per nutrirci ed appagarci ma, invece di goderne con moderazione, o ne abusiamo oppure ce ne priviamo in modo ossessivo fino ad ammalarci.

Pensa all’informazione. Non ci basta più sapere quello che accade in tutto il mondo. Dobbiamo nutrire la nostra morbosità seguendo programmi che parlano per ore di fatti drammatici.

Pensa al lavoro. Ormai non si lavora per vivere ma si vive per lavora. Non c’è più tempo per la famiglia né per se stessi. E spesso soltanto per poterci comprare cose di cui in realtà non avremmo bisogno.

Tutto è diventato eccessivo e perfino quello che nella giusta misura sarebbe salutare, nell’esagerazione crea dei danni al nostro corpo ed al spirito.

Possiamo dirci che non siamo in grado di farci niente oppure scegliere di diventare una piccola matrice di cambiamento. Dimostriamo che per vivere nel modo giusto non abbiamo bisogno di molto.

Impariamo a restringere le nostre necessità materiali. Chiediamoci di cosa abbiamo davvero bisogno prima di fare un acquisto. Coltiviamo piuttosto le necessità del nostro spirito.

Ci accorgeremo che si può vivere bene e sentirsi appagati con davvero molto poco.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button