Albicocca: Proprietà e Benefici

Albicocca proprietà

Albicocca 

L’albicocca è uno dei primi frutti a maturare nel periodo estivo, i suoi semi sono tutt’ora allo studio per le loro presunte proprietà antitumorali. Il frutto invece ha altri effetti benefici sulla salute, vediamo quali.


L’albicocca, nome botanico Prunus Armeniaca, è un frutto appartenente alla famiglia delle Rosacee.

La pianta dell‘albicocco è originaria della Cina dove era già conosciuta nel 3.000 avanti Cristo. Fu diffusa in tutta Europa dai romani dopo la conquista dell’Armenia. Da questa regione, dove era chiamata mela d’Armenia, (Armeniacum malum) prese anche il nome.

Albicocche Proprietà e benefici

La pianta delle albicocche, allo stato selvatico, può superare i 10 metri di altezza. Fiorisce in primavera ed i suoi frutti, a seconda della specie, maturano da giugno fino a fine luglio. La pianta sopporta temperature fredde senza problema ma fiorisce molto presto rispetto alle altre piante da frutto. Per questo motivo, in caso di gelate primaverili, il raccolto può saltare.

Indice

Stati Uniti, Spagna, Italia, Francia e Grecia sono i maggiori stati produttori di albicocche a livello mondiale. Le varietà di albicocca sono molte e, anche se i gusti sono simili, le dimensioni ed i colori variano a seconda della specie.

Composizione Chimica

Composizione Chimica per 100 gr di albicocche
Acqua g 86,3
Proteine g 1,4
Carboidrati g 11,1
Zuccheri g 9,2
Grassi g 0,39
Fibra g 2
Minerali
Potassio mg 259
Calcio mg 13
Fosforo mg 23
Sodio mg 1
Magnesio mg 10
Zinco mg 0,2
Ferro mg 0,39
Vitamine
Vitamina A IU 1926
B1 mg 0,03
B2 mg 0,04
B3 mg 0,6
B5 mg 0,2
B6 mg 0,05
Vitamina C mg 10
Vitamina E mg 0,89
K mcg 3,3
J mg 2,8
Beta Carotene mcg 1094
Luteina Zeaxantina mcg 89
Folati mcg 6

Fonte: USDA Database

L’albicocca contiene molti costituenti con proprietà antiossidanti: quercetina, catechine, epicatechine, acido gallico, acido caffeico, acido cumarico, acido ferulico, zeaxantina e beta-criptoxantina.

Aminoacidi: acido aspartico e glutammico, alanina, arginina, cistina, glicina, fenilalanina, istidina, isoleucina, leucina, lisina, prolina, metionina, serina, tirosina, triptofano, valina e treonina.

Calorie 

L’apporto calorico fornito da 100 grammi di polpa di albicocca corrisponde a 28 kcal. 100 grammi di albicocche secche invece hanno un apporto di circa 200 kcal.

Albicocca: Proprietà e Benefici

L’albicocca è senza dubbio un frutto con buone proprietà dal punto di vista nutrizionale. Questo grazie all’alto contenuto di vitamina Avitamina C, potassio e fibre alimentari.

Benefici al Fegato

Il fegato è uno degli organi più importanti del nostro organismo. Le sue funzioni sono molto numerose e vanno dalla produzione delle proteine al metabolismo dei grassi per la produzione di energia.

Uno studio condotto sui ratti suggerisce che questo frutto ha proprietà protettive nei confronti del fegato.

Un altro studio del 2013, sempre condotto sui ratti, sostiene la capacità che l’albicocca ha di rigenerare le cellule epatiche. Servono ovviamente ulteriori studi su esseri umani per ufficializzare l’efficacia di questi frutti sul fegato umano.

Albicocca: Proprietà e Benefici

Combatte l’Anemia

La sua assunzione è particolarmente indicata per chi ha problemi di anemia. Come tutta la frutta anche le albicocche contengono ferro non-eme. Questo tipo di ferro, a differenza di quello presente negli alimenti di origine animale, viene assorbito più lentamente e con più difficoltà.

Il problema si risolve consumando altri alimenti ricchi di vitamina C. In questo modo si aumenta l’assorbimento del ferro.

Alla luce di questo fatto ci si aspetterebbe che le persone vegetariane siano facilmente soggette all’anemia. Gli studi però smentiscono questa condizione. La spiegazione è appunto nella vitamina C che i vegetariani, non consumando carne, assumono in buona quantità.

Anche il fatto che il ferro non-eme venga assorbito più lentamente dall’organismo aiuta a prevenire l’anemia. Motivi questi per consumare regolarmente albicocche ed altri alimenti vegetali ricchi di ferro.

Stanchezza

L’albicocca è utile in caso di spossatezza cronica, per le persone convalescenti, per gli anziani e per i bambini nell’età della crescita.

