Home / Aceto: proprietà e benefici

Aceto: proprietà e benefici

Aceto: Proprietà e Benefici

L‘aceto di vino si ottiene dalla fermentazione del vino bianco o del vino nero. È il prodotto che si ottiene dall’azione dei batteri Acetobacter. Questi, in presenza di aria, ossidano l’etanolo contenuto nel vino e lo trasformano in acido acetico.

L’aceto, secondo gli antropologi era già noto agli antichi egizi, romani e greci.

Aceto: proprietà e benefici

Il suo primo utilizzo sembra risalire intorno al 3.000 a.C. Gli egizi lo usavano come condimento e come agente aromatizzante. Ippocrate invece lo usava per guarire le ferite ai suoi pazienti già nel 420 a.C.

L’aceto di mele si ottiene invece facendo fermentare il succo di mela in grandi botti di legno per tutto il tempo necessario affinché diventi sidro.

Una volta ottenuto il sidro gli si aggiungono i batteri del genere Acetobacter che lo trasformeranno in seguito in aceto di mele. Per le sue proprietà potete visionare questa pagina.

Composizione Chimica 

È composto per il 94 % circa da acqua, dallo 0,2 % da ceneri, dallo 0,04 da proteine e dallo 0,3 % da carboidrati. In percentuale che va dallo 0,1 all’1 % contiene alcol.

Questi i mineralipotassio, ferro, zinco, calcio, rame, sodio, fosforo e magnesio.

Le vitamine: vitamina C.

Aminoacidi: alanina, arginina, glicina, serina, prolina, acido aspartico, acido glutammico, istidina, tirosina, metionina, valina, leucina, isoleucina e fenilalanina.

Altre sostanze sono l’ anidride solforosa, alcol etilico, ceneri, glicerina, metanolo.

Aceto mille usi

Aceto: Proprietà e Benefici 

Diuretico

L’uso regolare dell’aceto ci permette di trarre benefici dalle sue proprietà. In base agli ultimi studi è emerso che quello di mele in particolare, oltre ad essere diuretico è anche in grado di bruciare i grassi in eccesso, o almeno una parte di questi.

Battericida

L’aceto ha un’azione battericida e per questo motivo si consiglia di ingerirne un cucchiaio prima di consumare qualsiasi alimento della cui freschezza non si ha la certezza. L’aceto di mele  invece è mineralizzante e riequilibrante nei confronti dell’acidità dell’organismo. Per approfondire le sue proprietà potete visionare questa pagina.

La proprietà battericida tende a prevenire diarree e problemi intestinali causati da batteri. Per ripristinare la salute gastrointestinale occorre bere un paio di bicchieri al giorno di acqua e aceto di mele. Questo è sicuramente un buon rimedio per questo tipo di problemi.

Antinfiammatorio

In caso di infiammazione si consiglia di bere 3 bicchieri al giorno di acqua e aceto per una settimana ed i risultati saranno subito evidenti. In caso di mal di gola si possono fare gargarismi con acqua e aceto di mele per poterne trarre un beneficio immediato.

Contro le Zanzare

L‘aceto si dimostra utile anche in caso di presenza di zanzare. È sufficiente cospargersi la pelle, preferibilmente con quello di vino bianco, per evitare le punture dei fastidiosi insetti. Anche in caso di punture di insetti si può tamponare la parte interessata con cotone imbevuto in aceto di mele per alleviare bruciore ed il prurito all’istante.

Aceto: proprietà e benefici

Fluidifica il Sangue

Le proprietà e i benefici dell’aceto di mele riguardano anche i disturbi renali, i dolori articolari, insonnia ed emicranie di varia origine. Grazie al suo alto contenuto di minerali, potassio in particolare, rallenta il processo di indurimento dei vasi sanguigni e ha un’azione fluidificante sul sangue che dona un aspetto migliore alla nostra pelle.

Combatte la Forfora

Grazie alle sue proprietà si rivela utile anche per combattere la forfora. A tal proposito è necessario far bollire per 15 minuti 100 gr di foglie di ortica con mezzo litro d’acqua e mezzo di aceto di mele. Una volta che l’infusione si è raffreddata va utilizzata per massaggiare il cuoio capelluto per 10/15 minuti.

Anti Infettivo

Un’altra proprietà dell’aceto è quella anti infettiva, il suo utilizzo per combattere le infezioni risale ad Ippocrate, il padre della medicina moderna vissuto 4 secoli prima della venuta di Cristo. Ippocrate ne consigliava l’uso per la pulizia delle ferite e per trattare le piaghe.

Nella medicina popolare il suo utilizzo è consigliato per il trattamento dei funghi delle unghie, dei pidocchi e delle verruche ma non esistono prove scientifiche in merito all’efficacia reale di tali rimedi.

Conservazione degli Alimenti

Grazie alle sue proprietà antibatteriche l’aceto è stato usato per secoli come conservante. La sua attività infatti permette di tenere sotto controllo i microrganismi che attaccano gli alimenti e ne causano le decomposizione.

