Alimentazione e Salute

Mele e Diabete

Come le mele interferiscono con il diabete e sulla glicemia

10 Condivisioni

Mele e Diabete

Se stai cercando ci capire quale rapporto c’è tra mele e diabete, ti informo che gli studi suggeriscono che questi frutti possono essere utili a chi soffre di questa patologia. Come abbiamo visto in un altro articolo, le mele hanno molte proprietà benefiche per la nostra salute.

Mele e diabete
Mele e diabete

Le mele contengono però carboidrati che, come sappiamo, influiscono sui livelli di zucchero nel sangue. La buona notizia è che i carboidrati presenti nella mela hanno effetti diversi rispetto ai cibi con zuccheri aggiunti.

La mela infatti contiene una buona percentuale di fibra alimentare, la cui assunzione rallenta l’assorbimento dei carboidrati. Questo meccanismo si rivela benefico in quanto previene l’insorgere di picchi glicemici. (1)

Ci sono molti studi in merito che dimostrano che la fibra alimentare migliora il controllo della glicemia e protegge contro il diabete. (2)

In uno studio sono stati somministrati 15 g di fibra di mela al giorno, per un periodo di 7 settimane, a 12 pazienti. Al termine dello studio c’è stato un miglioramento significativo nel controllo del diabete. È stata riscontrata una diminuzione della glicemia media a digiuno e della percentuale di emoglobina glicosilata.

Le mele contengono anche zucchero che è rappresentato in gran parte da fruttosio. Gli studi confermano che quando il fruttosio viene ingerito tramite la frutta fresca, ha un impatto minimo sulla glicemia. (3)

Uno studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition ha rilevato che la sostituzione del saccarosio con il fruttosio ha portato a meno zucchero e insulina nel flusso sanguigno dopo un pasto. (4)

La mela contiene inoltre i polifenoli che, secondo la ricerca scientifica, sono composti vegetali in grado di rallentare la digestione dei carboidrati e di ridurre i livelli di zucchero nel sangue. (5)

Anche l’ American Diabetes Association sostiene che mangiare mele non è un problema per una persona con diabete di tipo 1 o di tipo 2, sebbene questi frutti contengano zuccheri e carboidrati. (6)

Mele e Diabete

Resistenza all’Insulina

Per chi ancora non lo sapesse, ricordiamo che esistono due tipi di diabete: tipo 1 e tipo 2.

  1. Diabete tipo 1 – In questo caso il pancreas non produce insulina a sufficienza per trasportare lo zucchero dal sangue alle cellule
  2. Diabete tipo 2 – Il pancreas produce insulina ma le cellule sviluppano una sorta di resistenza alla sua attività

Gli studi suggeriscono che mangiare regolarmente mele potrebbe ridurre la resistenza all’insulina con conseguenti benefici nella riduzione dei livelli di zucchero nel sangue. (7)

Questa proprietà è dovuta al fatto che i polifenoli presenti nella mela, nella buccia soprattutto, stimolano il pancreas a produrre insulina e aiutano le cellule ad assorbire lo zucchero. (8)

contro la caduta, eccezionale concentrazione di antiossidanti della Mela Annurca. Vigore per le unghie. Contiene florizina

Tasto Amazon

Mele e Diabete

Antiossidanti

Nel rapporto mele e diabete entrano in gioco anche gli antiossidanti. Diversi studi suggeriscono che il consumo regolare di mele aiuta a prevenire il diabete. Ad esempio, un recente studio ha scoperto che le donne che mangiano una mela al giorno hanno un rischio ridotto del 28% di sviluppare il diabete 2. (9)

Secondo i ricercatori gli antiossidanti presenti nel frutto giocano un ruolo importante nella prevenzione del diabete. In particolare sono stati identificati 3 composti antiossidanti che entrano in gioco nel rapporto mele e diabete.

Il primo è la quercetina, un flavonoide che rallenta la digestione dei carboidrati prevenendo così i picchi glicemici. (10)

Il secondo è l‘acido clorogenico che aiuta l’organismo ad utilizzare lo zucchero in modo più efficace. (11)

Il terzo è la florizina, un glucoside che si trova nella radice e nella corteccia della pianta. Questo composto rallenta l’assorbimento dello zucchero e riduce i livelli di zucchero nel sangue. (12) In questo caso, non essendo presente nel frutto, la florizina va assunta sotto forma di integratore.

Mele e Diabete

Disclaimer:

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.

10 Condivisioni

Articoli correlati

Back to top button