Psicologia

Pensieri Negativi

Quelli più ricorrenti non sappiamo nemmeno riconoscerli

I pensieri negativi ricorrenti in tutti passano spesso inosservati ma creano molti problemi. Se ci rifletti, qualunque cosa facciamo o diciamo nasce da quello che prima pensiamo. Prima che qualunque azione prenda forma essa è già presente nella nostra testa. Possiamo quindi affermare che in qualche modo, ciò che pensiamo crea la nostra vita e il mondo che ci circonda.

Pensieri negativi

Eppure sono davvero poche le persone che fanno davvero caso ai pensieri negativi ed alla forza che essi possono assumere nella quotidianità.

Abbiamo sentito molte volte l’importanza dell’essere ottimisti per vivere bene. Quello che a volte sfugge è che non è necessario pensare in modo distopico o catastrofista per formulare pensieri negativi.

Anche se siamo convinti di avere una visione ottimistica della realtà circostante infatti, non ci rendiamo conto che ragioniamo prevalentemente usando delle negazioni.

In che modo?

Non voglio ingrassare, ad esempio, è la negazione di voglio restare in forma.

Non voglio fare tardi è la negazione di voglio essere puntuale … e via dicendo.

I pensieri negativi di questo tipo sono, purtroppo, molto più diffusi di quelli positivi ed è sufficiente parlare con le persone per rendersene conto. La gente si concentra principalmente su quello che non vuole e molto raramente su quello che invece, desidererebbe. Questo atteggiamento nei confronti della vita è negativo così come sono una negazione quel tipo di pensieri.

Smettiamola di Dare Energia ai Pensieri Negativi

Il pensiero è una forza misurabile che sprigiona energia. È una vibrazione sottile che, in modo consapevole o meno, influisce su quello che ci accade o meglio che facciamo sì che ci accada. Dovremmo imparare a gestire sempre i nostri pensieri negativi, concentrandoci sempre e soltanto su quello che vogliamo e non su quello che non vogliamo.

È da anni che si continua a manifestare in modo negativo, contro la droga, contro la pena di morte, contro la mafia. Tutta l’energia (negativa) che è stata dedicata a questi e altri temi non ha fatto scomparire queste realtà, anzi. L’unico triste risultato ottenuto è stato al contrario, quello di renderle più radicate.

Manifestando contro qualcosa si centralizza l’attenzione di moltissime persone su quello che non si vuole. Questo atteggiamento fa vertere su questi problemi maggiore concentrazione di pensieri e di energie, che li rendono sempre più forti e tangibili.

Voglio concludere con una citazione di Madre Teresa su cui riflettere. Considerando tutto quello che è riuscita a fare, lei conosceva bene la forza dei pensieri negativi e di quelli positivi.

“Qualcuno mi ha chiesto perché non partecipo a manifestazioni contro la guerra. Ho risposto che non lo farò mai. Ma sono pronta a partecipare a qualunque manifestazione per la pace.”

Lettura consigliata: Pensa Positivo di Marco Albertin

Pensa Positivo: Come Pensare Positivo, Eliminare Lo Stress, Aumentare L'Autostima E Vivere Felici: Pensiero Positivo, Ottenere Ciò Che Vuoi, Ottimismo, Felicità

Guarda

Tags

Articoli correlati

20 Commenti

  1. Buon pomeriggio i pensieri negativi arrivano, ma per fortuna passano anche, a meno che non vengono prima di addormentarmi, ed allora diventano proprio neri!

    1. Per i classici pensieri negativi è come dici tu. Però il nostro modo di pensare in negativo come ho spiegato nel post è sempre presente… e non è facile correggere questa abitudine.
      Ciao, buona settimana.

  2. Molto bello questo post e ne deduco che in fondo è una questione di allenamento anche sforzarsi di formulare frasi positive che giovano alla mente ed allontanano lo stress. Poi pian piano il nostro parlare diventerà più scorrevole ed armonioso. Ci provo da subito buona serata Mister Loto.

    1. Si Rosanna, anche il modo in cui formuliamo a parole i nostri pensieri influisce sul nostro modo di percepire e di cambiare la realtà dentro e fuori di noi.
      Buona serata anche a te!

  3. È se non vi fossero i pensieri negativi in che altro modo si produrrebbe “energia” per affrontarli?

    Siamo dentro la stessa medaglia,uno di spalle all’altro … nello stesso universo!…è complicato questo pensiero o è molto semplice?

    Ciao

    1. Se non vi fossero pensieri negativi potremmo godere delle energie scatenate solo dai pensieri positivi… ma siamo esseri umani, è difficile eliminare completamente quella parte di oscurità che fa parte noi. Esserne consapevoli però, ci aiuta a limitarne i danni.
      A presto.

