Camomilla: Proprietà e Benefici

Camomilla

La camomilla è una delle erbe medicinali più antiche conosciute dal genere umano. Grazie all’alto contenuto di antiossidanti quest’erba ha proprietà terapeutiche interessanti. Vediamo quali


La camomilla, nome scientifico Marticaria recutita, è una pianta erbacea annuale dalle proprietà calmanti.  La pianta appartiene alla famiglia delle Compositae, genere Matricaria.

Camomilla Proprietà e Benefici
Camomilla Proprietà e Benefici

La camomilla fiorisce da maggio a settembre e la si può trovare un po’ ovunque. La pianta si sviluppa molto bene su terreni assolati, sia in collina che in pianura. Esistono in natura molte specie di camomilla, ma le più diffuse ed utilizzate sono due: quella tedesca, la Marticaria recutita o camomilla comune) e quella romana, la Chamaemelum nobile.

Indice

La camomilla e le sue proprietà erano note fin nell’antichità ed alcune testimonianze risalgono alle antiche popolazioni egizie. Per quanto riguarda la sua raccolta allo stato spontaneo è necessario che la si conosca bene. È molto facile confonderla con un altro tipo di camomilla, denominata bastarda, non velenosa ma che può provocare reazioni allergiche a causa di alcune sostanze presenti nella pianta.

Una particolarità che ci permette di riconoscere la camomilla comune dalle altre è che i petali bianchi, subito dopo la fioritura, sono rivolti verso il basso.

I fiori essiccati di camomilla contengono molti terpenoidi e flavonoidi che contribuiscono alle sue proprietà medicinali. I preparati a base di questa pianta sono comunemente usati per molte malattie come la febbre da fieno, l’infiammazione, gli spasmi muscolari, i disturbi mestruali, l’insonnia, le ulcere, le ferite, i disturbi gastrointestinali ed i dolori reumatici.

Con i suoi fiori sono stati sviluppati diversi preparati, il più popolare è sotto forma di tisana che secondo le statistiche viene consumata da più di un milione di persone al giorno.

La camomilla è una delle piante medicinali più antiche utilizzate e ben documentate al mondo ed è stata raccomandata per una varietà di applicazioni terapeutiche. (1) Tradizionalmente, la camomilla è stata usata per secoli come antinfiammatoria, antiossidante e come lieve astringente. (2)

Nella medicina tradizionale è usata per curare ferite, ulcere, eczemi, gotta, irritazioni cutanee, lividi, bruciature, afte, nevralgie, sciatalgie, dolori reumatici, emorroidi, mastiti e altri disturbi. Sotto forma di infuso è stata frequentemente utilizzata come blando sedativo per calmare i nervi e ridurre l’ansia, per trattare l’isteria, gli incubi, l’insonnia e altri problemi del sonno. (3)

Composizione Chimica

Composizione Chimica per 100 gr di infuso camomilla
Acquag99,70
Carboidratig0,20
Cenerig0,01
Mineralimg
Calciomg2
Ramemg0,015
Ferromg0,08
Magnesiomg1
Manganesemg0,044
Fosforomg0
Potassiomg9
Seleniomcg0
Sodiomg1
Zincomg0,04
Vitamine
Vitamina AIU20
Vitamina A, RAEmcg1
B1mg0,010
B2mg0,004
B5mg0,011
Beta Carotenemcg12
Folatimcg1

Fonte: Nutritionvalue

Contiene l’8% di flavonoidi, sostanze molto utili alla salute, acido linoleico, acido palmitico, acido oleico, acido caffeico, geraniolo, borneolo, luteolina, quercetina, rutina, colina e mucillagini.

Calorie

100 gr di infuso hanno una resa calorica pari ad 1 kcal.

Camomilla: Proprietà e Benefici

È una della erbe più utilizzate con scopi curativi. Per questo scopo vengono impiegati i suoi fiori che, una volta fatti seccare al sole, vengono messi in infusione in acqua calda. Ad oggi la pianta viene utilizzata come droga per la preparazione di medicinali in diversi paesi

Antiossidanti

I suoi benefici sulla salute sono dovuti principalmente all’alto contenuto di antiossidanti, terpenoidi e flavonoidi soprattutto. Alcuni di questi composti ad attività antiossidante sono la quercetina, l’apigenina, la quercetina e la patuletina.

