Funghi

Russula heterophylla – Colombina Verdognola

Un buon fungo commestibile che si può consumare anche crudo

Funghi Commestibili

Russula heterophylla – Colombina Verdognola

La Russula heterophylla, anche nota come colombina verdognola, è un buon fungo commestibile appartenente alla famiglia delle Russulaceae. Il suo nome deriva dal greco héteros che significa irregolare e da phyllon che significa lamella. Il nome sta appunto ad indicare l’irregolarità delle sue lamelle.

Russula heterophylla - Colombina Verdognola

Photo Credit: Wikimedia Commons

Aspetto

La Russula heterophylla ha un cappello che può raggiungere i 12 cm di diametro. La sua forma è globosa negli esemplari giovani per poi divenire depressa in quelli vecchi. Il suo colore è verde olivastro con spesso la presenza di macchie più scure nella sua zona centrale.

Il cappello è carnoso e sodo e ha la particolarità di avere la carne cassante. In pratica, quando il fungo viene rotto questo si spezza in modo netto senza lacerarsi, così come si spezza un gesso.

Le lamelle della colombina verdognola sono irregolari e decorrenti sul gambo, mediamente fitte nei funghi giovani, meno in quelli vecchi. Sono di color crema con riflessi verdastri.

Il gambo, che in genere raggiunge i 6 cm, ha forma cilindrica che si restringe un po’ verso la base. Ha una buona consistenza, con un colore biancastro.

La carne della Russula heterophylla è soda e compatta anche nei funghi più vecchi. La sua colorazione è bianca che però diventa più scura con la manipolazione. Non ha odori particolari mentre il suo gusto è dolce.

Habitat

La colombina verdognola è un fungo simbionte che cresce nei boschi di latifoglie. Lo si trova soprattutto in prossimità di querce, castagni e carpini. Più raramente può crescere nei boschi di conifere. Il fungo è abbastanza comune nei nostri boschi e fa la sua comparsa da maggio fino a tutto ottobre.

Russula heterophylla - Colombina Verdognola

Photo Credit: Wikimedia Commons

 

Commestibilità

Si tratta di un buon fungo commestibile, uno dei pochi che può essere consumato anche crudo così come il suo stretto parente, la colombina verde. A differenza di altri funghi, la Russula heterophylla non può essere coltivata.

La colombina verdognola può quindi essere consumata sia cruda che cotta e si presta anche alla conservazione sott’olio.

Attenzione

Il fungo può essere confuso dai meno esperti con la temibilissima Amanita phalloides, un fungo velenoso mortale la cui ingestione non lascia scampo. Quest’ultima si riconosce per la presenza di un anello sul gambo e di una volva.

Russula heterophylla – Colombina Verdognola

Attenzione:

La classificazione dei funghi e della loro relativa commestibilità vanno affidate a micologi esperti o al personale specializzato degli enti sanitari competenti. Informazioni errate o atteggiamenti superficiali in merito potrebbero arrecare gravi danni da intossicazione o avvelenamenti anche mortali. Non consumare funghi se non si ha l’assoluta certezza della loro commestibilità. Le immagini riportate sul sito www.mr-loto.it sono puramente indicative, si tenga presente che gli stessi funghi da un anno all’altro o da un luogo ad un altro possono presentarsi sotto forme e sfumature di colori leggermente diverse.

Articoli correlati

Back to top button