ComportamentoPsicologia

Il Giudizio degli Altri

Ascoltare gli Altri non Sempre è una Buona Idea

Anche se non sempre ce ne rendiamo conto, il giudizio degli altri tende ad influenzare tutta la nostra vita. Si inizia con il non voler deludere i genitori per poi uniformarsi al gruppo di amicizie o al partner.

Il giudizio degli altri, ascoltare gli altri non sempre è una buona idea

Nella vita lavorativa la musica non cambia, il giudizio della gente ci spinge a fare sempre tutto a dovere ma come si è sempre fatto. Possiamo dire che, in linea generale, la paura di quello che la gente pensa su di noi ci spinge a non essere noi stessi al 100%.

Oltre a questo snaturamento della nostra essenza, il parere degli altri spesso ci scoraggia, portandoci ad accantonare sogni ed aspirazioni.

A tal proposito mi viene in mente una storia.

Ascoltare gli Altri non è Sempre una Buona Idea

C’era una volta una gara in cui i concorrenti erano chiamati a scalare una grande torre ed a raggiungerne la cima. A questa competizione intervennero molti spettatori che non vedevano l’ora di assistere al grande evento e di fare il tifo per i coraggiosi concorrenti.

Quando la gara cominciò la gente, vista la difficoltà dell’impresa, iniziò a pensare che nessuno dei partecipanti avrebbe mai potuto raggiungere la cima della torre. Si udivano solamente frasi come “non ce la faranno mai”, “è impossibile”.

Pian piano la maggior parte degli atleti, scoraggiati dal giudizio della gente, iniziarono a desistere dall’impresa.  Soltanto un giovane atleta continuava la sua arrampicata imperterrito, noncurante delle frasi che continuavano a venire dal pubblico.

In breve quell’atleta rimase solo ad arrampicarsi verso la cima e, a fronte di enormi sforzi e a dispetto dell’incredulità generale, raggiunse la meta.

Tutti erano ansiosi di sapere come il concorrente vincitore fosse riuscito in un’impresa tanto difficile. Tutti si stupirono quando scoprirono che il giovane vincitore era sordo.

Il Giudizio degli Altri: Riflessioni

Questa storia ci insegna qualcosa di molto importante. Capita spesso che quando decidiamo di buttarci in una nuova impresa, sia nel lavoro che nella vita privata, la gente che ci sta’ attorno, per abitudine o per ignoranza, è solita scoraggiarci in svariati modi. Se lasciamo che il giudizio degli altri influisca sul nostro modo di pensare, ci ritroveremo ben presto a perdere di vista il nostro obiettivo ed a fare i conti con gli insuccessi.

Al contrario quando una persona è determinata e crede fermamente in quello che fa diventa automaticamente sorda ai giudizi della gente. Nella maggior parte dei casi, è solo ignorando il giudizio degli altri ed impegnandosi al massimo, che potremo realizzare i nostri sogni con grande soddisfazione.

Ovviamente serve anche serietà, preparazione e l’umiltà di capire ed accettare le critiche costruttive. Perché, quando non è avvilente e fine a sé stesso, il giudizio degli altri può essere anche un buono spunto per migliorare.

Lettura consigliata: L’arte di ignorare il giudizio degli altri di Arthur Schopenhauer

L'arte di ignorare il giudizio degli altri

Amazon

Articoli correlati

26 Commenti

  1. Visto che abbiamo un cervello (almeno dovremmo…) sarà il caso di usarlo, solo noi possiamo sapere dove possiamo arrivare e se abbiamo la forza necessaria per superare i nostri limiti oppure no, anche perché fino a quando non si prova non si potrà mai sapere 😉
    Sempre meglio ragionare con la propria testa, anche magari sbagliando, almeno la colpa è solo nostra e non degli altri!
    Buona estate caro Mr. Loto starò assente da web per un po’ per impegni, anche dilettevoli, nella vita quotidiana, a presto 🙂

    1. Dovrebbe essere così, purtroppo a volte l’insicurezza ci spinge ad ascoltare i giudizi insensati degli altri.. Ciao Silvia, buona estate anche a te, divertiti e riposati! Un abbraccio.

    1. Visto che nei post si affrontano argomenti che però è impossibile approfondire in poche righe, cerco sempre di offrire la possibilità a chi lo vuole di sapere qualcosa di più sul tema in questione. Mi fa piacere che lo apprezzi! 😉

      Buona serata, a presto.

