ComportamentoPsicologia

Pregiudizi e Discriminazioni

Pregiudizi e discriminazioni sono all’ordine del giorno perché non sempre è facile entrare in empatia con chi ci circonda. Spesso le persone, anche appartenendo alla stessa famiglia, vedono le cose in modo diverso e sentono in modo diverso. Di conseguenza, reagiscono in maniera differente agli stessi stimoli.

Nessuno è immune da pregiudizi e discriminazioni

Tutto ciò sembra ovvio eppure è il motivo scatenante di moltissimi stati d’animo non proprio positivi. Si può arrivare a scontri violenti causati dall’arroganza di pensiero, a molte forme di pregiudizi e discriminazioni. La causa è la paura di chi è troppo diverso da noi.

Ma i pregiudizi e le discriminazioni nascono anche, inaspettatamente, dalla triste sensazione di sentirsi incompresi da chi amiamo. Tendiamo tutti infatti, almeno nelle amicizie, a prediligere chi ci somiglia in qualche modo. Chi ci da così la possibilità di essere noi stessi senza dare adito a fraintendimenti, incomprensioni, pregiudizi e discriminazioni.

In realtà, la differenza di punti di vista e di esperienze di vita non è che un grande arricchimento. Ci viene data la possibilità di conoscere quello che ignoravamo e soprattutto, ci fa aprire la mente. Per questo dovremmo accogliere senza pregiudizi e discriminazioni anche chi non riusciamo a capire, tanto è diverso da noi.

La comunicazione, il desiderio di scoprire davvero il perché di certe azioni, spesso dà la possibilità di capire in modo più approfondito anche noi stessi.

Nessuno è Immune da Pregiudizi e Discriminazione

Non bisogna mai pensare di essere immuni a questa forma di chiusura mentale. Perché anche quando non si è contro i diversi e le minoranze, pregiudizi e discriminazioni sono sempre dietro l’angolo.

Quando siamo coinvolti in una differenza di opinioni ad esempio, lasciamo sempre esprimere l’altro senza pregiudizi e discriminazioni? Oppure ci chiudiamo nelle nostre posizioni con superbia perché tanto pensiamo già che l’altro è in torto?

Se di fronte alla differenza discutessimo tutti per capire il punto di vista dell’altro e non per avere ragione, impareremmo a valutare meglio la realtà. Perché osservare il mondo con gli occhi di qualcuno che non ci assomiglia ci permette di cogliere quello che altrimenti ci sfuggirebbe.

Ovviamente si può anche restare dell’opinione di partenza oppure trovarsi di fronte a persone che ignorano le normali regole della buona educazione e del rispetto. In questo ultimo caso l’unica cosa da fare è restare in silenzio e possibilmente, girare le spalle ed andare via. Un gesto così insolito ed inaspettato nella maggior parte dei casi dà modo a chi ci offende di riflettere sulle proprie azioni, sui propri pregiudizi e discriminazioni

Lettura consigliata: Mai senza l’altro di Michel de Certeau

Mai senza l'altro. Viaggio nella differenza

Amazon

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button