La ricerca scientifica ha dimostrato che gli antiossidanti contrastano l’infiammazione ed anche l’attività dei tanto temuti radicali liberi. (4)

Allevia le Infiammazioni

Uno studio recente, svoltosi a Londra e pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry ha confermato come la normale assunzione di camomilla abbia proprietà antinfiammatorie.

Allevia infiammazioni e spasmi muscolari, oltre ad avere proprietà antiossidanti. Come pomata si utilizza per la cura delle emorroidi mentre, vaporizzata con l’aerosol si utilizza per la cura del raffreddore e dell’asma.

Uno studio condotto sugli esseri umani ha dimostrato che i flavonoidi e gli oli essenziali della camomilla penetrano al di sotto della superficie cutanea negli strati più profondi della pelle. (5) Questo è importante per il loro uso come agenti antinfiammatori. (6)

Antitumorale

Ci sono diversi studi che hanno indagato la potenziale attività antitumorale della pianta. I risultati dimostrano l’efficacia di quest’erba nel bloccare lo sviluppo di alcune cellule tumorali. In particolare si è evidenziata l’efficacia di un composto antiossidante chiamato apigenina. Questa sostanza si è rivelata efficace nel combattere il tumore alla pelle, alla prostata ed al seno.

In uno studio pubblicato sul Journal of the Federation of American Societies for Experimental Biology si sono studiati gli effetti dell’estratto di camomilla. I risultati hanno confermato una riduzione significativa nello sviluppo delle cellule tumorali umane, in particolare di quelle che conducono al tumore alla prostata. (7)

Un altro recente studio ha dimostrato che l’estratto di camomilla induce la morte per apoptosi delle cellule tumorali ma non di quelle sane. Uno studio svedese invece sostiene l’efficacia dell’estratto nei confronti del tumore alla prostata refrattario agli androgeni. (8, 9)

Studi su modelli preclinici di tumore della pelle, della prostata, della mammella e dell’ovaio hanno mostrato effetti inibitori della crescita promettenti. (10, 11)

In uno studio recente è stato dimostrato che gli estratti di camomilla causano minimi effetti inibitori della crescita su cellule normali. Hanno invece mostrato riduzioni significative della vitalità cellulare in varie linee cellulari tumorali umane. L’esposizione alla camomilla induce apoptosi nelle cellule tumorali ma non in cellule normali a dosi simili. (12)

Protegge lo Stomaco

Un’altra proprietà della pianta è rappresentata dalla sua azione protettiva nei confronti dello stomaco. In particolare la pianta ha effetti antinfiammatori a livello della mucosa dello stomaco. La camomilla viene anche utilizzata per curare i disturbi gastrici, i dolori mestruali e i problemi digestivi.

Problemi Gastrointestinali

La ricerca conferma che quest’erba, in abbinamento con altre, è utile contro lo sviluppo di ulcere gastriche. Inoltre il suo fiore viene usato tradizionalmente per numerosi problemi gastrointestinali: disturbi digestivi, flatulenza e irritazione gastrointestinale. (13, 14)

La camomilla è particolarmente utile per disperdere il gas, calmare lo stomaco e rilassare i muscoli che muovono il cibo attraverso l’intestino. L’effetto protettivo di un preparato commerciale contenente gli estratti di foglia di melissa, fiori di camomilla, cumino, foglia di menta piperita, radice di liquirizia, radice di angelica e cardo mariano, contro il sviluppo di ulcere gastriche è stato precedentemente dimostrato. (15)

Sedativa

La camomilla è universalmente nota per le sue proprietà sedative e per questo motivo viene consigliata a chi ha problemi di insonnia. Questa proprietà è dovuta alla presenza di flavonoidi, e proprio recentemente è stato dimostrato che essi si  comportano allo stesso modo di alcuni farmaci ad effetto sedativo.