  2. Concordo pienamente :). Qualche anno fa in una conversazione tra colleghi, alcune colleghe molto critiche, forse pessimiste…Ma ciò che ricordo con piacere e con gioia è il parere di un collega che invece mi incitava ad aver fiducia e ad essere ottimista…e l’intelligenza amorevole anche a distanza di anni la porto nel cuore. C’è una citazione che ogni tanto incontro nelle pagine web che dice:’ Quando cercano di distruggere i tuoi sogni, ricordati sempre che ti stanno raccontando la loro storia, non la tua ‘.(Antonia Gravina)

    1. La citazione è bellissima, è una cosa che penso spesso anche io. Quanto ai colleghi, beh, purtroppo in ambito lavorativo c’è competizione e sorgono spesso delle invidie … così i meni bravi tendono a scoraggiare i migliori! 😉 Meglio fare orecchie da mercante al pessimismo e scoprire, grazie all’occasione, di che pasta sono fatte le persone che ci circondano!

      Ciao, buona serata.

  3. ricordo di aver letto che la critica e lo sparlare viene da lontano. Dice che lo stesso Michelangelo ebbe a dire di non poter sbagliare nel suo lavoro visto il nutrito numero di critici, fiorentini, che seguivano il suo lavorare.
    Pensa nella mia borgata non ci possiamo assolutamente sottrarre al giudizio dei borgatari, piuttosto chiaccheroni.
    Piove anche in questo pomeriggio.

    1. Alcune critiche sono costruttive e ci aiutano a dare il meglio di noi e a migliorare il nostro operato… ma la maggior parte, purtroppo, sono soltanto un modo per scoraggiare chi vorrebbe fare qualcosa di nuovo e bello. Difficile sottrarsi al giudizio (sterile e non costruttivo) altrui, ma si può sempre ignorarlo a cuor leggero!

      Buona serata.

  4. vado per natura controcorrente, sono una sorda…virtuale 😀 ovviamente è faticoso, lo è sempre stato, ma mi vado di molto bene così. abbraccio M.L.

  5. “Ogni volta che senti la tentazione di giudicare gli altri quindi, cerca di spingere il tuo spirito verso un sano cambiamento, impegnandoti invece a giudicare te stesso con assoluta onestà”

    Tratto da un vecchio suo post,che mi è molto piaciuto….forse perché prima di esprimerci ” sul giudizio degli altri” dovremmo principalmente impegnarci a giudicare noi stessi con onestà!

    Mr. Loto …lei è unico nei suoi post …le lascio un bel proverbio dei Nativi d’America.

    “Prima di giudicare una persona cammina nei suoi mocassini per tre lune”….cosa vorrà mai dire?

    Un grande augurio di buona serata… Magari in riva al mare sotto il cielo a guardare questa tanto attesa eclissi lunare.

    1. Mai giudicare gli altri senza conoscere quello che hanno vissuto, quello che provano e dove vogliono andare…
      Ti ringrazio e ti auguro una buona serata.

      P.S. Niente mare per me stasera, un ben meno romantico terrazzo! 😉

      1. …. per me stasera, un ben meno romantico terrazzo!

        Lei per come riesce a valorizzare ogni cosa è tipo che apprezza soprattutto la “semplicità” ….quindi starebbe bene anche in un piccolo angolo…riesce sempre a guardare dall’alto però… È questa è la sua di “bellezza”!!

        Oddio ho espresso il mio ” giudizio “!

        Buon fine settimana?

        1. Grazie Lara, sei sempre troppo buona nei miei confronti ed i tuoi “giudizi”, sempre così positivi, mi aiutano a continuare a scrivere le mie riflessione nel web. Contrariamente al tema del post, con i tuoi complimenti devo piuttosto stare attento a non montarmi troppo la testa! 😉
          Buon fine settimana, un abbraccio.

          1. Amo molto ripercorrere le strade del passato per tantissimi motivi e tu sei un grande alleato in questo, perchè mi lasci sempre un segnale , un filo rosso, che si ricongiunge a quel cammino…Infatti sono qui “catapultata” dal tuo nuovo post …e tra i commenti mi è giunta una risposta…una bella persona in comune…Sentivo questa “connessione” (con lui , con te ) non so spiegare come …ma non sono affatto sorpresa.L’Amore è un anello di congiunzione straordinario…non è forse vero ?

            Un abbraccio…buona giornata!

          2. Scusami , ma sono la testimonianza che “l’immigrazione è sempre esistita”… basta vedere i miei spostamenti 🙂

            Credo di star li o qui per lasciare il web , credo di smontare la mia tenda, devo solo ricevere un paio di risposte e poi emigrare altrove.

