Lepista nuda – Agarico violetto

Funghi Commestibili

Lepista nuda – Agarico Violetto 

Il fungo Lepista nuda, conosciuto anche col nome di agarico violetto ha un cappello di colore viola. Il suo diametro che può arrivare a raggiungere i 15 centimetri. Le lamelle sono fitte e di color viola che tendono a sbiadirsi leggermente con l’invecchiamento del fungo.

Lepista nuda - Agarico violetto
Foto: Jacinta lluch Valero @Flickr

Il gambo, leggermente ingrossato alla base, ha una forma cilindrica e, pur mantenendosi sul viola, ha un colore più chiaro rispetto al cappello.

La carne della Lepista nuda è molle e tenera, di colore leggermente grigio con sfumature viola e caratterizzata da un forte aroma gradevole.

Habitat della Lepista Nuda

La Lepista nuda cresce solitamente in gruppo in boschi di conifere e latifoglie e lo si può trovare in tutte le zone d’Italia. Cresce normalmente nel periodo autunnale ma è anche possibile trovarne alcuni esemplari a primavera inoltrata.

L’agarico violetto è un fungo saprofita e tende quindi a crescere su legname morto e foglie da cui trae le sostanze per il proprio nutrimento.

Commestibilità 

 

La Lepista nuda è un fungo dal sapore gradevole ma è commestibile solo dopo cottura in quanto da crudo è leggermente tossico. Il gambo è un po’ fibroso per cui si consiglia di consumare solo il capello.

Lepista nuda - agarico violetto

La raccolta dell’agarico violetto è sconsigliata ai meno esperti. Il fungo infatti può essere confuso con altre specie tossiche del genere Lepista e del genere Cortinarius.

Curiosità

Quando piove e quando il clima è particolarmente umido la Lepista nuda tende ad assorbire l’acqua. In questo caso se ne sconsiglia la raccolta.

L’agarico violetto è un fungo abbastanza sconosciuto ai più ed il suo color viola spesso scoraggia i raccoglitori. Questi infatti associano il suo colore alla presunta tossicità del fungo.

La Lepista nuda è anche conosciuta con il nome di agarico nudo, il nome nudo deriva dal latino nudus che significa nudo. Nel fungo il termine nudo viene utilizzato a causa della pelle liscia del cappello.

Agarico violetto o Lepista nuda

Attenzione:

La classificazione dei funghi e della loro relativa commestibilità vanno affidate a micologi esperti o al personale specializzato degli enti sanitari competenti. Informazioni errate o atteggiamenti superficiali in merito potrebbero arrecare gravi danni da intossicazione o avvelenamenti anche mortali. Non consumare funghi se non si ha l’assoluta certezza della loro commestibilità. Le immagini riportate sul sito www.mr-loto.it sono puramente indicative, si tenga presente che gli stessi funghi da un anno all’altro o da un luogo ad un altro possono presentarsi sotto forme e sfumature di colori leggermente diverse.

Close