Kamut: Proprietà e Benefici

Kamut

Il kamut è un grano antico con buone proprietà nutrizionali, il marchio è registrato e di proprietà di un’azienda americana. Vediamo quali sono i suoi benefici sulla salute


Il kamut, nome botanico Triticum turgidum spp. turanicum, è un genere di frumento noto anche con il nome di grano Khorasan. Il kamut ha interessanti proprietà organolettiche, in particolare ha un alto tenore proteico.

Kamut: Proprietà e Benefici
Kamut: Proprietà e Benefici

Kamut è un marchio registrato, di proprietà di un’azienda americana situata nel Montana. Per questo motivo la commercializzazione di qualsiasi prodotto col nome kamut, deve essere certificata e rispettare determinate regole stabilite dall’azienda proprietaria del marchio.

Indice

Nelle letteratura recente appare un crescente interesse per i grani antichi e per le loro proprietà nutritive e salutari. Il grano Khorasan è geneticamente simile al grano duro moderno ma con origini che si dice siano molto più antiche.

Qualsiasi grano khorasan venduto con il marchio kamut deve seguire diverse specifiche di qualità relative sia alle proprietà nutrizionali che alle condizioni di crescita (coltivazione biologica).

Alcuni studi hanno dimostrato che il kamut ha un alto contenuto di carotenoidi e proprietà nutraceutiche uniche per il contenuto in sostanze fitochimiche bioattive. (1, 2)

Per esempio, è stato dimostrato che il contenuto di selenio nel pane di kamut è dieci volte superiore a quello del pane di grano duro moderno. (3)

Kamut Composizione Chimica

Composizione Chimica per 100 gr di Kamut cotto
Acqua g 65,18
Fibre g 4,3
Zuccheri g 3,07
Grassi g 0,73
Ceneri g 0,67
Proteine g 5,71
Carboidrati g 27,60
Minerali
Fosforo mg 147
Potassio mg 164
Calcio mg 9
Sodio mg 8
Magnesio mg 48
Ferro mg 1,76
Rame mg 0,207
Zinco mg 1,84
Manganese mg 1,030
Selenio mcg 31,9
Vitamine
Vitamina A IU 4
B1 mg 0,095
B2 mg 0,030
B3 mg 2,305
B6 mg 0,070
Vitamina E mg 0,24
Folati mcg 11

Fonte: Nutritionvalue

Amminoacidi: acido aspartico, acido glutammico, alanina, arginina, cistina, glicina, isoleucina, leucina, lisina, prolina, serina, tirosina, treonina, triptofano e valina.

Calorie

100 grammi di kamut hanno una resa calorica di 132 kcal.

Kamut: Proprietà e Benefici

Antiossidanti

Diversi studi hanno ipotizzato che il grano khorasan sia utile per aumentare la protezione antiossidante. Due studi clinici hanno valutato l’impatto della dieta sui fattori di rischio cardiovascolare, sia in soggetti sani che in pazienti con sindrome coronarica acuta. (4, 5)

Dopo una dieta a base di kamut, i risultati hanno evidenziato un miglioramento dei profili ematici metabolici, antiossidanti e infiammatori.

Diabete

Uno studio italiano sostiene che questo tipo di grano migliora il profilo di rischio dei pazienti con diabete mellito di tipo 2. Una dieta a base di grano khorasan ha ridotto il colesterolo totale e LDL, l‘insulina e il glucosio nel sangue in pazienti con il diabete 2. (6)

Un altro studio italiano suggerisce che una dieta a base di kamut può ridurre alcuni marker associati allo sviluppo del diabete di tipo 2 rispetto a una dieta a base di grano moderno. (7)

Kamut. 60 ricette per conoscerlo e utilizzarlo al meglio

Tasto Amazon

Fegato

Uno studio condotto a Firenze suggerisce che una dieta a base di questo cereale è efficace nel ridurre i fattori di rischio metabolico e migliorare il profilo epatico nei pazienti con malattia del fegato grasso non alcolica. (8)