            P.s ma tu ce l’hai un cellulare?Boh mi sa di aver letto da qualche parte che è un oggetto che mister non ama proprio…tranquillo sono serena e sorrido:)

            Pps.

            Mi sono letta un post che parla del pezzo mancante.Il segreto è qui:
            Quando senti un pezzo mancante dentro di te, allora, inizia ad usare l’amore come una luce per cercarlo negli altri … lo troverai!

            Grazie di cuore a te , a tutti voi

        2. Mi spiace che tu senta la necessità di lasciare il web, ma se vuoi abbandonarlo evidentemente non ti rende felice, quindi è giusto così. L’importante è che tu riesca a trovare quel “pezzo mancante”…
          Sì, ho un cellulare ma non è sicuramente tra i miei oggetti preferiti! 😉

          Buon fine settimana e un abbraccio, ogni volta che vorrai ripassare da queste parti sarai la benvenuta.

          1. Questa volta direttamente dal tuo nuovo post sono venuta a cercarmi:)anche per dirti qualcosa.

            “Buon fine settimana e un abbraccio, ogni volta che vorrai ripassare da queste parti sarai la benvenuta.”

            … non avevo ringraziato per queste parole.Grazie.!..sai bene che questa è stata la casa in cui ho dimorato più di altre…ma mi fa un certo effetto parlare al passato proprio con te..come se ad una tratto non riuscissi più a percepire il senso di eternità!E cosí non è …

            “Allora cos’è l’eternità? Possiamo dire che è uno stato presente ed è in questo momento così e per sempre. Immutabile. Non possiamo dire che fu, come se ormai non sia più, né possiamo dire che sarà, come se ancora non sia”..

            Sono ancora in giro come vedi…magari te ne scriverò più in là…

  6. Lo sai che in seguito ad un incidente stradale sono sorda a sinistra? Sarà per questo che dò al giudizio della gente valore zero… 😉
    Complimenti per il blog che ho scoperto dai commenti sul Bazar di Riky.
    Non trovo il campo dei lettori fissi. Che peccato.
    Passa a trovarmi se ti va.
    Buona giornata.

    1. Fai bene a non dare importanza a ciò che dicono gli altri… in fondo nessuno, tranne te, può conoscere le tue potenzialità!
      Ti ringrazio per il commento e l’apprezzamento, passerò sicuramente a trovarti.
      A presto! 😉

  7. La cosa che più mi colpì, fu accorgermi dell’importanza che davo al giudizio altrui, nonostante avessi sempre detto che non mi importava. Fu illuminante rendermi conto che le mie azoni erano dettate da cosa potessero pensare gli altri. La consapevolezza è un potere che tendiamo a sottovalutare.

    1. Sono d’accordo con te, la maggior parte delle volte nemmeno ci rendiamo conto di essere schiavi del giudizio degli altri. C’è bisogno, prima di tutto, della capacità di essere onesti con se stessi… e non è da tutti!

      Buon fine settimana.

  8. Non si tratta di me e della mia felicità… si tratta degli altri e della loro infelicità, ma soprattutto negatività.Che poi io ne soffra è una scelta , una mia scelta ed è una scelta d’amore, credo che tu sappia di cosa parlo.

    Il pezzo mancante sarà sempre un pezzo mancante per tutti gli uomini della terra, e sono certa che lo possiede sempre Qualcuno , (anche l’ immigrato, attenzione!)solo che ci passa davanti , lo troviamo a mendicare, e non sappiamo riconoscerlo…se manchiamo di consapevolezza dell’amore , il tassello non è altro che un attimo fugace , un usa e getta, una vecchia auto sostituita alla nuova , una carrozzeria da demolire ad uso e consumo che nulla ha a che fare con l’eternità!

    -L’importante è che tu riesca a trovare quel “pezzo mancante”

    …una provocazione la tua che cercava approfondimento , con tatto ed intelligenza:)

    Voglio svelarti un mio dubbio …Quale forza spinge le persone a firmare -anche felicemente – un contratto di morte , ad avere una certezza assoluta su dei sentimenti che non conoscono ancora per come si presenteranno in nome poi di parole tipo , diritto, libertà…atto di amore…Come fanno a sapere della morte, della sofferenza senza la Vita stessa!

    E per finire , per me o in rete o fuori rete è essere a fianco a queste persone …potrei mai allontanarmi da quel Qualcuno?

    Buonaserata e grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Back to top button