Funghi

Gymnopilus spectabilis

Un fungo tossico e allucinogeno

Funghi Velenosi

Gymnopilus spectabilis

Fungo Velenoso
Velenoso

Il Gymnopilus spectabilis è un fungo non commestibile per via dei suoi effetti allucinogeni. A causa di questi effetti, il fungo è conosciuto all’estero come il fungo della risata o Laughing Mushroom.

Gymnopilus spectabilis fungo allucinogeno

Si tratta di un bel fungo in grado di affascinare e attrarre pericolosamente i meno esperti. Il suo nome deriva dal latino gymnòs che significa nudo e pìleos che significa cappello. Il termine spectabilis invece significa rispettabile, in riferimento all’aspetto e alle dimensioni del cappello.

Aspetto

Il Gymnopilus spectabilis ha un cappello che può raggiungere dimensioni importanti, anche i 40 cm di diametro. La sua forma è inizialmente sferica, in seguito diventa convesso e infine appianato. Il suo colore spazia dal giallo oro al giallo arancio, in alcuni casi assume un giallo anche più scuro (vedi foto sopra).

Le sue lamelle sono fitte, non discendenti e di color giallognolo. Man mano che il fungo invecchia le lamelle assumono una colorazione sempre più scura, tendente al ruggine.

Il gambo è massiccio e sodo, la sua dimensione è notevole e può raggiungere anche i 18 cm di altezza. La sua forma è cilindrica, ed è leggermente ingrossato verso la base. Negli esemplari giovani il gambo è pieno e sodo mentre diventa cavo nei funghi vecchi. Il suo colore è il giallo crema e presenta un anello appena sotto il cappello. La sua carne è color giallo zolfo e ha un colore sgradevole.

Carne

La carne del Gymnopilus spectabilis è soda e coriacea, il suo colore è giallo paglierino nei funghi giovani. Ha un forte odore di fungo mentre il suo sapore è molto amaro e sgradevole.

Habitat

Si tratta di un fungo che cresce spesso in folti gruppi dalla tarda estate fino all’autunno inoltrato. Lo si trova nei boschi di latifoglie e di conifere, solitamente su ceppi marcescenti di leccio, eucalipto e pino.Il fungo cresce quasi ovunque si trovi legno in decomposizione ma è più comune nelle zone boschive umide e pianeggianti nei pressi dei fiumi.

Gymnopilus spectabilis fungo allucinogeno

Commestibilità

Il Gymnopilus spectabilis è un fungo tossico a causa del suo contenuto di sostanze allucinogene che possono variare da un esemplare all’altro. Secondo recenti studi, il fungo sembra contenere la psilocibina, un alcaloide allucinogeno. (1)

La psilocibina è una sostanza dissociativa della personalità, non provoca tossicità acuta ma provoca effetti allucinogeni. 4-8 mg di questo composto causano uno stato di euforia e di ebrezza che poi sfociano in una manifestazione allucinatoria. A dosi maggiori causa alterazioni psichiche.

L’avvelenamento causato da questo fungo è a breve incubazione, i sintomi si presentano quindi entro i 30/90 minuti successivi all’assunzione.

Curiosità

Secondo un anziano micologo giapponese il Gymnopilus spectabilis può essere dato alle donne per farle ridere e ballare nude. In alcune zone del Giappone si narra che il fungo venga usato per rendere allegri i commensali.

Il fungo può raggiungere dimensioni enormi, sono stati ritrovati esemplari alti addirittura 80 cm.

Può essere confuso con il G. suberis, un fungo appartenente allo stesso genere anche se di dimensioni più ridotte e più raro da trovare. Questo fungo infatti cresce solamente su tronchi di Quercus suber in decomposizione.

Il Gymnopilus spectabilis assomiglia vagamente, più che altro nei colori, al fungo dell’olivo. Si tratta di un fungo non commestibile che può essere confuso con il G. spectabilis solo dai meno esperti.

Gymnopilus spectabilis

Attenzione:

La classificazione dei funghi e della loro relativa commestibilità vanno affidate a micologi esperti o al personale specializzato degli enti sanitari competenti. Informazioni errate o atteggiamenti superficiali in merito potrebbero arrecare gravi danni da intossicazione o avvelenamenti anche mortali. Non consumare funghi se non si ha l’assoluta certezza della loro commestibilità. Le immagini riportate sul sito www.mr-loto.it sono puramente indicative, si tenga presente che gli stessi funghi da un anno all’altro o da un luogo ad un altro possono presentarsi sotto forme e sfumature di colori leggermente diverse.

Tags

Articoli correlati

Back to top button