  4. Si,mi riferivo a questa tua risposta per completare quel mio senso di consapevolezza!

    Il tuo libro mi rifiuta la formula di pagamento in contrassegno…mi giunge un “pensiero negativo” sul l’accettare altre clausole 😉

    1. I termini di pagamento li decide Amazon, io non ho nulla a che fare con la loro gestione… quindi non posso aiutarti. Credo che accetti solo pagamenti anticipati, o almeno io ho sempre comprato così su quel sito e non ho mai avuto problemi.
      Ciao, buona serata.

  5. Non intendevo dire che fossi tu a gestire le funzioni di pagamento, scusami… e conosco Amazon che non dà questa possibilità. Fa nulla ,so che prima o poi avrò il piacere di leggere quel libro.

    Ultimamente trovo molte risposte nei libri…una passione riemersa grazie a qualcuno!

    Ciao.

    1. Mi fa molto piacere che la tua passione per la lettura sia riemersa… è sicuramente una cosa buona! A presto.

  6. Bel post. Disciplinare la mente, allenarsi a lasciar fuori i pensieri negativi. Buona serata
    sinforosa

  7. Penso che non ci sia persona che non ne ha, certo bisogna cercare di superarli al meglio senza lasciarsi influenzare ma li hanno tutti!

    1. Come ho scritto nel post, il problema non è solo quello di formulare pensieri pessimistici o brutti. Anche i pensieri che contengono una negazione condizionano la nostra vita, e lo fanno senza che noi ce ne rendiamo conto.
      Ciao, a presto.

  8. Codivido pienamente il tuo messaggio.
    A me da proprio fastidio sentire iniziare le frasi in maniera negativa. Eppure questa cosa succede molto spesso. Mi domando da cosa possa dipendere. Dall’ambiente famigliare dove uno è cresciuto? E’ una predisposizione? Perchè ci succede questo con tanta facilita? Forse siamo condizionati dalla vita quotidiana, dai messaggi negativi che riceviamo continuamente. Dal telegiornale, dai film, dalle persone che incontriamo o da quelle con cui viviamo. Io purtroppo mi sono accorta che mi sto isolando sempre di più. Come se non avessi più interesse ad ascoltare le parole che girano senza la consapevolezza di voler costruire una frase per comunicare qualcosa ma come se fosse solo per liberarsi da un malessere.
    Per disintossicarmi ho bisogno di immergermi nella natura.
    Mi ricarico e posso affrontare la vita quotidiana.
    Grazie Mr Loto
    e una caro abbraccio
    Silvia

    1. Sono sulla tua stessa, identica, linea d’onda. Anche io ho spesso bisogno di immergermi nella natura o nella solitudine… per fare chiarezza, riposare la mente e tornare a vedere le cose in modo luminoso!
      Da cosa dipendono le negazioni continue che inondano i nostri pensieri e le nostre parole? Un insieme di ciò che hai già detto ma anche, purtroppo, il fatto che nessuno si ferma più a pensare. Purtroppo ormai si dà più importanza al “politicamente corretto” e all’estetica di ciò che diciamo piuttosto che al concetto che c’è dietro alle parole.
      Buona giornata!

  9. Caro Mister Loto, sono perfettamente d’accordo con te. Sono un’insegnante e, anche nel mio lavoro, ci è sempre stato suggerito di non usare il NON ma di volgere tutto in positivo. Quindi non dire “Non correre” ma “vai piano” , No a “non gridare”, SI sa “parla piano” ecc… Un altro sistema importante per cercare di spronare i ragazzi al meglio è quello di elogiare ciò che di buono essi fanno, invece di porre l’accento sul negativo. Si chiama rinforzo positivo e devo dire che è un valido sistema. Saluti cari.

    1. Mi fa molto piacere che, come insegnante, tu abbi ricevuto questo suggerimento. Volgere tutto in positivo ha un potere incredibile nella vita di tutti i giorni, figuriamoci nell’educazione e nell’apprendimento!
      il rinforzo positivo funziona benissimo anche con gli adulti… e credo che sia un ottimo esercizio per tutti il fatto di cercare sempre nell’altro le cose buone e belle, anche quando, magari, non sono proprio quelle in primo piano. 😉
      Ciao, buon fine settimana.

  10. Ho trovato qualcosa che rende il mio tradurre il pensare ,spesso complicato.
    Cosa ne pensa?

    “Vi prego di non pensare che vi stia dando dei consigli morali, o vi stia dicendo che dovreste pensare in questo modo, o che qualcuno si aspetta da voi che lo facciate. Perché è difficile. Richiede volontà e fatica, e se voi siete come me, in certi giorni non sarete capaci di farlo. Ma molte altre volte, se sarete abbastanza coscienti da darvi la possibilità di scegliere, potreste essere in grado di guardare il mondo in un altro modo. Decidere con coscienza che cosa ha significato e che cosa non lo ha.

    Questa è la vera libertà. Questo è essere istruiti e capire come si pensa. L’alternativa è l’incoscienza, la configurazione di base, la corsa al successo, il senso costante e lancinante di aver avuto, e perso, qualcosa di infinito.(David Foster Wallace)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button