Home / Cumino: Proprietà e Benefici

Cumino: Proprietà e Benefici

Cumino

Il cumino è una pianta erbacea a carattere annuale con particolari proprietà aromatiche. Il suo nome scientifico è Cuminum cyminu ed appartiene alla famiglia delle Apiaceae.

Cumino: proprietà e benefici
Cumino: proprietà e benefici

Si sviluppa in altezza non oltre i 30 cm e presenta dei fiori bianchi, a volta tendenti al rosa.

Il frutto è un achenio e contiene quindi un solo seme. È proprio dai semi del cumino che è costituita la famosa spezia.

Da ritrovamenti avvenuti in diversi siti archeologici, sembra che il cumino e le sue proprietà fossero già note alle popolazioni che abitavano la terra già 2.000 anni prima della venuta di Cristo.

Composizione Chimica 

Contiene il 9,9 % d’acqua, il 14,60% di grassi, il 17,8 % di proteine, il 10,8 % di fibre, lo 0,64 % di zuccheri ed il 5,8 % di ceneri.

Questi i minerali: potassio, calcio, sodio, fosforo, zinco, ferro, magnesio, manganese, selenio e rame. Sono presenti inoltre beta-carotene, luteina e zeaxantina che sono tutte sostanze antiossidanti.

Queste le vitaminevitamina A, vitamine B1, B2, B3, B6, vitamina C, E, J e K.

Questi gli aminoacidi: acido aspartico e glutammico, alanina, arginina, cistina, glicina, fenilalanina, istidina, leucina, lisina, prolina, metionina, serina, tirosina, triptofano, isoleucina, valina e treonina.

I semi sono inoltre un’ottima fonte di flavonoidi con proprietà antiossidanti come per esempio i caroteni, la luteina e zeaxantina.

Proprietà Curative e Benefici del Cumino

Digestivo

La principale proprietà riconosciuta a questa spezia è quella di apportare benefici al processo digestivo. A tal scopo bere una tisana preparata con semi di cumino e finocchio, dopo pranzo, ha proprietà digestive.

Questa virtù è da attribuire principalmente a due sostanze: la prima è la cuminaldeide che attiva le ghiandole salivari della bocca facilitando la digestione primaria del cibo. La seconda è il timolo che stimola la produzione di succhi gastrici e bile per la digestione completa del cibo.

Carminativo

La spezia è anche carminativa, ovvero facilita l’eliminazione dei gas che si formano nell’intestino ed allevia i dolori che da questi possono derivare. Infatti, grazie a questa caratteristica il cumino viene inserito nella dieta di chi ha problemi di aerofagia.

Diabete

Secondo studi eseguiti su animali, pare che la spezia abbia proprietà preventive nei confronti del diabete riducendo la probabilità di ipoglicemia.

Emorroidi

Grazie al buon contenuto di fibre ed alle proprietà fungicide ed antibatteriche, il cumino sembra apportare benefici in termine di prevenzione per quanto riguarda le emorroidi. Una delle cause di questa patologia è infatti la costipazione e le ferite del tratto anale che possono anche essere una conseguenza della costipazione.

Lassativo

Agisce come un naturale lassativo, velocizza la digestione e guarisce le ferite prevenendo le infezioni.

Disinfettante

Gli oli essenziali presenti in questa spezia agiscono come disinfettanti. Aiutano a contrastare le infezioni virali che possono provocare il raffreddore

Alitosi

semi del cumino, se masticati, hanno una duplice proprietà.  Contrastano l’alitosi ed aumentano l’appetito.

Acquista cumino in polvere

Anemia

Contiene una buona quantità di ferro e di vitamina C che svolgono un ruolo importante nel rafforzamento del  sistema immunitario. La vitamina C inoltre ha proprietà antiossidanti in grado di portare benefici a tutto l’organismo.

Il ferro invece, che è presente nella quantità di 66 mg ogni 100 grammi (più di 5 volte il fabbisogno giornaliero di ferro per un adulto) è il principale componente dell’emoglobina nei globuli rossi.