Secondo alcuni studi è l’apigenina il composto che favorisce il sonno e che cura quindi l’insonnia. (16)

In aromaterapia i vapori di olio essenziale, abbinati ad altri oli come ad esempio quello di sesamo, possono venire inalati per ridurre lo stress, calmare i nervi e rilassare la muscolatura.

Questo effetto rilassante si può ottenere anche mettendo 10 gocce circa di olio essenziale di camomilla nell’acqua calda del bagno. Ideale per chi soffre d’asma o ha problemi di nervosismo.

In un test sono state esaminate alcune donne che dopo il parto hanno bevuto la tisana di camomilla per 2 settimane. Al termine del test queste donne hanno visto migliorare la loro qualità del sonno rispetto a quelle che non avevano bevuto la tisana. (17)

Le proprietà sedative della pianta possono essere dovute all’apigenina che si lega ai recettori delle benzodiazepine nel cervello. (18) Gli estratti di camomilla mostrano un’attività ipnotica simile a quella delle benzodiazepine. (19)

Ansia e Depressione

Ha effetti benefici nei casi lievi di depressione mentre nei casi più gravi aiuta a rilassare i nervi. In questo modo è d’aiuto nell’assunzione di altri farmaci o rimedi naturali per la depressione. L’aspetto più positivo è la mancanza di effetti collaterali, visto che si tratta di un prodotto al 100 % naturale.

Per contrastare ansia e depressione può essere assunta sotto forma di tè, di tintura o di olio essenziale. Secondo recenti studi del 2012 questa erba ha è il miglior metodo alternativo ai trattamenti farmacologici per combattere lo stress. (20)

Per contrastare ansia e depressione si inalano i vapori del suo olio essenziale tramite aerosol. Questo perché i suoi vapori raggiungono direttamente la parte olfattiva del cervello disattivando tensione e nervosismo. Secondo la ricerca è grazie a questa proprietà che la camomilla è efficace nel ridurre i sintomi di ansia, stress ed insonnia. (21)

Glicemia

La sua assunzione può essere utile per ridurre i livelli di zucchero nel sangue. Le sue proprietà antinfiammatorie possono prevenire i danni al pancreas. Questi infatti si verificano quando i livelli di zucchero nel sangue sono troppo alti.

Il pancreas ha un ruolo importantissimo nel nostro corpo perché produce l’insulina, l’ormone che si occupa di rimuovere lo zucchero in eccesso nel sangue.

Ci sono diversi studi che suggeriscono che la tisana alla camomilla ha proprietà utili a ridurre i livelli di zucchero nel sangue. La sua assunzione a digiuno ed in buona quantità può anche prevenire i picchi glicemici. (22, 23)

A riprova di tutto questo c’è anche uno studio condotto su 64 diabetici che hanno assunto camomilla tutti  i giorni durante i pasti per 8 settimane. Al termine del test questi pazienti avevano i livelli di zucchero più bassi rispetto a chi aveva bevuto solo acqua. (24)

Altri studi suggeriscono che la camomilla migliora l’iperglicemia e le complicazioni diabetiche sopprimendo i livelli di zucchero nel sangue, aumentando la conservazione del glicogeno epatico e l’inibizione del sorbitolo negli eritrociti umani. (25)

Contro la Congiuntivite

Un infuso freddo di camomilla può essere utilizzato per fare un impacco agli occhi con problemi di irritazione o di congiuntivite.

Camomilla e Raffreddore

Il raffreddore è la malattia virale ed infettiva più comune al mondo che riguarda l’apparato respiratorio superiore. Ci sono alcuni studi che che suggeriscono che l’inalazione dei vapori di camomilla sono utili per contrastare i sintomi del raffreddore.

