Home / Psicologia / Vivere con la Paura

Vivere con la Paura

Vivere con la Paura

Oggi esistono moltissime persone condannate a vivere con la paura. Paura di non essere all’altezza, di non riuscire, di restare sole. Per non parlare di tutte le fobie che ci portiamo dietro e che sono sempre più diffuse.

Vivere con la paura

Ci insegnano a vivere con la paura fin da piccoli. Pensate a quante paure incutono i genitori ai bambini, seppur a scopo educativo. Trasmettono timore degli animali, delle persone sconosciute, delle cadute, dello sporco etc.

Quando si diventa adulti, se non si è dotati di un carattere forte, si continua a vivere con la paura inculcata dal partner o dal datore di lavoro. Magari vogliono sinceramente risparmiarci delle sofferenze ma, sfruttando l’ascendente che hanno su di noi, ci impediscono di metterci in gioco.

Soffocati da tutte queste paure non riusciamo a volare oltre la nostra quotidianità. Il risultato è che questo atteggiamento ci priva del coraggio e dei sogni. Ci condanna ad essere per sempre frustrati ed infelici.

Eppure basterebbe l’esperienza a darci quel coraggio che ci manca per superare ogni timore.

A quasi tutti è infatti capitato di avere sogni che parevano irrealizzabili e che invece poi sono diventati realtà. Certo, sono serviti sacrifici e magari sofferenze, ma quando si lavora strenuamente per qualcosa di solito si vince.

Le persone che invece si rassegnano a vivere con la paura abbandonano la partita ancora prima di giocare. E così perdono sempre.

Vivere con la Paura è come Vivere a Metà

Non c’è nulla al mondo che non possiamo fare! E non è retorica, gli esempi sono ovunque. Esistono persone che scalano le cime più alte, che attraversano stretti a nuoto, che si piegano come fossero di gomma. Esistono persone che sono guarite da malattie incurabili, persone che hanno cambiato il corso della storia.

Pensate a quanta gente avrà detto a queste persone che non ce l’avrebbero mai fatta.

Ma loro non hanno accettato questa condizione di timore e sono andate avanti con coraggio, realizzando i loro sogni.

Quanti invece, ogni giorno, si piegano al timore ed all’insicurezza? Per questo, a volte, è bene essere sordi.

Ci sarà sempre qualcuno pronto a criticarti, qualsiasi cosa tu faccia. Se stai lavorando per qualcosa in cui credi davvero però, non devi arrenderti. Vivere con la paura nella vita non ti porterà a nulla se non ad uccidere i tuoi sogni.

Se la pagina ti è piaciuta o se ti è stata utile, condividila!

Lettura consigliata: Ricordati di dimenticare la paura di Niccolò Campriani

Ricordati di dimenticare la paura

16 commenti

  1. Caro Loto, ci troviamo in un tempo che in Italia aumentano sempre coloro che hanno sempre il dormire agitato.
    Credo che non ci sia alcuna medicina che questo possa guarire!!!
    Ciao e buon inizio della settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

  2. Caro Mr. Loto,
    la paura che descrivi tu è una paura paralizzante, che ci mina nelle fondamenta. Condivido il tuo pensiero ma credo che esista un altro tipo di “paura”, che in realtà è timore. Quello che innesca la cautela, quello che serve alla realizzazione dei nostri obiettivi. Non dobbiamo mai avere paura di agire, ma non sempre è un bene agire solo ed esclusivamente di istinto, ed ecco che entra in gioco la paura, che può aiutarci a scegliere con cautela.
    Chi si lascia paralizzare dalla paura non sceglie, lascia agli altri il compito. Non è vita, solo sopravvivenza.

    • Certo, il tipo di timore a cui ti riferisci, quello che fa nascere la cautela, può anche essere positivo. Ma spesso pensare prima di agire non corrisponde ad alcun tipo di paura. Certo, dipende anche dal carattere che si ha. L’unica cosa che conta è non lasciarsi paralizzare, non permettere ai propri timori, di qualunque genere essi siano, di costringerci ad una vita che non vogliamo.
      Ciao, buona settimana.