È quest’ultima a traferire ossigeno e ossido di ferro alle cellule del corpo la cui carenza provoca l’anemia. Per questo motivo il cumino è un alimento molto indicato per le persone che soffrono di anemia.

Pelle

Anche la pelle trae benefici dall’assunzione di cumino. Infatti la vitamina E ha proprietà antiossidanti e rallenta il processo di invecchiamento delle nostre cellule mantenendo la pelle giovane più a lungo.

La vitamina E che è presente in buona quantità, insieme agli oli essenziali che hanno proprietà antibatteriche e fungicide, impedisce le infezioni dei microbi e dei funghi a danno della pelle.

Problemi Respiratori

Gli oli essenziali e la caffeina hanno proprietà espettoranti. Sciolgono quindi il catarro ed il muco presenti nelle vie respiratorie apportando benefici in caso di asma e bronchiti.

Raffreddore

Gli oli essenziali del cumino hanno un’azione disinfettante ed aiutano a contrastare le infezioni virali che causano il raffreddore.

Cumino in Cucina

Cumino: proprietà e benefici

Grazie alle sue proprietà aromatiche, è una spezia che, sebbene non molto utilizzata in Italia, compare spesso tra gli ingredienti di molti piatti tradizionali dei paesi del Nord Africa, del medio Oriente e dell’India.

Il cumino in India è uno degli ingredienti del famoso curry. In Messico è invece tra gli ingredienti della famosa salsa a base di avocado conosciuta col nome di guacamole.

In Marocco il cumino viene utilizzato per aromatizzare il famoso piatto del couscous. Nell’Est dell’Europa il cumino si utilizza per aromatizzare piatti a base di carne come il gulash.

Nei paesi del Medio Oriente come Egitto, Israele, Siria, Palestina e Giordania, viene utilizzato per preparare i falafel, delle polpette fritte a base di legumi.

In Spagna e Francia i semi di cumino vengono utilizzati per aromatizzare alcuni tipi di pane.

Calorie

100 gr di cumino hanno un apporto calorico pari a 375 calorie.

Curiosità

Grazie alle proprietà aromatiche viene impiegato per aromatizzare alcuni tipi di formaggio. Il suo profumo caratteristico è dovuto principalmente ad un componente dell’olio essenziale che prende il nome di cuminaldeide. Questa sostanza, una volta ingerita, attiva le ghiandole salivari della bocca facilitando la digestione primaria del cibo.

In antichità, nei paesi arabi, veniva impiegato per preparare quello che si credeva essere un potente afrodisiaco.

Sempre in tempi antichi si riteneva che il cumino avesse la capacità di non far allontanare da casa gli animali domestici. Caratteristica questa che fu poi estesa anche agli esseri umani, in particolare veniva utilizzato tra coniugi per scongiurare l’allontanamento di uno dei due.

L’olio estratto dal cumino pare abbia proprietà benefiche nei confronti della pelle e per questo motivo viene utilizzato per la pratica dei massaggi.

Esistono altre tipologie di cumino oltre a questa (Cuminum cyminum) e con cui si fa spesso confusione. Ad esempio vi è il cumino dei prati, il cui nome scientifico è Carum carvi, che ha un gusto meno piccante ed un profumo meno intenso.

Anche se non vi è nulla di certo, sono in molti a ritenere che il suo nome derivi da una città iraniana di nome Kerman. Questa città una volta era la principale produttrice di questa spezia.

Forse non sapevate che

Nella Bibbia viene più volte citato, non solo per la preparazione del pane ma anche del suo utilizzo come moneta.

Nell’antico Egitto il cumino, oltre che per usi culinari, veniva impiegato durante il processo di mummificazione dei faraoni.

Anche se in Italia è una spezia poco utilizzata si consiglia di provarla con formaggi e carni arrostite.

Non si registrano controindicazioni per questa spezia e non sono nemmeno noti casi di allergia.

Cumino: Proprietà e Benefici

Ultimo aggiornamento 18/02/2017

Versione lingua inglese

Disclaimer:

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.