Alimentazione e Salute

La Curcuma fa Bene al Fegato

La curcumina ha un impatto positivo sulle malattie del fegato

La Curcuma fa Bene al Fegato

Ormai da molti anni questa spezia è sotto la luce dei riflettori per i suoi molteplici benefici sulla salute. Tra le sue proprietà terapeutiche gli studi suggeriscono anche che la curcuma fa bene al fegato.

La curcuma fa bene al fegato
La curcuma fa bene al fegato

Abbiamo già discusso ampiamente delle proprietà terapeutiche della curcuma in questa pagina. Ora, visto anche l’ interesse che c’è intorno a questo argomento, vogliamo verificare se davvero la curcuma fa bene al fegato.

Negli ultimi 30 anni, benché siano stati fatti grandi progressi nella gestione delle malattie del fegato, milioni di persone soffrono ancora di una condizione epatica acuta o cronica in tutto il mondo.

Le malattie del fegato colpiscono più del 10% della popolazione mondiale, la morte dei pazienti generalmente è una conseguenza della cirrosi e del tumore al fegato. Le malattie epatiche sono circa la quinta causa di morte in tutto il mondo.

La malattia del fegato grasso non alcolico è la principale causa globale di malattie del fegato con il 40% di frequenza. (1)

Lo stress ossidativo è stato considerato un fattore chiave nel danno epatico indotto da una varietà di agenti, tra cui alcol, droghe, infezioni virali, inquinanti ambientali e componenti dietetici. Negli ultimi anni numerosissimi studi hanno mostrato che la curcumina esercita notevoli effetti protettivi e terapeutici sulle malattie epatiche associate all’ossidazione.

Oggi la Curcuma longa è una spezia ampiamente utilizzata in tutto il mondo. Il suo effetto protettivo contro lo stress ossidativo è stato dimostrato in diversi studi. (2, 3, 4)

La Curcuma fa Bene al Fegato

Steatoepatite non Alcolica

Una ricerca giapponese ha studiato i meccanismi con cui la curcuma riduce il danno epatico e la progressione della steatoepatite non alcolica. I ricercatori hanno scoperto che la curcumina, il principio attivo della curcuma, riduce la progressione della steatoepatite non alcolica e del danno epatico. In particolare la spezia sopprime il fattore di crescita dell’endotelio vascolare e della protrombina nel fegato. (5)

Curcumina 1440 mg estratta da Curcuma Biologica con Pepe nero e Zenzero - 180 capsule di curcuma vegana ad alto potenziale (fornitura per 3 mesi)

Malattia Epatica Alcolica

I ricercatori hanno scoperto che la curcuma fa bene al fegato anche in caso di malattia epatica alcolica. Cambiamenti morfologici e disturbi clinici nel fegato possono essere prodotti dagli effetti tossici dell’alcol. La sua ossidazione produce composti che danno inizio al danno cellulare e, nei casi più gravi, alla morte cellulare. Questi prodotti infatti possono portare a steatosi epatica, infiammazione epatica, epatite alcolica e cirrosi alcolica progressiva (fibrosi). Tali fatti sono appunto riconducibili alla malattia epatica alcolica. (6)

Molti studi sugli animali hanno confermato che la curcuma fa bene al fegato in presenza di questa patologia. La sua efficacia è stata riscontrata a dosi da 400 a 1200 mg/kg/giorno per via orale per 4 settimane nei topi. (7)

In molti esperimenti il trattamento con curcumina ha alleviato l’epatosteatosi e ha soppresso l’aterogenesi in animali con questa patologia in atto. (8)

Stress Ossidativo nel Fegato

Lo stress ossidativo nel fegato produce radicali liberi e quindi danni cellulari. Uno studio pakistano suggerisce che la curcumina previene la tossicità epatica (9) L’effetto del pre e post trattamento della curcumina è stato esaminato nei ratti con stress ossidativo.

In un altro studio è stata dimostrata la capacità della curcuma di trattare l’epatotossicità causata dal metotrexato. (10) La somministrazione di curcumina (60 mg/kg) ha effetti epatoprotettivi sullo stress ossidativo indotto dal fluoruro di sodio. Può ridurre l’epatotossicità e l’attività degli enzimi epatici.

Uno studio condotto nella Repubblica Ceca suggerisce che la curcuma fa bene al fegato, confermando l’effetto epatoprotettivo della curcumina contro lo stress ossidativo. (11)

Potrebbe interessarti: il cardo fa bene al fegato

Lesioni al Fegato

Diversi studi hanno esaminato la capacità della curcuma di prevenire le lesioni epatiche indotte dall’epatite, dall’occlusione del dotto biliare o dall’ingestione di sostanze tossiche. (12, 13, 14)

Epatotossicità

C’è inoltre una grande abbondanza di studi che confermano che la curcuma fa bene al fegato. Per esempio, in termini di tossicità, il fegato è spesso l’organo più colpito dai farmaci. Più di 1.000 farmaci possono causare tossicità nel fegato e successivamente indurre stress ossidativo, steatosi e morte cellulare. La maggior parte dei farmaci e degli antidepressivi antitumorali, gli analgesici e gli antinfiammatori possono essere epatotossici.

Il paracetamolo, comunemente usato come antipiretico, crea danni epatici indotti da farmaci più diffusi. L’integrazione di curcumina a dosi di 50 e 100 mg/kg/giorno a conigli con epatotossicità indotta da paracetamolo, genera benefici al fegato. (15)

Allo stesso modo, ci sono molti altri studi che suggeriscono che la curcuma fa bene al fegato sotto al profilo dell’epatotossicità. (16, 17, 18)

La Curcuma fa Bene al Fegato

Fibrosi Epatica e Cirrosi

Se lo sviluppo della malattia epatica non viene prevenuto, può progredire dalla semplice steatosi a forme di malattia più gravi, tra cui epatite, fibrosi e cirrosi. (19) Sono diversi gli studi, condotti sempre sugli animali, che hanno dimostrato gli effetti benefici della curcumina sul fegato con fibrosi e cirrosi. (20, 21, 22)

Secondo la ricerca quindi, la curcumina come integratore alimentare ha un ruolo protettivo contro l’insorgenza di malattie del fegato. L’assunzione di un contenuto significativo di curcumina nella dieta quotidiana può fornire una prevenzione e un trattamento perfetti per i disturbi del fegato.

La Curcuma fa Bene al Fegato

Disclaimer:

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.

Articoli correlati

Back to top button