Aiuta lo Sviluppo delle Ossa

La vitamina A è anche utile per lo sviluppo delle ossa e per il corretto funzionamento di tutti i tessuti del nostro organismo, pelle e mucose in particolare. L’alta percentuale di potassio è in grado di prevenire vari disturbi a livello nervoso e muscolare.

Perdita di Peso

Il buon contenuto di fibre, oltre ad aiutare il processo digestivo, migliora anche il metabolismo. Oltre a questo le albicocche sono in grado di fornire un buon senso di sazietà con un basso apporto calorico. Tutto questo evita di assumere ulteriore cibo durante la giornata e mantiene il corpo leggero.

Infiammazione

Le albicocche hanno un alto contenuto di catechine, una famiglia di fitonutrienti flavonoidi. Questi composti sono stati studiati a fondo dai ricercatori. Gli studi hanno rivelato che le catechine inibiscono l’attività di un enzima che è coinvolto in una delle fasi critiche dell’infiammazione.

Anche l’estratto dell’olio di di semi di albicocca ha proprietà antinfiammatorie. In uno studio condotto su animali questo composto ha dimostrato di poter proteggere contro la colite ulcerosa, una patologia infiammatoria intestinale.

Sempre la ricerca testimonia che altri alimenti ricchi di catechine come ad esempio il tè verde ed il cacao, apportano benefici alla salute. È stato dimostrato che gli alimenti ricchi di catechine proteggono i vasi sanguigni dai danni causati dall’infiammazione.

 

Confettura di albicocche Zuegg

Protegge la Pelle

Sempre a proposito della vitamina A ricordiamo che essa è in grado di stimolare la produzione di melaninaLa melanina è la sostanza responsabile dell’abbronzatura e della protezione della pelle. Il sorbitolo invece conferisce all’albicocca leggere proprietà lassative.

Proprietà Antiossidanti

Le albicocche fresche contengono vitamina C che sappiamo avere proprietà antiossidanti ed aiuta il nostro organismo a sviluppare una resistenza contro gli agenti infettivi e contro gli effetti nocivi dei radicali liberi.

Secondo uno studio del 2008 gli antiossidanti sono in grado di ridurre il rischio di sviluppare patologie croniche come le malattie cardiache ed i tumori.

Sempre per quanto riguarda la lotta ai radicali liberi l’albicocca contiene altre sostanze con proprietà antiossidanti che si rivelano utili a questo scopo. Luteina, zeaxantina, beta-criptoxantina, quercetina, catechine, acido gallico, acido caffeico, acido cumarico ed acido ferulico.

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry, l’albicocca è particolarmente ricca di carotenoidi come il beta-carotene, la beta-criptoxantina ed il gamma-carotene.

Consumare frutta che contiene antiossidanti previene anche l’insorgere della malattia maculare degenerativa tipica dell’età avanzata. Questo beneficio è dato da un nutriente, la luteina, che è in grado di proteggere la retina dai danni causati dai raggi ultravioletti.

Regola il Battito Cardiaco

L’albicocca, come abbiamo visto, rappresenta una fonte significativa di potassio. Grazie a questa sua caratteristica apporta benefici a diverse parti del corpo. Aiuta a mantenere l’equilibrio dei fluidi corretto, collabora al controllo della funzione muscolare ed aiuta a regolare il battito cardiaco.

Regola il Colesterolo

Le albicocche contengono sia fibra insolubile che solubile ma è di quest’ultima che sono particolarmente ricche. In questo modo il loro consumo contribuisce a tenere sotto controllo il colesterolo cattivo HDL ed il livello di glucosio nel sangue.

Cuore

L’elevata quantità di fibre solubili in questo frutto rappresenta un beneficio anche per il cuore. Infatti la sua assunzione non è solo utile a ridurre il colesterolo LDL ma aiuta anche ad aumentare i livelli di colesterolo HDL o colesterolo buono. Tutto questo va a tutto vantaggio della salute del cuore.

Un test effettuato sui ratti nel 2009 ha dimostrato che l’assunzione di questi frutti ha proprietà cardioprotettive.

Antitumorale

L’albicocca contiene caroteni, sostanze con proprietà antiossidanti utili a proteggere il corpo dal tumore  ai polmoni ed alla cavità orale.

Psoriasi

La psoriasi è una malattia cronica della pelle che colpisce circa il 2% della popolazione mondiale. Uno studio del 2016 ha evidenziato come l’olio essenziale di albicocca amara sia in grado di indurre la morte per apoptosi delle cellule malate.

Protegge l’Apparato Digerente

La fibra presente nell’albicocca inoltre contribuisce alla salute ed al buon funzionamento dell’apparato digerente. La fibra attraversa il tratto digestivo senza venire digerita, aumenta quindi la massa delle feci e previene la stitichezza.

Un’analisi di 5 studi del 2012 ha dimostrato che un maggior apporto di fibra ha aumentato la frequenza delle feci nei pazienti con stitichezza.

Salute degli Occhi

L’albicocca è un’ottima fonte di vitamina A che  gioca un ruolo importante per quanto riguarda la salute degli occhi. La sua carenza infatti può causare la cecità al crepuscolo, la secchezza oculare ed altri seri problemi alla vista.

