Boletus aestivalis – Porcino d’Estate

Funghi Commestibili

Boletus aestivalis – Porcino d’Estate

Il porcino d’estate, Boletus aestivalis, è un ottimo fungo commestibile, abbastanza comune nei boschi del nostro paese. Il suo nome scientifico aestivalis sta ad indicare il suo periodo di crescita che è appunto l’estate. È conosciuto anche con il nome Boletus reticulatus.

Boletus aestivalis - Porcino d'estate

Aspetto

Il porcino d’estate è un fungo di grandi dimensioni, in alcune occasioni il suo cappello può raggiungere i 25 cm di diametro. Il suo colore è abbastanza vario, va dal marrone chiaro al marrone scuro.

Il cappello negli esemplari giovani è globoso per poi diventare più piano negli esemplari adulti. La cuticola è vellutata e spesso con il tempo asciutto presenta vistose screpolature. L’imenoforo è formato da tubuli bianchi nei funghi giovani. Con il passare del tempo questi diventano gialli ed in seguito verdastri.

Il gambo può raggiungere i 15 cm di altezza ed è spesso ingrossato al centro. Anche il gambo ha un colore variabile che va dal bianco sporco a varie tonalità di marrone. Tutto il gambo è caratterizzato dalla presenza di un reticolo ben definito.

La carne è dura, compatta ed immutabile al taglio. Il suo odore ed il suo sapore sono gradevoli e delicati.

Habitat

Cresce nei boschi di latifoglie e meno frequentemente in quelli di conifere. Castagni e querce sono le tipologie di piante sotto le quali il porcino d’estate cresce più frequentemente.

Boletus aestivalis - Porcino d'estate

Il Boletus aestivalis fa la sua comparsa in tarda primavera fino ad ottobre. Il periodo in cui cresce più abbondante, come suggerisce il nome stesso, è l’estate. Insieme al B. pinophilus è il porcino che compare per primo nei boschi.

Commestibilità

Ottimo fungo commestibile, uno dei più ricercati ed apprezzati dagli appassionati raccoglitori. Il Boletus aestivalis si presta bene ad essere essiccato, consumato fresco e ad essere conservato sott’olio. Gli esemplari giovani possono essere consumati crudi in insalata insieme a pezzetti di sedano, scaglie di grana, sale, olio e limone. Dopo una veloce scottatura può anche essere conservato nel congelatore.

Curiosità

Il porcino d’estate viene chiamato in molti casi Boletus reticuatus. Alcuni ritengono che il nome sia dovuto alla presenza del reticolo sul gambo. In realtà il Boletus aestivalis ha assunto questo nome a causa delle vistose screpolature che compaiono sul cappello con il tempo secco.

Spesso questa specie di porcino comincia a crescere dopo i temporali che si verificano a fine maggio. Il Boletus aestivalis è uno dei porcini più presi d’assalto dalle larve. Questo fungo è infatti la specie preferita da un genere di piccoli insetti per la deposizione delle uova. Una volta che le uova si schiudono, le larve cominciano da subito a divorare il fungo dall’interno.

Il porcino d’estate è confondibile con altri funghi della stessa famiglia, ma tutti commestibili.

Altri nomi con cui il fungo è conosciuto sono:

  • Estatino
  • Porcino estivo
  • Porcino reticolato
  • Ceppatello
  • Stataiolo

Boletus aestivalis – Porcino d’Estate

Attenzione:

La classificazione dei funghi e della loro relativa commestibilità vanno affidate a micologi esperti o al personale specializzato degli enti sanitari competenti. Informazioni errate o atteggiamenti superficiali in merito potrebbero arrecare gravi danni da intossicazione o avvelenamenti anche mortali. Non consumare funghi se non si ha l’assoluta certezza della loro commestibilità.

Le immagini riportate sul sito www.mr-loto.it sono puramente indicative, si tenga presente che gli stessi funghi da un anno all’altro o da un luogo ad un altro possono presentarsi sotto forme e sfumature di colori leggermente diverse.

Close