Gli studi indicano che l’inalazione di vapore con estratto di camomilla è stata utile nei sintomi del raffreddore comune. (26)

 

Olio essenziale di camomilla romana (Itay) – 100% puro, biologico, naturale e terapeutico per aromaterapia diffusore, salute della pelle e Relax – 10 ml

Guarda

Protegge il Fegato

La camomilla stimola la produzione di bile e ha funzioni protettive nei confronti del fegato. Per questo scopo si può preparare un infusione con un cucchiaio di fiori secchi in una tazza di acqua bollente. Bere 2 o 3 tazze al giorno.

Riduce il Colesterolo

La presenza di colina nella camomilla invece, rappresenta un aiuto per eliminare i grassi del sangue e questo comporta una riduzione di colesterolo cattivo LDL dalle arterie. Si hanno così benefici in termini preventivi nei confronti dell’arteriosclerosi e e delle malattie cardiocircolatorie.

Salute Cardiovascolare

Grazie al suo alto contenuto di flavonoidi ultimamente la camomilla è stata studiata per i suoi effetti protettivi sul cuore. Uno studio del 2005 condotto su uomini con oltre 65 anni di età ha confermato questa proprietà. L’assunzione di flavonoidi da alimenti vegetali infatti è associato ad un minor rischio di morte per malattie coronariche. (27)

Un altro studio condotto su 12 pazienti con problemi al cuore ha mostrato lievi miglioramenti dopo l’assunzione della camomilla. Lo studio però era su poche persone ed occorrono ricerche più estese per confermarne i risultati. (28)

Uno studio condotto in Marocco ha dimostrato che la sua assunzione ha effetti benefici nei confronti dell’ipertensione. (29)

Ciclo e Gravidanza

La camomilla si rivela utile anche per ridurre i crampi mestruali nelle donne. Per questo scopo si prepara un infuso misto di camomilla, salvia e rosmarino in parti uguali da bere 3 volte al giorno.  Sotto forma di tè si utilizza per alleviare le nausee mattutine delle donne in gravidanza.

Diuretica 

Ha anche blande proprietà diuretiche che possono venire utilizzate sia per tenere sotto controllo il peso sia che per l’eliminazione di sostanze dannose come l’acido urico la cui sedimentazione provoca la gotta.

Diarrea e Coliche

Due studi clinici hanno esaminato gli effetti della camomilla sulle coliche dei bambini. I ricercatori hanno rilevato che un tè alle erbe, tra le quali anche la camomilla, riduceva del 57% le coliche bei bambini senza effetti collaterali. (30)

Un altro studio ha dimostrato che un estratto di camomilla insieme alla pectina di mela, riduce di molto la durata della diarrea nei bambini.

Emorroidi

Gli studi suggeriscono che un unguento a base di questa pianta può migliorare i sintomi delle emorroidi. Anche la tintura di camomilla può ridurre l’infiammazione associata alle emorroidi. (31, 32)

Tisana Contro la Debolezza

Tisana di fiori di camomilla

 

Per contrastare in modo efficace gli stati di debolezza che ogni tanto ci possono assalire si può procedere con la preparazione di questa semplice tisana a base camomilla. Questi gli ingredienti:

Procuratevi 60 grammi di fiori, 20 grammi di radici di genziana e 120 grammi di radici di valeriana. Mischiate per bene questi ingredienti, poi prendetene un cucchiaio e mettetelo in infusione in una tazza di acqua bollente per 8 minuti. Si consiglia di berne metà al mattino e metà alla sera.

Olio Essenziale

L’olio essenziale di camomilla romana viene estratto dai suoi fiori e contiene alfa-pinene, beta-pinene, sabinene, canfene, mircene, farsenol, pinocarvone, cineolo e cariofillene.

Mentre questo olio ha proprietà spiccatamente rilassanti, quello estratto dalla camomilla tedesca, grazie ad un composto chiamato Azulene,  viene utilizzato a scopo anti infiammatorio.

Entrambe le varietà della pianta producono un olio con effetti sudoriferi e febbrifughi, tramite il sudore fanno uscire dall’organismo tossine ed agenti infettivi e con il sudore fanno abbassare la temperatura corporea in caso di febbre.