Ipertensione

Studi condotti sull’aceto hanno evidenziato che la sua regolare assunzione aiuta a tenere sotto controllo l’ipertensione. Questa proprietà è riconducibile all’acido acetico.

Fa Bene alla Pelle

La sua applicazione sulla pelle è raccomandata per migliorane la salute e la luminosità. A tale scopo si può prendere mezzo bicchiere di aceto di mele e mescolarlo con 1 litro di acqua calda. La miscela va poi applicata delicatamente sulle pelle che diventerà anche più morbida.

Antitumorale

Ci sono diversi studi che suggeriscono che l’aceto può avere proprietà antitumorali. Le sostanze responsabili di questa attività non sono ancora state identificate. Si ritiene però che sia l’acido acetico uno dei principali composti ad agire contro i tumori.

Ovviamente non può essere solo questo composto ad avere attività antitumorale. I vari tipi di aceto contengono una vasta gamma di polifenoli. Questi composti hanno proprietà antiossidanti ed antitumorali ben note.

Aceto balsamico Ponti

Vi sono anche alcuni studi che dimostrano i benefici dell’aceto di riso in termini antitumorali. Questo prodotto è in grado di controllare la crescita di alcuni tipi di tumore. In particolar modo quello all’esofago, al colon, ai polmoni, al seno ed alla prostata.

Diabete

È anche utile per i diabetici. Alcuni test condotti su pazienti con diabete di tipo 2 ha evidenziato la sua azione stimolante sulla produzione di insulina. Prenderne 2 cucchiaini prima di andare a letto può migliorare la condizione dei pazienti con diabete di tipo 2.

La sua assunzione è anche utile per abbassare la glicemia. Questa proprietà è stata confermata dalla ricerca che suggerisce di aggiungerlo ad un pasto altamente glicemico.

Otite

Recenti studi hanno dimostrato che una soluzione di aceto bianco ed alcool in parti uguali ha effetti benefici sull’otite. Alcune gocce di soluzione versate nell’orecchio e lasciate agire per qualche minuto dovrebbero guarire l’otite.

Calorie 

L’apporto calorico non è molto alto, ogni 100 ml abbiamo:

Aceto di vino:      19 Kcal.

”      ”  di mele:     21 Kcal.

”      ”  balsamico: 88 Kcal.

Controindicazioni

Come per tutti gli alimenti anche l’abuso di questo derivato del vino può risultare dannoso per la salute e per la flora batterica in particolare. In Canada è addirittura vietato il suo utilizzo se supera una determinata percentuale di acidità.

Aceto Balsamico Curiosità

Gli aceti balsamici si ottengono dalla fermentazione zuccherina ed acetica del mosto d’uva cotto ed è molto importante, al fine di ottenere un ottimo prodotto, un buon invecchiamento che dura diversi anni, in genere non meno di dodici.

Alla fine del processo produttivo il balsamico ha una gradazione alcolica di almeno 6°. Il miglior balsamico, e allo stesso tempo anche quello più conosciuto, è quello di Modena che viene invecchiato per almeno dodici anni in botti di legno pregiato ed utilizza esclusivamente mosto di vino di ottima qualità.

Alcuni tipi vengono fatti invecchiare anche per 25 anni e raggiungono costi elevatissimi, si parla di 500 euro in media al litro!

Il segreto di un buon aceto balsamico è appunto quello di invecchiare per lungo tempo in botti di legno molto pregiato (rovere, castagno e ciliegio) che sono in grado di conferire al prodotto finale aromi unici e caratteristici.

Non basta però questo particolare per renderlo pregiato, infatti è necessario che esso venga prodotto utilizzando uve di qualità.

L’aspetto

L’aspetto di un buon aceto balsamico è simile ad uno sciroppo scuro e brillante. Diffidate di aceti balsamici a basso costo.

La crescente richiesta di questo particolare prodotto ha infatti contribuito al crescere di prodotti economici creati con normale aceto di vino. Questi poi vengono arricchiti di aromi artificiali coloranti e conservanti.

In varie località costiere di tutto il mondo, dopo una puntura di medusa, si usa applicare immediatamente l’aceto in quanto è in grado di disattivare la nematocisti.

In Italia ed in Germania quello di vino è indubbiamente il più diffuso ed utilizzato.

I vari tipi di aceto sono anche una buona fonte di polifenoli, composti sintetizzati dalle piante per contrastare lo stress ossidativo. L’ingestione da parte dell’uomo dei polifenoli aumenta la protezione antiossidante e riduce il rischio di tumore, in particolare all’esofago.

Il medico cinese Sung Tse, considerato il padre delle medicina legale, suggeriva di lavarsi le mani con l’aceto prima un intervento chirurgico. Questo per evitare le infezioni.

Esistono studi che dimostrano le proprietà antiglicemiche dell’aceto. Questa caratteristica può quindi rivelarsi utile per i soggetti con diabete di tipo 2.

Ci sono anche prove scientifiche che l’ingestione di aceto aumenta il senso di sazietà e breve termine.

Aceto: Proprietà e Benefici

Ultimo aggiornamento 19/03/2017

Disclaimer:

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.