Cuore

Le malattie cardiovascolari causano circa un terzo di tutti i decessi a livello globale sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo. Numerosi studi hanno dimostrato che una dieta sana fornisce una protezione significativa contro l’infarto del miocardio e la mortalità correlata a problemi cardiaci. (9, 10)

In un recente studio si è dimostrato che le proprietà di questo cereale sono efficaci nel ridurre significativamente i livelli di colesterolo LDL e quelli infiammatori con benefici per il cuore. (11)

Sindrome dell’Intestino Irritabile

Un recente studio ha esaminato gli effetti di una dieta a base di kamut su pazienti con la sindrome dell’intestino irritabile. I risultati hanno evidenziato una riduzione dell’entità e della gravità dei sintomi correlati alla patologia.  (12)

Kamut: proprietà e benefici

La Coltivazione

Il kamut, grazie alle sue proprietà, si presta molto bene alle modalità proprie della coltivazione biologica. La pianta infatti è di costituzione molto robusta ed è in grado di sopportare egregiamente le varie avversità climatiche.

Attualmente viene coltivato in diverse parti del mondo solo ed esclusivamente attraverso la coltivazione biologica. Questo grano è in grado di produrre buoni raccolti senza l’impiego di pericolosi pesticidi o fertilizzanti chimici. La concimazione avviene in modo più che naturale con l’impiego del letame proveniente dagli allevamenti.

La Storia del Grano Khorasan

A metà tra storia e leggenda, pare che un aviatore americano trovò alcuni chicchi di kamut in una tomba egizia e li consegnò a suo padre, con la speranza che potessero generare nuove piante di grano dei grandi faraoni.

Con grande stupore di tutti le piante si svilupparono e si ebbe così un primo piccolo raccolto di grano che, dopo le prime attrattive e curiosità, cadde di nuovo nell’oblio. Bisogna aspettare l’intervento dell’ingegnere agronomo (e contadino) Bob Quinn, affinché la produzione e commercializzazione del kamut riprendesse a svilupparsi in modo intensificato.

A quanto pare però, sembra che questa storia sia stata inventata “ad hoc” per poter brevettare e ottenere così il monopolio delle altre varietà di semi utilizzate in altre parti del mondo, come suggeritoci da un nostro lettore.

Curiosità

Il tentativo di coltivare e produrre questo cereale in Europa, malgrado il clima di certe nazioni come Spagna e Italia fosse ritenuto teoricamente idoneo, fallì miseramente per diversi motivi. Non è che non vi fu il raccolto, ma le proprietà nutritive dei chicchi non raggiungevano gli standard minimi richiesti.

Le sue ottime proprietà nutritive si devono al particolare patrimonio genetico rimasto inalterato nel tempo. A differenza degli altri tipi di frumento il kamut non è mai stato manipolato a livello genetico e conserva tutt’ora le sue caratteristiche originali nonché il suo corredo cromosomico.

La cottura del pane preparato con la farina di questo grano fornisce pani dal gusto delicato e leggero con la gradevole caratteristica di mantenersi fresco per diversi giorni.

Prima di essere cotto va lavato scrupolosamente e lasciato a bagno per una notte intera. In seguito può essere cotto a fuoco lento per un tempo minimo di 60 minuti circa.

Forse non Tutti Sanno Che

La grande notorietà che il kamut ha guadagnato nel tempo è dovuta soprattutto alla sempre maggiore diffusione delle allergie alimentari. Dopo lunghi studi condotti in USA, è stato infatti dimostrato che circa il 70% delle persone che non tollerano il grano tradizionale a causa di reazioni allergiche può tranquillamente consumare questo cereale.

Le stesse indicazioni non valgono però per chi è celiaco. Questo cereale infatti, allo stesso modo del grano moderno, contiene glutine e non può quindi essere consumato dalle persone intolleranti al glutine.

Il succo di erba di grano Khorasan (l’anima della pianta quando è ancora giovane) ha valori e proprietà nutrizionali superiori al kamut stesso.

Kamut: Proprietà e Benefici

Disclaimer:

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.

Back to top button