Salute

Solitudine e Salute

Gli effetti della solitudine nelle persone anziane

Solitudine e Salute

Sapevi che solitudine e salute sono strettamente legate tra di loro? Secondo recenti studi infatti, la solitudine influisce negativamente sulla salute, soprattutto nelle persone anziane.

Solitudine e salute - Gli effetti negativi della solitudine negli anziani
Solitudine e salute

Negli ultimi anni gli effetti potenzialmente dannosi della solitudine e dell’isolamento sociale sulla salute sono stati studiati a fondo. Per esempio, si è scoperto che la solitudine può compromettere la salute aumentando i livelli di ormoni dello stress e dell’infiammazione. Questa situazione può aumentare il rischio di patologie croniche come il diabete, la demenza e le malattie cardiache.

Uno studio americano ha rilevato che l’isolamento sociale ha lo stesso livello di rischio per le malattie e la morte prematura di quanto ne hanno l’ipertensione, il fumo e l’obesità. Durante gli studi si è notato che le persone che vivono sole hanno livelli più alti di anticorpi contro le dermatiti e il virus dell’herpes. Questo indica una più alta quantità di virus nel corpo. (1)

Altri studi hanno rilevato la presenza di livelli più alti nel sangue di sostanze che causano l’infiammazione. Inoltre le persone che vivono in solitudine reagiscono in modo più forte agli eventi negativi e hanno una percezione più stressante della vita di tutti i giorni. Questo fattore può deprimere il sistema immunitario e mettere a rischio la salute.

Gli Effetti della Solitudine sulle Persone Anziane

Lo Studio

Un recente studio dell’Università della California ha valutato gli effetti della solitudine su 1.604 anziani con un’eta media di 71 anni. Gli anziani sono stati seguiti dai dottori per un periodo di 6 anni. Durante lo studio si è rilevato che le persone anziane che vivevano sole avevano più difficoltà anche ad eseguire le normali attività della vita quotidiana. (2)

La solitudine è stata anche associata ad un maggior rischio di morte durante il periodo dello studio.

Nelle persone anziane, il peggioramento della salute e la morte non sono solo legati a fattori biomedici ma anche al disagio psicosociale. (3) Solitudine e salute quindi, sono strettamente legate, soprattutto negli anziani.

Alcuni studi hanno rilevato come la depressione ad esempio, porti a maggiori rischi di disabilità e di mortalità. (4, 5) La solitudine è una fonte di sofferenza che compromette la qualità della vita, soprattutto negli anziani. Ci sono altre ricerche scientifiche che mostrano una correlazione tra malattie cardiovascolari, solitudine e depressione. (6, 7)

Il legame negativo che intercorre tra solitudine e salute è stato dimostrato in altri diversi studi scientifici. In alcuni casi è stato riscontrato che le persone che vivono sole hanno una qualità del sonno e una salute peggiore. Un altro effetto negativo della solitudine sulla salute è una scarsa reazione ai farmaci che è stata rilevata durante lo studio. (8, 9)

Solitudine e Salute: Uno Studio Olandese

Non sorprende che solitudine e salute siano così legati e che la prima sia stata associata anche al declino cognitivo. Uno studio olandese pubblicato su The Journal of Neurology conferma quanto suggerito dalle ricerche precedenti. Nello studio infatti, i partecipanti che avevano dichiarato di sentirsi soli avevano maggiori probabilità di sviluppare la demenza rispetto a chi no era solo.

Questa ricerca scientifica è stata attuata nei confronti di 2.200 partecipanti, con un’età compresa tra i 65 e gli 86 anni. Lo studio ha avuto una durata di 3 anni e all’inizio i partecipanti non mostravano nessun segno di demenza.

I ricercatori hanno scoperto che la sensazione di sentirsi soli era legata ad un aumento del 64% del rischio di demenza. (10) Lo studio però sottolinea anche un importante aspetto che è emerso dai risultati dei vari test sui pazienti. Sembra infatti che il modo in cui le persone percepiscono la loro situazione potrebbe avere un impatto più forte rispetto al fatto che vivano sole.

Solitudine e Salute: Conclusioni

Il dott. Cacioppo, responsabile dello studio, afferma che avere molti amici e parenti non rende immuni dalla solitudine se le relazioni non hanno una forte connessione emotiva. Secondo il dottore, le persone per natura sono esseri sociali che hanno bisogno di rapporti veri e significativi per mantenersi in salute.

Cacioppo suggerisce di approcciarsi agli altri anche con gesti di gentilezza, facendo qualcosa di concreto che possa aiutare gli altri. Cercare di inserirsi all’interno di attività sociali, come ad esempio il volontariato, può aiutare a stabilire nuove amicizie e ad uscire dalla solitudine.

Con il numero crescente di persone che invecchiano, diventa importante identificare e, se possibile, modificare i fattori che mettono gli anziani a rischio di declino funzionale e di morte. Gli esisti della salute nelle persone anziane possono essere migliorati concentrandosi su politiche che promuovono l’impegno sociale. È anche più importante aiutare gli anziani a sviluppare e a mantenere relazioni sociali soddisfacenti in modo che il rapporto solitudine e salute si evolva in modo positivo.

Solitudine e Salute

AVVERTENZA:

Le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi suwww.mr-loto.it devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.

Tags

Articoli correlati

Back to top button