Suillus luteus – Porcino giallo o Pinarolo

Funghi Commestibili

Suillus luteus – Porcino giallo

Il porcino giallo, Suillus luteus, è un discreto fungo commestibile, considerato tra i migliori della sua famiglia. Una volta era chiamato boleto o porcino giallo, ora è più conosciuto come pinarello o pinarolo.

Suillus luteus - Porcino giallo

A dispetto del nome porcino giallo con cui è chiamato ancora in diverse regioni, il fungo di giallo ha solo i tubuli che compongono l’imenoforo. Il suo nome deriva dal termine latino luteus che significa appunto giallo.

Aspetto

Il cappello del Suillus luteus raggiunge un diametro massimo di 12 cm. Negli esemplari giovani il cappello ha forma emisferica per poi diventare convesso. La cuticola è viscida con tempo umido e di colore marroncino bruno. L’imenoforo è giallo all’inizio per poi assumere una colorazione verdastra negli esemplari vecchi.

Il gambo ha forma cilindrica, a volte leggermente ingrossato alla base. Il suo colore è biancastro e giallino. È dotato di un anello anch’esso biancastro in giovane età e che diventa in seguito violaceo o bruno.

La carne del Suillus luteus è soda nei funghi giovani e più molle negli esemplari adulti.  Il colore della carne del porcino giallo è giallina mentre il sapore è delicato e leggermente fruttato. Immutabile una volta tagliata.

Habitat

Il porcino giallo cresce nei boschi ed anche nei prati in estate ed in autunno. Predilige le conifere come i pini e gli aghiformi in generale. Lo si trova in prevalenza nell’Italia settentrionale e centrale.

Suillus luteus - Porcino giallo
Suillus luteus – Porcino giallo – Pinarolo

Commestibilità

Il Suillus luteus è un discreto fungo commestibile. Come per gli altri funghi di questa famiglia si consiglia di eliminare la cuticola dal cappello. Questa infatti può risultare difficile da digerire e può creare lievi disturbi intestinali. Anche il gambo, a causa la sua consistenza troppo dura, va eliminato.

Si consiglia di raccogliere questo genere di funghi con clima asciutto, evitando gli esemplari vecchi. Meglio inoltre evitare di conservarlo tramite surgelazione perché perderebbe gran parte delle sue proprietà organolettiche.

Curiosità

Il Suillus luteus è confondibile con altri funghi della stessa specie, come ad esempio il S.granulatus. Quando il fungo invecchia può anche essere confuso con il S.collunitus che però è sprovvisto di anello. In alcune regioni d’Italia il pinarolo è anche chiamato pinuzzo.

Il pinarolo si presta bene anche per la preparazione di sughi dal retrogusto un po’ piccante.

Suillus luteus – Porcino giallo

Attenzione:

La classificazione dei funghi e della loro relativa commestibilità vanno affidate a micologi esperti o al personale specializzato degli enti sanitari competenti. Informazioni errate o atteggiamenti superficiali in merito potrebbero arrecare gravi danni da intossicazione o avvelenamenti anche mortali. Non consumare funghi se non si ha l’assoluta certezza della loro commestibilità. 

Le immagini riportate sul sito www.mr-loto.it sono puramente indicative, si tenga presente che gli stessi funghi da un anno all’altro o da un luogo ad un altro possono presentarsi sotto forme e sfumature di colori leggermente diverse.

Close