Tricholoma portentosum – Fungo Cicalotto

Tricholoma portentosum

Funghi Commestibili 

Tricholoma portentosum – Fungo Cicalotto

Il Tricholoma portentosum è un fungo commestibile caratterizzato da una bella forma e da un bel colore. È conosciuto anche con il nome di cicalotto.

Tricholoma portentosum - Fungo Cicalotto
Tricholoma portentosum

Il suo cappello ha forma regolare e può raggiungere i 12 cm di diametro. Il suo colore grigio metallico ha una tonalità di fondo di color giallo verdognolo. Le lamelle sono mediamente fitte, dapprima di color bianco, volgono poi al grigiastro ed infine al giallo verdognolo.

Il Tricholoma portentosum ha un gambo che può raggiungere i 10 cm di altezza. La sua forma è cilindrica un po’ ingrossata alla base. La carne è abbastanza soda e compatta, il colore è biancastro, leggermente sfumato di scuro sotto alla pellicola.

Il fungo ha un profumo ed un gusto gradevoli che ricordano quello della farina. Il fungo, come vedremo in seguito, può essere confuso con esemplari della stessa specie, alcuni anche velenosi.

Vi è un unico elemento distintivo che permette di riconoscere il Tricholoma portentosum dagli altri simili. Sono le leggere sfumature giallognole presenti sul gambo e sulle lamelle.

Habitat

Il Tricholoma portentosum cresce nei boschi di conifere, soprattutto pini, e nei boschi di latifoglie con preferenza per querce, castagni e faggi.  Il fungo fa la sua comparsa sparso o in gruppi numerosi dalla fine dell’estate fino all’inizio dell’inverno. A causa del suo colore e della sua crescita piuttosto interrata, non sempre è facile scorgerlo tra le foglie secche.

Commestibilità

Tricholoma portentosum - Fungo Cicalotto

 

Il Tricholoma portentosum o cicalotto è un buon fungo commestibile molto ricercato dagli esperti raccoglitori. Cresce con preferenza nel nord Italia dove rappresenta l’ultimo fungo di buona qualità a crescere prima delle gelate invernali. Prima di consumarlo si consiglia di rimuovere la sottile pellicola che riveste il capello.

Curiosità

Il nome del fungo deriva dal latino portentosum che significa portentoso. Il termine non è riferito all’aspetto ma alla sua buona qualità come commestibile.

Tricholoma portentosum possono essere consumati in diversi modi: trifolati, cucinati come contorno, utilizzati per la preparazione di sughi per primi piatti oppure possono venire conservati sott’olio.

Se non si è particolarmente esperti occorre fare attenzione durante la sua raccolta perché può essere confuso con altre specie tossiche della stessa famiglia. T. portentosum, T. virgatum, T rufenum, T taxon, T. sciodes, T. sejunctum e T. saponaceum sono i funghi che più comunemente possono venir confusi con il Tricholoma portentosum.

La confusione più pericolosa può essere fatta con il T. josserandii, un fungo velenoso che a volte può anche crescere insieme al cicalotto.

Tricholoma portentosum – Cicalotto

Attenzione:

La classificazione dei funghi e della loro relativa commestibilità vanno affidate a micologi esperti o al personale specializzato degli enti sanitari competenti. Informazioni errate o atteggiamenti superficiali in merito potrebbero arrecare gravi danni da intossicazione o avvelenamenti anche mortali. Non consumare funghi se non si ha l’assoluta certezza della loro commestibilità. Le immagini riportate sul sito www.mr-loto.it sono puramente indicative, si tenga presente che gli stessi funghi da un anno all’altro o da un luogo ad un altro possono presentarsi sotto forme e sfumature di colori leggermente diverse.

Close