Amanita verna o Amanita primaverile

Funghi Velenosi

Amanita verna o Amanita primaverile

Fungo velenoso mortale
Fungo mortale

L’Amanita verna prende il suo nome dal latino vernus che significa primaverile. È quello infatti il periodo in cui questo temibilissimo fungo comincia a crescere.

Amanita verna o Amanita primaverile

Il cappello dell’Amanita verna, o primaverile, ha dimensioni che variano dai 4 ai 12 centimetri in media. Il colore del suo cappello è bianco candido con lamelle fitte e bianche.

Il gambo, di forma cilindrica e leggermente ingrossato alla base, presenta un anello bianco appena sotto al cappello ed è rivolto verso il basso. Il suo odore, quasi neutro negli esemplari giovani, diventa sgradevole in quelli adulti.

Tossicità del Fungo 

L’Amanita verna è un fungo velenosissimo la cui ingestione difficilmente lascia scampo. Contiene i medesimi principi tossici presenti nell’Amanita phalloides. È sufficiente il veleno contenuto in 40 grammi di fungo per uccidere una persona adulta.

I sintomi da avvelenamento da Amanita verna sopraggiungono generalmente dalle 7 alle 24 ore dopo l’ingestione del fungo. Forti dolori addominali, nausea, vomito, disidratazione.

In seguito sopraggiunge una breve fase di apparente miglioramento a cui fa seguito la terza fase caratterizzata da grave insufficienza epatica e renale. Queste portano al coma ed al decesso nel giro di poco tempo, solitamente in 2/4 giorni.

LAmanita verna cresce nei boschi di latifoglie in quasi tutta Italia, specie nelle zone collinari, prediligendo querce e castagni. Raramente è stata segnalata nei boschi di conifere.

L’Amanita verna compare dalla primavera all’autunno. È la prima a crescere delle 3 amanite mortali e la si può trovare nei boschi già da maggio/giugno.

Curiosità sull’Amanita verna

Amanita verna
Amanita verna

Questo fungo ogni anno è il responsabile di un numero altissimo di avvelenamenti con esito nefasto.

Purtroppo viene spesso confuso dai raccoglitori meno esperti (e sprovveduti) con il più noto prataiolo. Fungo questo molto diffuso ed apprezzato in cucina.

Un elemento che distingue l’amanita primaverile da qualsiasi altro fungo commestibile, è la presenza della cosiddetta volva. Questa è presente nella parte finale del gambo e non compare negli altri funghi.

Altri funghi con cui può essere confusa l’Amanita verna sono il Leucoagaricus leucothites, la Lepiota naucina ed un altro tipo di prataiolo, l’ Agaricus arvensis. Con quest’ultimo si può confondere quando ancora giovane in quanto, quando cresce, le sue lamelle diventano di un colore scuro.

Purtroppo il colore bianco candido ed immutabile di questo fungo induce molte persone a ritenerlo commestibile. In aggiunta circolano da anni alcune dicerie sui funghi che contribuiscono ad indurre in errore le persone meno accorte ed esperte.

Tra queste è molto pericolosa quella che sostiene che tutti i funghi bianchi sono commestibili. Niente di più sbagliato! Oltre all’Amanita verna esistono altre specie di funghi bianchi velenosissimi che possono provocare la morte.

Mai essere Superficiali

Non è mai abbastanza ripetere che non vanno mai raccolti e consumati funghi di cui non si ha l’assoluta certezza della commestibilità. Mai essere superficiali con i funghi, visto che con quelli velenosi si rischia la vita.

Sebbene l’Amanita verna prende il suo nome da vernus che significa primavera, l’Amanita primaverile cresce anche in autunno.

Amanita verna o Amanita primaverile

Attenzione:

La classificazione dei funghi e della loro relativa commestibilità vanno affidate a micologi esperti o al personale specializzato degli enti sanitari competenti. Informazioni errate o atteggiamenti superficiali in merito potrebbero arrecare gravi danni da intossicazione o avvelenamenti anche mortali. Non consumare funghi se non si ha l’assoluta certezza della loro commestibilità. Le immagini riportate sul sito www.mr-loto.it sono puramente indicative, si tenga presente che gli stessi funghi da un anno all’altro o da un luogo ad un altro possono presentarsi sotto forme e sfumature di colori leggermente diverse.

 

Close