  3. Buonasera Mr. Loto. Tu lo sai che io ho paura! Paura della folla, dell’assembramento. Ricordo la guerra(alla fine avevo 5 anni e tanta memoria) Milano, il camminare frettoloso, la sera terminata la scuola prima e il lavoro poi, rasente il muro e poi un tentativo di stupro, per fortuna non concluso totalmente. La rabbia degli scioperanti che rompevano vetrine e rovesciavano le macchine…..Debbo continuare? Oggi ti ringrazio per il commento. E’ stata la prima volte che sul mio blog ho parlato di dolore, ma di un dolore diverso, diverso che non avrei mai immaginato in un tempo di pace.
    Domattina mia figlia andrà a Milano in treno….ma la stazione sarà supervigilata dopo l’accaduto di oggi. Non ne abbiamo parlato voglio che sia tranquilla. Fino a quando non tornerà parlerò di tutt’altro come se non fossi preoccupata. Io che faccio l’autostop alla mia età, che chiedo la cortesia di aiutarmi a portare la spesa al primo migrante fuori dal super, io che apparentemente, non ho paura! I ladri mi hanno già visitato portandomi via tutto quello che avevo , mio, dei miei figli persino di Valeria…eppure non chiudo la porta a chiave, solo di notte. Incosciente, forse, ma servirebbe? Voglio cantare la vita!!! guardando negli occhi chi incontro! Ah, questo non lo sai …mi è anche successo di prendere l’autostrada al contrario….e sono tornata a casa sana e salva! Ma ho un Angelo grande che ci protegge!!!

    • Avere paura è umano, direi che fa parte della nostra natura. Quello che conta è non farsi schiacciare! E se canti alla vita va bene, credo sia proprio il modo giusto di affrontare l’esistenza.
      Giovanni Falcone, una persona che ammiro molto e che ha conosciuto bene la paura, diceva: “L’importante non è stabilire se uno ha paura o meno, è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa. Ecco, il coraggio è questo, altrimenti non è più coraggio, è incoscienza.”

      Un abbraccio.

  4. Vivere con la paura costante è non vivere, bisogna cercare di combatterla la paura, altrimenti non si otterrà mai niente e la vita sarà un ansia continua. Buona settimana Mr. Loto!

    • Proprio così! E l’unico modo per combattere la paura è cercare di affrontare con la razionalità, cercando di capire perché la si prova e da dove ha origine.
      Ciao Silvia, un abbraccio!

  5. Chi ha paura della morte muore ogni giorno, chi non ne ha paura muore una sola volta. Quella del resto è la madre di tutte le paure. Sempre illuminanti i tuoi post.

    • Si, quella della morte è la madre di tutte le paure, ma credo che la morte faccia paura come tutte le cose che rappresentano una fine. Il fatto è che non possiamo scampare a questo nostro ineluttabile destino, quindi tanto vale prenderlo con filosofia…
      Ciao, grazie ed a presto!

  6. io penso che la paura arrivi da grandi. Io lavoro con gli adolescenti e loro non hanno paura di niente, né di sbagliare e nemmeno di essere brontolati dal preside o dai genitori. Gli adolescenti vivono come nei videogames dove se sbagli non importa, tanto puoi ricominciare da capo senza pagare pegno… Poi però da grandi, è vero, arrivano le paure, ma forse è perché crescendo con superficialità ci si sente inadeguati ad affrontare le difficoltà.. Grazie di questo bel post che porta a riflettere

    • Trovo che l’adolescenza sia l’età più interessante che attraversano gli esseri umani. Ho notato anche io che i ragazzi così giovani non hanno grosse paure di quel che spaventa noi… ma credo che abbiano altri tipi di timore, molto più profondi ed inespressi.

      Ti ringrazio e ti auguro una lieta giornata.

  7. La paura è una componente fondamentale dell’essere umano, e come tale va rispettata. Non deve essere esagerata, quindi ossessiva, ma non dimentichiamo che senza paura l’uomo diventa, molto spesso, privo di regole e di limiti, fino all’assurdo. La paura è lo strumento che ha anche la funzione di regolatore nelle nostre scelte, nelle nostre decisioni, che dovrebbe far pensare prima di agire, cercando di valutare i pro e i contro di ogni azione. A me fa paura (bel gioco di parole) pensare a come sta evolvendo l’individuo attuale che, per essere “alla pari coi tempi”, dovrebbe eliminare tutte le inibizioni, soprattutto mettendo da parte rispetto e comportamento etico. In un contesto di vivere sociale, i limiti sono necessari, e la paura è uno degli strumenti utili per conoscere tali limiti. Come sempre, sicuramente, senza esagerare.
    Ciao.

    • Una paura “sana” è necessaria alla sopravvivenza, ma quello che vedo in giro non ha nulla a che vedere con questo tipo di paura. Purtroppo vedo paure del tutto insensate che bloccano totalmente delle esistenze nell’infelicità. Sai, ad esempio, quante persone conducono una vita che detestano soltanto perché hanno paura di ciò che accadrebbe se tentassero un cambiamento? Ecco, la paura non deve ostacolarci nella nostra costante ricerca di noi stessi e di ciò che siamo ed amiamo.

      Ciao, ti auguro una lieta giornata.

      • Diciamo che, qualche volta, dovrebbe succedere qualcosa che dia fiducia alle nostre capacità. Che dici?
        Ciao.

        • Direi che in parte hai ragione… ma non sempre possiamo aspettarci che arrivi dal di fuori qualcosa che deve partire prima di tutto da noi stessi.
          Un saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *