Home / Frigorifero Consigli Acquisto

Frigorifero Consigli Acquisto

Consigli per l’Acquisto del Frigorifero

Anche per l’acquisto di un frigorifero, come per altri grandi elettrodomestici, non è facile orientarsi. La scelta è molto vasta ed i modelli sono talmente numerosi che spesso disorientano.

Consigli acquisto frigorifero

Ho preparato una piccola guida con alcuni consigli per aiutarvi nella scelta del frigorifero. Può tornare utile se non avete le idee chiare in proposito e dovete acquistarne uno nuovo.

Prima di procedere con l’acquisto di un frigorifero è bene sapere con certezza quali sono le nostre esigenze. In questo modo potremo focalizzare la nostra attenzione verso una tipologia ben precisa di modelli.

I Vari Tipi di Frigorifero

In base alle impostazioni ed alla disposizione del frigorifero rispetto al congelatore abbiamo 5 tipologie principali di frigoriferi. Il frigo bar (o frigo tavolo), il mono porta, il doppia porta, il combinato ed il Side by Side.

Ogni tipo risponde a diverse esigenze familiari. Per questo motivo che è importante saper scegliere il giusto frigorifero. Una giusta scelta evita inutili sprechi energetici e ne migliora l’utilizzo.

Ho visto spesso coppie senza figli acquistare enormi frigoriferi Side by Side con capacità di 600 litri. Ovviamente il frigorifero è rimasto perennemente semivuoto. Il suo vero utilizzo era quello di esibirlo agli amici.

Analizzeremo in seguito queste tipologie di elettrodomestico. Ora vediamo quali sono i sistemi di raffreddamento utilizzati per creare il freddo all’interno di questi elettrodomestici.

I Sistemi di Raffreddamento 

Frigorifero, consigli per l'acquisto

Raffreddamento classico statico: è il sistema di raffreddamento tradizionale. Consiste nel raffreddare la parete interna del frigorifero tramite un gas apposito. Il gas viene spinto dal compressore nel circuito refrigerante. Questo meccanismo raffredda l’interno del frigorifero tramite la parete interna che normalmente si ricopre di un sottile strato di ghiaccio.

Quando il frigo raggiunge la temperatura richiesta il compressore si ferma ed il ghiaccio formatosi nella parete si scioglie. L’acqua, tramite un apposito foro (che periodicamente va controllato e pulito se è il caso) va a depositarsi in una vaschetta posta sopra il compressore.

L’acqua nella vaschetta, con il calore del compressore, continuerà ad evaporare.

Questo ciclo si ripete continuamente. È quindi assolutamente normale vedere il ghiaccio nella parete interna del frigorifero.

Raffreddamento ventilato: questo sistema di raffreddamento è identico allo statico. La differenza è che all’interno del frigorifero viene collocata una ventola. Questa, con il suo movimento, contribuisce a rendere la temperatura più uniforme.

Raffreddamento No-Frost: questa tecnologia differisce dai precedenti in quanto il freddo viene prodotto diversamente. Infatti l’aria fredda viene fatta circolare all’interno del frigorifero per mezzo di apposite canalizzazioni.

Differenze sostanziali: nel sistema tradizionale, a lungo andare, si forma del ghiaccio nello scomparto congelatore. Questo col tempo tende ad aumentare di volume. Per questo motivo ogni 3/4 mesi è necessario compiere uno sbrinamento manuale.

Nel sistema No-Frost invece non si ha la formazione di ghiaccio e quindi non è necessario lo sbrinamento. Per contro però, l’aria fredda che viene immessa nel frigorifero, produce un freddo secco che tende a seccare gli alimenti. Questi andrebbero quindi riposti in contenitori oppure coperti.

Tipologie di Frigorifero

Come scritto in precedenza esistono diversi tipi di frigorifero. I frigo tavolo, i monoporta, i doppia porta, i combinati ed i Side by Side. Vediamo ora di descriverli un po’ più nel dettaglio.

Monoporta

Come dice la parola stessa, sono dotati di un’unica porta. Si trovano in commercio con una piccola cella congelatore al loro interno, oppure senza.

Frigo monoporta Hotpoint

Quando il mono porta è dotato di congelatore bisogna fare attenzione perché non si tratta di un vero e proprio congelatore. Normalmente ha “una stella” o al massimo “due stelle”. È quindi indicato esclusivamente per la produzione di ghiaccio e per conservare gli alimenti al massimo per un paio di giorni.

Chi acquista questo tipo di frigorifero normalmente ha già un congelatore a parte, oppure non gli serve.