Oltre alla vitamina A anche i semi hanno effetti benefici sugli occhi. Uno studio del 2016 condotto su animali ha dimostrato che l’estratto di semi di albicocca ha ridotto la secchezza oculare nei topi.

Albicocche Secche

Una delle caratteristiche delle albicocche secche è quella di mantenere intatti i sali minerali che si trovano normalmente nel frutto fresco e, cosa più importante, è l’alto contenuto di fibra alimentare, che, grazie alle sue proprietà è in grado di apportare benefici alle funzionalità dell’intestino e di ridurre il tasso di colesterolo e di zucchero presenti nel sangue.

Albicocche Secche e Solfiti

I solfiti, composti contenenti zolfo, vengono spesso aggiunti alla frutta secca come l’albicocca in qualità di conservanti per prevenire l’ossidazione e lo sbiancamento dei colori della frutta. Queste sostanze possono provocare degli effetti indesiderati nella persone particolarmente sensibili ai solfiti.

Queste reazioni possono essere particolarmente forti nelle persone che soffrono d’asma e si stima che circa il 5 % delle persone sofferenti d’asma possono avere problemi con i solfiti.  L’albicocca è sconsigliata anche a chi soffre di calcoli renali.

In questi casi sempre meglio acquistare frutta biologica in quanto per legge la frutta biologica non può contenere solfiti.

Albicocche: Proprietà e benefici

 

Laetrile o Vitamina B17 e Semi di Albicocca

I semi contenuti nel nocciolo dell’albicocca contengono la vitamina B17 ( laetrile ). Questa sostanza fu scoperta nel 1950 da Ernest Krebs jr e sembra in grado di aggredire ed annientare le cellule malate dell’organismo. In particolare sembra efficace nei confronti di alcuni tipi di tumore. Krebs sosteneva che il cancro è una malattia causata da una carenza di vitamina B17.

Secondo Edwar Griffin, autore dei libri A World Without Cancer e Alive and in Good Health, questa carenza si risolve con la somministrazione di laetrile. Sempre secondo l’autore, questo farmaco è stato boicottato per motivi economici. Infatti è troppo economico e non brevettabile in quanto si ricava dai semi di vegetali diffusi in natura.

Secondo una ricerca condotta dal Dott. Dean Burk del National Cancer Institute, pare che la vitamina B17 reagisca con l’enzima glucosidase che è presente solo nelle cellule malate.

In presenza di questo enzima la vitamina B17 reagisce sprigionando cianuro che annienta le cellule cancerose. Le cellule sane invece non vengono attaccate in quanto non contengono l’enzima glucosidase. Questo infatti è l’unico in grado di attivare la vitamina B17 a produrre cianuro. Motivo questo che dovrebbe indurci a consumare ogni tanto qualche seme di albicocca, anche a scopo precauzionale.

Per approfondire l’argomento: Semi di Albicocca: Trattamento per i Tumori o Pericolo per la Salute?

Snocciolatore albicocche/prugne

Le Varietà

Le varietà di albicocche sono molte. Quelle che seguono sono le più pregiate e allo stesso tempo le più coltivate. Baracca, Monaco, Reale di Imola, Precoce di Cremonini, Val Venosta, Boccuccia, Cafona e la Pesca di Nancy.

Curiosità

Le albicocche mature possono essere conservate in frigorifero per un periodo massimo di 6/7 giorni.

Nell’albicocca è presente un seme che una volta privato della sua dura “corazza” può essere consumato come fosse una nocciola. Attenzione però, non tutti i semi delle albicocche sono commestibili, è facile accorgersene dal loro gusto amarissimo ed immangiabile nel caso di quelli non commestibili.

Pare che il suo nome derivi dal termine arabo Al-barquq ed in precedenza da quello latino Praecoquus che in entrambi i casi significano precoce. Questa terminologia dipende dal fatto che l’albicocco è una pianta precoce. Infatti comincia a fruttificare già dal secondo anno dopo essere stato piantato.

La pianta appartiene alla famiglia delle Rosacee, la stessa a cui appartengono prugne, pesche e ciliegie.

L’albicocca è un frutto lievemente difficile da gestire, commercialmente parlando. Una volta staccata dalla pianta la sua maturazione si ferma inesorabilmente. Per questo motivo è difficile trovare sul mercato albicocche mature al punto giusto.

Forse non Sapevi Che

Una soluzione per poter avere questo frutto maturo al punto giusto potrebbe essere quella di chiedere esplicitamente al commerciante albicocche da marmellata (generalmente considerate scarto e per questo meno costose).

In cosmetica l’albicocca è utilizzata per la preparazione di maschere per la cura della pelle. Questo grazie all’abbondante vitamina A ed ai minerali.

Albicocca: Proprietà e Benefici

Ultimo aggiornamento 08/04/2018

Versione lingua inglese

Disclaimer:

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.

Close