Funghi

Ganoderma Lucido – Ganoderma Lucidum

Un fungo impossibile da masticare ma con proprietà terapeutiche

Funghi Commestibili

Ganoderma Lucido – Ganoderma Lucidum

Il ganoderma lucido, nome scientifico Ganoderma lucidum, è un fungo dalla carne legnosa e tenace. A causa di queste caratteristiche, il fungo poco si presta ad essere consumato come i classici funghi.

Ganoderma lucidum - Ganoderma lucido

Il ganoderma lucido ha però una particolarità, si tratta di un fungo medicinale molto utilizzato in oriente, soprattutto in Cina e Giappone. In questi paesi viene chiamato rispettivamente lingzhi e reishi.

Il suo nome deriva dai termini greco gános e dérma che significano rispettivamente lucentepelle. Lucidus invece è latino e significa lucido. Si tratta infatti di un fungo piuttosto vistoso. I suoi colori molto vivaci e l’aspetto lucido e brillante attraggono sempre l’attenzione di chi lo incontra nel bosco.

Aspetto

Il ganoderma lucido ha un cappello che può misurare anche 18 cm di diametro e  3 cm di spessore. Ha una forma semicircolare irregolare, con una superficie di color arancio rossastro dall’aspetto lucido, come laccato. Con l’invecchiamento il suo colore tende a diventare più scuro.

I tubuli misurano dai 10 ai 20 mm e sono di color crema nei funghi giovani, per poi divenire più scuri con l’invecchiamento.

Reishi capsule 650mg - (Ganoderma lucidum) - alto dosaggio - vegan - 120 capsule

Tasto Amazon

Il suo gambo misura in media 10-15 cm e ha forma cilindrica irregolare. La sua consistenza è dura e coriacea mentre il suo colore è rossastro.

La carne ha un colore crema ocra, con una consistenza tenace e coriacea. Il suo odore richiama quello dei funghi mentre il sapore non può essere testato a causa dell’impossibilità di masticazione della carne.

Ganoderma Lucido Habitat

Il Ganoderma lucidum è diffuso in tutt’Italia e cresce tutto l’anno. Lo si può trovare sui ceppi o alla base dei tronchi di diversi alberi, sia di latifoglie (più frequentemente) sia di conifere (più raramente). Il fungo cresce nei boschi, nei giardini e nei parchi.

Commestibilità

Pur non essendo tossico, il fungo non può essere masticato a causa della sua carne legnosa e coriacea. Chi lo assume per scopi medicinale lo fa infatti attraverso una polvere che si ottiene dal fungo essiccato.

Abbiamo già parlato delle proprietà terapeutiche del Ganoderma lucidum in un altro articolo, se sei interessato le trovi qui.

Ganoderma lucidum - Ganoderma lucido esemplari nel bosco

Photo Credit: Gljvarsko Drustvo@Flickr

Curiosità

Nei paesi dove il ganoderma lucido viene consumato a scopo terapeutico, il fungo viene coltivato fin dall’antichità.

Quando il fungo è maturo viene essiccato e ridotto in polvere. In seguito viene usato per la preparazione di liquori, decotti, unguenti oppure viene trasformato in compresse.

In cinese, il nome lingzhi rappresenta una combinazione di potenza spirituale e di immortalità. È considerato il fungo della potenza spirituale che simboleggia il successo, il benessere, il potere divino e la longevità.

Venti anni fa, oltre 90 marchi di prodotti G. lucidum sono stati registrati e commercializzati a livello internazionale.

Il consumo mondiale del fungo è ora stimato in diverse migliaia di tonnellate e il mercato sta crescendo rapidamente.

Il ganoderma lucido è un popolare integratore assunto da individui sani per rafforzare il sistema immunitario e dai malati di cancro insieme alle terapie convenzionali. In questo ambito, gli studi scientifici sulle sue proprietà antitumorali sono estesi. (1, 2, 3)

Ganoderma Lucido – Ganoderma Lucidum

Attenzione:

La classificazione dei funghi e della loro relativa commestibilità vanno affidate a micologi esperti o al personale specializzato degli enti sanitari competenti. Informazioni errate o atteggiamenti superficiali in merito potrebbero arrecare gravi danni da intossicazione o avvelenamenti anche mortali. Non consumare funghi se non si ha l’assoluta certezza della loro commestibilità.

Le immagini riportate sul sito www.mr-loto.it sono puramente indicative, si tenga presente che gli stessi funghi da un anno all’altro o da un luogo ad un altro possono presentarsi sotto forme e sfumature di colori leggermente diverse.

Articoli correlati

Back to top button