Filtrofiore, tutte le parti del fiore di camomilla - 14 filtri

Guarda

Vermifugo, antisettico e battericida: i due oli sono in grado di eliminare i vermi intestinali e, applicati sui capelli uccidono i pidocchi ed altri microrganismi disinfettando allo steso tempo il cuoio capelluto.

Antidepressivo: hanno entrambi proprietà utili a contrastare tristezza e depressione ed i loro benefici funzionano anche solo annusandone l’aroma.

Curiosità

Il componente principale che da origine al caratteristico profumo, è l’olio essenziale di azulene che si ottiene dal fiore tramite distillazione. Stranamente, a dispetto del colore giallo del fiore, l’olio che si ottiene è blu.

Senza alcun dubbio questa pianta rappresenta uno dei rimedi naturali più antichi. Gli antichi egizi, anche grazie al suo aspetto, l’avevano consacrata al dio sole.

La camomilla è un’erba medicinale secolare, le sue virtù terapeutiche erano già note alle popolazioni dell’antica Roma, della Grecia e dell’antico Egitto. La fama di quest’erba curativa si diffuse enormemente durante tutto il medioevo. Le popolazioni di quell’epoca la utilizzavano infatti per curare diversi malanni fisici come l’asma, gli stati febbrili e le infiammazioni.

La prima descrizione scritta riguardante i benefici della camomilla risale al XVI secolo, ad opera del medico romano Castore Durante.

La camomilla è stata valutata come rilassante digestivo ed è stata usata per trattare vari disturbi gastrointestinali quali flatulenza, indigestione, diarrea, anoressia, nausea e vomito. (33, 34)

Camomilla Proprietà e Benefici

 

Forse non Tutti Sanno Che

In passato i suoi fiori essiccati venivano utilizzati come tabacco per la pipa.

L’ olio essenziale, come già scritto responsabile del suo profumo, contiene camazulene blu, flavonoidi, cumarina, alcool e vitamina C.

Ad oggi è considerata uno degli strumenti più utili per combattere i disturbi legati allo stomaco.

La camomilla, grazie alla presenza di mucillagini, può essere utilizzata per uso esterno per curare le affezioni della pelle. Si utilizza della garza imbevuta di infuso ottenuto con fiori secchi non più vecchi di un anno che va posizionata sulla parte interessata per 15 minuti. Questo trattamento è consigliato per ferite, vesciche, pustole, graffi, dermatiti ed eczemi.

Sembra che le donne appartenenti all’antica nobiltà egiziana usavano schiacciare i fiori di camomilla sulla pelle per mantenerla giovane ed in salute.

I maggiori paesi produttori di camomilla sono l’Italia, il Belgio, la Francia, l’Inghilterra, la Polonia e la Germania. Alcune fonti ci informano che furono i romani i primi a produrre questa spezia su larga scala.

Secondo gli studi bere camomilla è stato associato ad un significativo aumento dei livelli urinari di ippurato e glicina, che sono stati associati ad una maggiore attività antibatterica. (35)

Controindicazioni

Secondo le statistiche mediche una percentuale relativamente bassa di persone è sensibile alla camomilla e sviluppa reazioni allergiche. (36)

Anche se non sono stati riscontrati segni di tossicità, trattamenti troppo lunghi o assunzioni di quantità eccessive possono provocare nausea e vomito.

Quest’erba è considerata un prodotto stimolante uterino. In caso di gravidanza quindi è meglio consultare un medico prima di assumere prodotti derivati da quest’erba medicinale.

Le persone che hanno dimostrato di essere allergiche alle piante appartenenti alla famiglia delle Compositae non devono assumere preparazioni a base di camomilla.

Sono stati riscontrati rari casi in cui invece che avere effetti sedativi la camomilla ha provocato effetti opposti. In uno studio è stato dimostrato che il lavaggio oculare con camomilla nei pazienti affetti da febbre da fieno con congiuntivite, aggrava l’infiammazione degli occhi. Non si notava invece un peggioramento dell’infiammazione oculare con l’assunzione della tisana. (37)

Camomilla: Proprietà e Benefici

Versione lingua inglese

Disclaimer:

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.

Back to top button