Società

Spreco Alimentare

Buttare il cibo è un crimine

Lo spreco alimentare è un argomento che mi sta particolarmente a cuore perché buttare il cibo mi ha sempre fatto sentire in colpa. Basta dare un’occhiata ai dati per rendersi conto di quanto lo spreco alimentare sia immorale.

Spreco Alimentare

Negli Stati dell’Unione Europea circa 16 milioni di persone ricevono cibo dagli enti di beneficenza perché non possono sempre permettersi di acquistare gli alimenti. Allo stesso tempo, nella stessa area geografica, viene rilevato uno spreco di cibo pari a circa 89 milioni di tonnellate di alimenti. Tutto questo cibo finisce ogni anno nella spazzatura pur essendo ancora perfettamente commestibile.

Com’ è possibile in una società civile un tale spreco alimentare?

Fortunatamente il 16 luglio del 2003 è entrata in vigore la Legge n 155, denominata la Legge del Buon Samaritano per i suoi scopi altruistici. Questa legge permette infatti alle associazioni ONLUS di recuperare il cibo rimasto invenduto dalle mense e dagli ipermercati per ridistribuirlo ai più poveri.

Per facilitare questa redistribuzione, è stato creato il Banco alimentare Onlus che, in 10 anni ha consegnato 2.600.000 porzioni di cibo, 800.000 kg di pane e 900.000 kg di frutta.

Esiste anche il Last Minute Market, il mercato dell’ultimo minuto. Questa organizzazione recupera il cibo scartato dagli ipermercati per rivenderlo, seguendo delle procedure di legge, a bassissimo costo a chi ha un reddito minimo.

Spreco Alimentare e Ipermercati

Tutto questo però, ancora non basta. Ogni giorno, diverse catene di ipermercati e centri commerciali in Italia costringono i loro dipendenti a gettare via il cibo invenduto ancora buono. Questo è uno spreco alimentare enorme di cibi che invece, avrebbero potuto sfamare molte persone e, in seguito, anche molti animali.

Si finisce con il buttare il cibo anche per questioni ridicole. Pensa che nel settore della frutta e della verdura, solo nelle prime fasi di raccolta e distribuzione, lo spreco di cibo buono è del 30%.

Sai perché? Perché quella frutta e quella verdura non corrispondono agli standard europei di dimensione ed estetica. Se una zucchina ha la buccia macchiata o una mela è troppo piccola vengono buttate.

Inoltre non tutti sanno che la grande quantità di cibo gettato via produce metano, gas ed effetto serra tanto da contribuire al surriscaldamento globale più del biossido di carbonio. Un minore spreco di cibo consentirebbe di utilizzare meglio i terreni e le risorse idriche del nostro Paese. L’ottima conseguenza sarebbe un aiuto nella lotta alla carenza di cibo che, ancora, appartiene a troppe persone, anche in Italia.

Almeno noi singoli cittadini quindi, cerchiamo di evitare lo spreco alimentare, sarebbe già un passo verso un mondo migliore.

Lettura consigliata: Lo Spreco Alimentare

 

Lo spreco alimentare

Tasto Amazon

Tags

Articoli correlati

12 Commenti

  1. Lo spreco di ogni genere è una cosa che non tollero. Quel superfluo che ci trasforma in accumulatori seriali, come se fossimo in attesa della guerra atomica o uno tzunami che spazzerà via tutto domani. Cerco di gestire molto oculatamente le mie scorte alimentari ed è veramente poco quello che finisce nella spazzatura. Purtroppo la burocrazia rende difficile anche fare del bene e ho letto di ristoranti e\o mense aziendali che sono costrette a buttare via prodotti ancora buoni perchè la legge vieta di donare oppure lo rende farraginoso. Neppure i dipendenti possono portarsi a casa il cibo in scadenza. Assurdità!

    1. Sono d’accordo con te, ogni spreco non è tollerabile anche se quello alimentare è particolarmente triste per via delle enormi differenze che ci sono nelle varie zone del mondo.
      Prima la legge vietava ai ristoranti e alle mense di donare il cibo ma oggi è possibile. Il punto è che spesso è più costoso regalare il cibo avanzato piuttosto che buttarlo… e in questa società materialista non ci sono dubbi su cosa fare! 🙁
      Anche io so che non è permesso ai dipendenti portare a casa il cibo che potrebbe essere mangiato ma viene buttato. Questo è aberrante e non capisco come certe coscienze possano tacere nel lascere che certe cose accadano.
      Buona serata.

  2. Finalmente direi, era ora che prendessero provvedimenti in questo senso.
    Personalmente cerco di sprecare davvero pochissimo, oltre che negli alimenti anche nell’acqua che quando lavo le verdure poi utilizzo per innaffiare le piante. Buona serata.

    1. Ah l’acqua! Quanta ne buttiamo via per vezzo! Fai benissimo a riusarla per le piante, è un’ottima idea!
      Basterebbe davvero un po’ più di accortezza da parte di tutti per ridurre drasticamente lo spreco alimentare.
      Ciao, ti auguro una serena giornata.

  3. sono per l’utilizzo totale di ogni genere oltre che per il cibo: pensa che mi vesto , di preferenza, ai mercatini dell’usato dove trovo capi unici, visto che amo tanto il vintage anni 60-70… il cibo poi è sacro per me ne lmio piccolo se qualche cosa mi avanza so a chi darlo…buona serata mister loto ciauuuu

    1. Ti vesti con abiti vintage? Devi essere una persona interessantissima da conoscere! 🙂
      Anche per me il cibo è sacro, forse perché i miei nonni mi hanno spesso raccontato la fame…

      Buona giornata.

  4. Eh lo so anche a me ha sempre dato fastidio lo spreco. Sono le “beghe” con mio marito perchè lui tendenzialmente dice che basta buttare e io invece sono per non buttare via nulla e cerco di utilizzare il più possibile. Ad esempio venerdì avevo fatto dei finocchi lessi, le barbe generalmente le buttano tutti. Io ho lessato pure quelle a parte e poi ne ho fatto un pesto. Quindi tritato tutto non si spreca nemmeno le barbe dei finocchi 😉 serena giornata

    1. Ma è meraviglioso! Effettivamente ci sono moltissimi modi per evitare di sprecare perfino quello che siamo abituati a buttare da sempre: lische dei pesci, bucce di patate, croste di formaggi, ossa! Avevo scritto un articolo per dare qualche idea di come cucinare con gli scarti.
      Se ti interessa lo trovi cliccando qui.
      A presto.

  5. Per fortuna oggi si punta sempre più spesso l’attenzione su questo argomento
    Difatti molte più persone sono sensibili a questo tema e cercano di fare qualcosa di concreto
    Ovvio che c’è ancora molta strada da fare, ma dando il meglio di noi stessi pian pianino qualcosa cambierà
    Comunque ho notato che i supermercati mettono i prodotti in scadenza a metà prezzo invece di gettarli e così fanno anche con la frutta e la verdura (le banane molto mature per esempio), evidente che si sta muovendo e smuovendo qualcosa!
    Grazie per questo articolo che, secondo me, aiuta molto 🙏

    1. Si, anche io ho colto l’iniziativa dei supermercati di vendere i cibi in scadenza a metà prezzo come un passo nella giusta direzione. Speriamo bene!
      Grazie per essere passata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button