Amanita crocea – Bubbolina

Funghi Commestibili

Amanita crocea – Bubbolina

L’Amanita crocea, anche noto con il nome di bubbolina, è un buon fungo commestibile anche se non è molto conosciuto. Il suo nome deriva dal termine latino croceus che significa color zafferano, a causa della sua colorazione aranciata.

Amanita crocea - Bubbolina, esemplare nel bosco
Amanita crocea – Bubbolina

Il suo cappello può raggiungere i 10 cm di diametro. Alla nascita ha una forma convessa ed allungata per poi diventare spianato con la crescita. Il suo colore è arancione albicocca alla nascita per poi schiarirsi durante la crescita.

Le lamelle sono separate dal gambo, fitte e di colore bianco crema.

Il gambo dell’Amanita crocea può misurare fino a 14 cm di altezza, ha forma allungata e slanciata e si restringe in prossimità del cappello. Alla base è presente la volva di colore biancastro da cui fuoriesce il fungo. Il gambo è inizialmente pieno per poi divenire più molle e fibroso.

La carne è sottile e tenera, il suo colore è biancastro con sfumature arancio ai margini del cappello. L’odore è delicato con un sapore lievemente dolce.

Habitat

Il fungo cresce nei boschi di conifere e latifoglie a partire dalla tarda estate fino all’autunno inoltrato. Per la crescita, la bubbolina predilige ambienti umidi con presenza di muschio o di erba. Non è un fungo molto diffuso nei nostri boschi ma, dove presente, cresce spesso in folti gruppi.

Commestibilità Amanita crocea

Si tratta di un buon fungo commestibile con un gusto molto delicato ma va bollito per almeno 15 minuti prima di poter essere consumato.

Attenzione: L’Amanita crocea è velenosa da cruda. Si consiglia di eliminare l’acqua di cottura durante la sua preparazione.

Amanita crocea - Bubbolina

Photo Credit: Onnola@Flickr

Gli avvelenamenti causati da questa specie non sono rari. Il fungo infatti assomiglia alla più pregiata specie Amanita caesarea (ovulo buono) che può essere consumata anche da cruda. La bubbolina si differenzia però dall’ovulo buono per diversi fattori, come ad esempio la mancanza dell’anello e una colorazione più tenue rispetto all’ A.caesarea.

Amanita crocea – Bubbolina

Attenzione:

La classificazione dei funghi e della loro relativa commestibilità vanno affidate a micologi esperti o al personale specializzato degli enti sanitari competenti. Informazioni errate o atteggiamenti superficiali in merito potrebbero arrecare gravi danni da intossicazione o avvelenamenti anche mortali. Non consumare funghi se non si ha l’assoluta certezza della loro commestibilità. Le immagini riportate sul sito www.mr-loto.it sono puramente indicative, si tenga presente che gli stessi funghi da un anno all’altro o da un luogo ad un altro possono presentarsi sotto forme e sfumature di colori leggermente diverse.

Back to top button