Home / Aerofagia Cause e Rimedi

Aerofagia Cause e Rimedi

Aerofagia Cause e Rimedi

Definizione

L’aerofagia è un disturbo che interessa l’apparato digerente. Si manifesta con gonfiore addominale, a volte accompagnato da sensazioni dolorose. Spesso come conseguenza ha eruttazioni, meteorismo e flatulenze.

Aerofagia cause e rimedi

Le cause dell’aerofagia possono essere di diversa origine. Spesso la causa è da ricercarsi in un’eccessiva deglutizione, soprattutto durante i pasti. Oltre al cibo che viene consumato troppo velocemente, viene ingurgitata una quantità eccessiva d’aria che va a depositarsi nello stomaco. Questo fenomeno può verificarsi anche con le gomme da masticare, con le bevande e con le sigarette.

Vi sono però altre cause che possono dare luogo a problemi di aerofagia. Ad esempio l’ulcera, la gastrite, l’ernia iatale o la malattia da reflusso gastroesofageo.

I Sintomi 

Quando si hanno problemi di questo tipo i sintomi, come già accennato, sono il gonfiore addominale, eruttazione, flatulenza o meteorismo e a volte anche dolori addominali.

I fenomeni di cui sopra come flatulenza ed eruttazione, in determinate situazioni, come ad esempio durante e dopo i pasti, ci possono anche stare se si manifestano in modo normale e non eccessivo. Quando invece questi sintomi si manifestano sistematicamente ed in modo eccessivo, è probabile che sia in atto un problema.

Le Cause 

Oltre alle cause già menzionate sopra c’è un’altra causa che spesso da luogo alla formazione di gas nel tratto digerente, gli alimenti.

Il consumo di legumi nella mente della maggior parte delle persone, è ormai associato al gonfiore addominale e quindi alla flatulenza ed al meteorismo. In realtà però le cose non stanno proprio così.

Secondo uno studio condotto dall’Università del Colorado è emerso che è il consumo sporadico di legumi che può provocare l’aerofagia. Un consumo regolare di legumi invece, 3 o 4 volte a settimana, è in grado di ridurre il rischio aerofagia.

Il gas a livello intestinale viene prodotto dalla fermentazione di alcuni zuccheri presenti nei legumi che provocano appunto l’aerofagia. Il nostro organismo ha bisogno di abituarsi a questi zuccheri, per cui è facile che le prime volte che mangiamo legumi si sviluppi l’aerofagia. Se invece prendiamo l’abitudine di consumare legumi più volte alla settimana vedremo questo effetto collaterale ridursi di molto, già dopo pochi giorni.

Vi sono poi alcuni rimedi che si possono utilizzare per mangiare legumi senza incorrere in problemi. Per esempio, anche se un po faticoso, c’è chi sostituisce l’acqua di cottura dei legumi dopo alcuni minuti di cottura. In alternativa può essere utile aggiungere durante la cottura un po’ di alghe marine. Anche bere una tisana a fine pranzo riduce il rischio di sviluppare questo fastidioFinocchio, anice e zenzero, sono le tisane più indicate a tal proposito. Ricordiamo che i legumi sono un alimento molto utile e benefico per il nostro organismo, per cui è importante inserirlo regolarmente nella nostra dieta.

Aerofagia cause e rimedi

Altre cause

Un’altra delle cause dell’aerofagia è rappresentata dall’intolleranza al lattosio e quindi dal consumo di latte e derivati. Nella nostra società moderna sono in molti ad avere sviluppato questo tipo di intolleranza che causa la formazione di gas addominale. In questo caso  è sufficiente sospendere per alcuni giorni l’assunzione di alimenti che contengono il lattosio.

Vi sono poi anche alcuni tipi di verdure come cavoli e broccoli, che contengono il raffinosio. Questo è uno zucchero che può dar luogo alla formazione di gas intestinali.

Anche le bevande gassate sono causa di formazione di aria nello stomaco. Sempre meglio quindi evitarle se si hanno problemi di aerofagia.

In ultimo, tra le cause dell’aerofagia, vi sono anche i carboidrati derivanti dall’assunzione di pasta, pane e dolci. Gli zuccheri di questi alimenti vengono elaborati dalla flora intestinale. Tramite il processo di fermentazione, producono i fastidiosi gas intestinale.

Rimedi

Uno dei primi rimedi per l’aerofagia passa attraverso una corretta alimentazione. In caso di gonfiore addominale è sempre meglio moderare il consumo di alimenti a rischio. Meglio introdurne nella dieta qualcuno che può rappresentare un rimedio alla formazione di gas intestinale. Tra gli alimenti consigliati contro questo disturbo troviamo l’ananas e la mela che, con il loro apporto di fibre alimentari, aiutano a regolarizzare l’intestino.

Zenzero, finocchio, menta ed anice sono altri alimenti che vengono utilizzati come rimedi. Questi cibi hanno proprietà anti fermentative e favoriscono l’espulsione dei gas intestinali.

Anche altri alimenti come il limone, il mirtillo e l’aceto di mele sono ottimi rimedi per l’aerofagia. Questi cibi infatti hanno la proprietà di inibire il processo di putrefazione delle sostanze ingerite. Bloccano quindi il processo di fermentazione degli zuccheri in modo da limitare la formazione di gas intestinali.

Tra gli altri rimedi ci sono i decotti che si possono preparare utilizzando diverse piante: dragoncello, zenzero, finocchio, anice sono tra le più indicate per questo scopo.

Anche la tisana di camomilla ci può venire in aiuto. Questa pianta ha proprietà anti infiammatorie, facilita il processo digestivo e riduce il gonfiore addominale. Come rimedio per l’aerofagia va bevuta più volte al giorno, anche quattro o cinque volte.

Uno dei rimedi più utilizzati per l’aerofagia è il carbone vegetale. Ho lasciato appositamente per ultimo questo rimedio in quanto il carbone vegetale, sebbene possa rivelarsi utile per ridurre il gonfiore addominale, ha anche altri effetti non proprio benefici sul nostro organismo.

Stitichezza, irritazione dell’intestino e assorbimento di sostanze utili (oltre a quelle dannose) all’organismo sono gli effetti collaterali del carbone vegetale.

Aerofagia cause e rimedi