Salute

Allergia al Sole

Cos'è la fotodermatosi: diagnosi e trattamento

Allergia al Sole

L’allergia al sole è un termine che viene usato per descrivere una serie di condizioni in cui si verificano eruzioni cutanee dopo l’esposizione alla luce solare.

Allergia al Sole

Una delle forme più comuni di allergia al sole è l’eruzione polimorfica, con una prevalenza dal 10% al 20% in Europa centrale, Scandinavia e Stati Uniti. Le sue cause non sono ancora state chiarite.

Le allergie al sole (fotodermatosi) si dividono in due tipi: primarie e secondarie. Le primarie sono causate da sostanze foto sensibilizzanti. Quando le cause dell’allergia solare non sono note, queste patologie vengono chiamate fotodermatosi primarie idiopatiche. (1, 2)

Le fotodermatosi secondarie invece sono spesso una caratteristica di malattie sistemiche come il lupus eritematoso, o disturbi della riparazione del DNA come lo xeroderma pigmentoso. (3)

L’allergia al sole può essere di tipo ereditario oppure può essere innescata da fattori esterni come un farmaco o il contatto con certe specie di piante.

Allergia alla Luce: Sintomi

Eruzione Polimorfa alla Luce

Il sintomi principali dell’allergia al sole sono lesioni cutanee caratterizzate da un prurito accentuato. (4) A seconda della zona colpita dall’eruzione polimorfa alla luce, l’aspetto della pelle può variare. Il problema comunque può includere i seguenti sintomi:

  • Rossore
  • Prurito permanente e fastidioso
  • Zone in rilievo sulla pelle
  • Orticaria e croste

Questi sintomi si verificano solo sulla parte della pelle che è stata esposta al sole nel giro di pochi minuti o al massimo di qualche ora.

L’allergia al sole si verifica da marzo ad agosto e può verificarsi a qualsiasi età, anche durante i primi mesi di vita. La fase iniziale di questo tipo di allergia è rappresentata dalla formazione di un eritema irregolare accompagnato da prurito.

Le zone più colpite dall’allergia al sole sono la parte superiore del torace, la parte superiore delle braccia, il dorso delle mani, le cosce e i lati del viso. Normalmente le lesioni cutanee si risolvono spontaneamente entro alcuni giorni dalla cessazione dell’esposizione al sole e non lasciano tracce.

Una latenza da 1 a 3 settimane dopo l’esposizione al sole e un lungo tempo di guarigione, sono sintomi tipici del lupus eritematoso.

Allergia al Sole: Cause

Ci sono diverse cause che possono rendere la pelle più sensibile alla luce solare: alcuni farmaci, particolari condizioni di salute e alcune sostanze chimiche. Anche i fattori ereditari possono influire sulla predisposizione all’allergia al sole. In generale però le cause del problema sono ancora ignote.

Trattamento

In questo caso il trattamento è molto semplice. È sufficiente sospendere l’esposizione alla luce del sole per vedere regredire spontaneamente e rapidamente il problema. Un discorso a parte merita invece la prevenzione.

Per prevenire il problema è possibile accelerare la tolleranza alla luce utilizzando la fototerapia. È adatta la radiazione totale del corpo mediante raggi UV-A e/o UV-B. Le radiazioni preventive devono essere somministrate solo sotto controllo medico e non in un solarium, questo per garantire una minima esposizione ai raggi UV.

Potrebbe interessarti: Scottature Solari

Allergia alla Luce

Orticaria Solare

L’orticaria solare è un disturbo raro ma allo stesso tempo abbastanza grave. (5) In questo caso i sintomi dell’allergia al sole compaiono pochi minuti dopo l’esposizione al sole. Dopo l’esposizione del corpo ai raggi solari può manifestarsi uno shock anafilattico.

In questo caso la diagnosi si basa sulla storia medica e sui sintomi clinici. I sintomi possono manifestarsi sotto forma di gonfiori diffusi, dolori, piccole macchie cutanee con assenza di prurito.

Trattamento

Per questo problema si utilizza lo schema ultra rush, utilizzando dosi giornaliere di raggi UV-A crescenti applicate ripetutamente entro pochi giorni in condizioni di degenza. Questo trattamento si è rivelato efficace all’inizio della fototerapia. (6)

Allergia alla Luce Solare

Dermatite Attinica Cronica

Con questo termine si identifica una condizione di reazione alla luce persistente. La patologia è caratterizzata da dermatite cronica sulle aree della pelle esposte al sole.

Sintomi

I sintomi di questo tipo di allergia al sole sono la pelle infiammata e arrossata con la superficie dura e squamosa. C’è poi il prurito molto intenso che porta all’escoriazione della pelle. Le zone più colpite sono la fronte, le guance, le orecchie, la nuca, la gola e il dorso delle mani.

Trattamento

Ambre Solaire Crema Solare, Latte Protettivo Ultra-Pratico, Protezione Alta IP50, Idratazione 24h*, 50 ml

Tasto Amazon

Ovviamente per prima cosa vanno evitate le radiazioni che scatenano la dermatite. In seguito è importante usare una protezione solare particolarmente intensa. Si pensi che nei casi più gravi anche l’esposizione alla luce artificiale può contribuire alla persistenza continua dell’eczema.

Un altro comportamento che può servire ad arginare il problema è lo spostamento delle attività ricreative alla sera e alla notte. Chi è interessato da questa tipologia di allergia alla luce dovrebbe indossare abiti che bloccano la luce e preparazioni per il trucco a copertura totale.

Dal punto di vista medico, per il trattamento della Dermatite Attinica Cronica, si usa il trattamento PUVA in aggiunta ai glucocorticosteroidi sistemici, azatioprina e ciclosporina A.

Fattori di Rischio

Ci sono diversi fattori di rischio che possono rendere più sensibili le persone ad una allergia al sole.

  • Parenti di sangue con allergia al sole – Se hai un genitore o un fratello con un’allergia al sole è molto più probabile che anche tu abbia un‘allergia solare.
  • Problemi alla pelle in corso – Se hai già una dermatite è possibile che l’esposizione al sole ti provochi ulteriori problemi.
  • Pelle chiara – Premesso che tutti possono sviluppare un allergia al sole, alcune allergie sono più frequenti nelle persone con la pelle chiara.
  • Farmaci – Sono diversi i farmaci che possono rendere la pelle più suscettibile alle scottature o alle dermatiti. I maggiori imputati sono gli antibiotici tetracicline, amiodarone, acido tiaprofenico, fenotiazine, furocoumarine e  ketoprofene.
  • Sostanze Chimiche – Anche l’esposizione a determinate sostanze chimiche può dare problemi di allergia al sole. Le sostanze più comuni includono i profumi e i disinfettanti.

Allergia al Sole

Disclaimer:

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.

Tags

Articoli correlati

Back to top button