Frigorifero Doppia Porta

Il doppia porta era quello più diffuso fino ad una ventina di anni fa nelle cucine degli italiani. Ha una capacità di 240 litri circa ed è formato da 2 sportelli. Uno più piccolo in alto per il congelatore ed uno più grande nella parte sottostante per il frigorifero.

Frigorifero doppia porta

Combinato

Questi frigoriferi, come suggerisce la parola stessa, combinano un frigorifero ad un congelatore “quattro stelle”. Il congelatore scende ad una temperatura di -18°, ideale per la conservazione degli alimenti a lungo termine.

Il frigorifero si trova nella parte superiore mentre il congelatore si trova nella parte inferiore. Quest’ultimo è dotato di 3/4 cassetti che facilitano la sistemazione in modo ordinato degli alimenti. Il combinato è consigliato per famiglie di 4/6 persone.

Frigorifero combinato Indesit

Frigorifero Side by Side 

Sono frigoriferi caratterizzati da una grande capienza, 500/550 litri. Sono dotati di due porte affiancate, una per il frigo ed una per il congelatore. Esistono anche modelli che hanno uno o due cassettoni nella parte inferiore. Questi sono adibiti a congelatore e 2 porte nella parte superiore per il frigorifero.

Molto spesso i Side by Side sono dotati di un dispenser esterno per il ghiaccio (disponibile intero o tritato per granite) e per l’acqua fredda. Questo elettrodomestico è consigliato per famiglie numerose.

Frigorifero Side by Side

Installazione del Frigorifero

I frigoriferi non necessitano di particolari tecniche di installazione, 2 sono le cose a cui prestare attenzione:

1 – Non posizionare il frigorifero vicino a fonti di calore come termosifoni, stufe o esposizione diretta al sole. Così facendo eviterete di far lavorare il frigo in modo eccessivo e prolungherete la sua durata.

2 – È importante lasciare almeno 8 centimetri dal muro (a tal proposito insieme al frigo vengono forniti dei distanziali da sistemare sul retro del frigo). In questo modo il condensatore può raffreddarsi senza problemi.

Consigli 

Forse non tutti sanno che molti frigoriferi non funzionano se vengono posti in un ambiente che ha una temperatura inferiore ai 6 gradi. Quando procedete all’acquisto di un frigo che dovete mettere in un ambiente freddo (una seconda casa che usate saltuariamente) assicuratevi prima che sia adatto a questo scopo.

Se dovete sbrinare il congelatore non utilizzate assolutamente nessun attrezzo per togliere il ghiaccio. Lasciate che il ghiaccio si sciolga da solo. infatti è molto facile bucare le serpentine in cui passa il gas e dover così buttare il frigo.

Molti frigoriferi nuovi sono dotati di un rivestimento interno che impedisce la formazione di muffe e di cattivi odori.

Sempre più apparecchi sono dotati di una zona chiamata “zero gradi”. Qui la temperatura si aggira sui zero gradi ed è possibile quindi conservare carne e pesce nel frigo per tre/quattro giorni.

Quando si acquista un frigo che durante il trasporto viaggia coricato è necessario, prima di metterlo in funzione, rimetterlo in piedi ed attendere almeno 8 ore. Questo per evitare che il compressore si danneggi.

Se avete in casa un elettrodomestico con sistema di raffreddamento tradizionale ricordatevi di sbrinarlo periodicamente. L’accumulo di troppo ghiaccio nel congelatore, oltre a diminuire l’efficienza della stesso, potrebbe, con la sua dilatazione, danneggiare le serpentine al cui interno passa il gas.

Può capitare, soprattutto nel periodo estivo, di toccare la parte esterna del frigo e di sentirla molto calda. Non è il caso di preoccuparsi, è un effetto normale dovuto al passaggio del gas nel circuito refrigerante.

Frigoriferi e Consumi

Fino a pochi anni fa era ancora possibile trovare in commercio frigoriferi dal consumo un po’ elevato. Oggi le cose sono cambiate velocemente ed i frigoriferi sono tutti i classe A, A+ e A++.

Etichetta energetica

Frigorifero, consigli per l'acquisto
Etichetta Energetica

 

A – In questo settore troviamo il marchio del costruttore ed il modello del’apparecchio.

B – Indica l’efficienza energetica: A è la classe che consuma meno energia, man mano che si scende con le lettere il consumo sale. Ad oggi, per legge non si possono più costruire apparecchi in classe energetica D, E, F, G.

C – Indica il consumo di energia espresso in Kw/h misurato in un anno di funzionamento dell’elettrodomestico.

D – Questa parte indica la capacità in litri del frigorifero e del congelatore.

E – Indica la rumorosità espressa in decibel dell’elettrodomestico.

Consigli per l’acquisto di un frigorifero

Ultimo aggiornamento: 20/02/2017