Home / Linguaggio del Corpo

Linguaggio del Corpo

Come Interpretare il Linguaggio del Corpo

Cos’è con precisione il linguaggio del corpo, conosciuto anche come comunicazione non verbale? Il linguaggio del corpo consiste nello scambio comunicativo tra due o più soggetti che non include l’uso delle parole. Questo linguaggio utilizza una comunicazione non parlata che riguarda appunto il linguaggio del corpo.

Linguaggio del corpo

 

Anche se molto spesso non ce ne rendiamo conto, tutti noi, nella vita di ogni giorno, utilizziamo il linguaggio del corpo. Gli studi condotti in questo campo hanno dimostrato che circa il 60 % delle informazioni che diffondiamo verso i nostri interlocutori provengono dal nostro corpo.

Gesti, mimica, espressione del viso, postura, tono della voce e moltissimi altri particolari ancora sono in grado di fornire molte informazioni sul nostro modo di essere.

Basti pensare che la voce veicola solamente il 40 % circa delle informazioni e di questo quaranta solo il 7% è affidato al significato delle parole. La restante percentuale del 33%, tono della voce, ritmo, frequenza, pause, volume fornisce più informazioni che le parole stesse.

È per questi motivi che bisognerebbe fare maggiore attenzione al linguaggio del corpo ed ai suoi messaggi. Si potrebbero comprendere molto meglio le persone con cui ci si trova a relazionarsi.

Linguaggio del Corpo: Un Linguaggio Veritiero

Le parole che vengono prima elaborate dal nostro cervello sono sotto il nostro controllo. Il linguaggio del corpo invece, come reazione alle emozioni, è quasi sempre frutto dell’inconscio e dell’istinto. Per questo motivo è da considerarsi fuori dal nostro controllo.

Sono molte le espressioni del linguaggio del corpo che non possono essere controllate per quanto ci si sforzi di farlo. Arrossire improvvisamente in viso per un senso di vergogna. Diventare di colpo pallidi di fronte alla paura o ad un improvviso malessere. Avere di colpo le mani sudate per una sensazione di disagio sono tutte situazioni su cui non possiamo esercitare il nostro controllo.

I segreti del linguaggio del corpo

Alcune reazioni espressive del nostro corpo hanno una vita propria e si innescano molte volte senza che noi ne abbiamo la consapevolezza. Questo tipo di linguaggio del corpo è visibile per esempio quando incontriamo una persona.

Possiamo comprendere quale tipo di emozioni una persona ci provoca semplicemente osservando le nostre reazioni. Dal tipo di postura che adottiamo e dalla distanza che teniamo nei suoi confronti. Ma anche dal tono della voce, da come lo guardiamo e da tutta una serie di piccoli gesti che ci viene naturale fare,

Tutti questi segnali fanno parte del linguaggio del corpo e vengono recepiti da chi li riceve spesso in modo del tutto inconscio.

Le Bugie

Vi sono aspetti del linguaggio del corpo che possono essere tenuti sotto controllo, soprattutto da chi è un abile e collaudato bugiardo. Ve ne sono però altri che spesso si manifestano in modo indipendente dalla volontà umana e spesso anche in modo inconsapevole.

Ecco alcuni comportamenti che comunemente vengono associati ad uno stato di tensione dovuto al fatto di non essere sinceri. Questi segnali non indicano con sicurezza che una persona stia mentendo. Possono però essere un buon indizio, soprattutto se siamo in presenza di più sintomi contemporaneamente.

Le armi della persuasione

Quando una persona mente, normalmente non ama restare molto vicino alla persona che lo sta incalzando. Per questo tende a non porsi in posizione frontale preferendo invece una posizione laterale. Se ve ne fosse la possibilità la persona che mente tenderà anche a spostarsi verso il perimetro della stanza.

Le pupille delle persone che mentono e che sono quindi soggetti ad un po’ di tensione, anche se minima, tendono a restringersi. Il problema è che le pupille sono anche sensibili alla variazione di luce. Quindi, a causa delle loro ridotte dimensioni, non è facile accorgersi dei loro cambiamenti.

Anche la sudorazione è uno dei linguaggi del corpo impossibili da controllare. Chi mente può essere soggetto ad un’ improvvisa sudorazione visibile sulla fronte, sul palmo della mano e tra naso e bocca.

Quando una persona mente, facilmente accumula un po’ di tensione a livello interiore. Questa che può essere segnalata anche da alcuni colpi di tosse provocati ad hoc proprio per scaricare questo tipo di tensione.

Un altro dei tipici messaggi del linguaggio del corpo in chi dice una bugia è quello dell’aumento della frequenza del battito di ciglia.

Nessuna gestualità

Può anche capitare che chi mente riduca al minimo la gestualità. Questo succede perché chi mente non vuole farlo in modo totale. Per non sentirsi troppo in colpa vuole mentire solo con le parole senza coinvolgere anche il corpo.

Anche coprirsi la bocca con la mano mentre si parla è annoverato tra i linguaggi del corpo tipici di chi dice una bugia.

Anche se questo non è un vero e proprio atteggiamento facente parte del linguaggio del corpo, lo citiamo lo stesso. Questo comportamento infatti può essere sintomo che siamo in presenza di una persona che è solita mentire.

Molto spesso chi è solito dire bugie, di fronte ad una domanda finge di non aver capito. Costringe così l’interlocutore a ripeterla in modo di prendere tempo per preparare la sua risposta.

Ricordiamo che da un unico gesto non è possibile arrivare a nessuna conclusione. Sono troppe le variabili che entrano in gioco in questo campo. È necessario che si verifichino almeno 4 o 5 indizi per poter formulare un’ipotesi basata su fondamenti validi.

Linguaggio del Corpo: La Stretta di Mano

Linguaggio del corpo

Anche la stretta di mano, per quanto riguarda il linguaggio del corpo, ci può fornire qualche informazione sulle persone.

Quando ci capita di stringere una mano molle, che non oppone un minimo di resistenza, ci troviamo probabilmente di fronte ad una persona priva di personalità. Una persona non molto decisa e facilmente manipolabile.

Se la mano è anche sudata probabilmente si tratta di una persona che non si trova a proprio agio, vuoi per problemi di timidezza, di tensione o di eccessiva emotività.

Quando qualcuno utilizza tutte e due le mani per stringere la nostra (stretta a guanto) significa che vuole comunicare la sua correttezza e vuole infondere un senso di fiducia. Questa stretta va bene tra persone che già si conoscono ma sortisce l’effetto contrario con chi ancora non si conosce.

Quando invece qualcuno ci stringe la mano con dei piccoli movimenti verticali ci vuole comunicare la stima che nutre nei nostri confronti.

Che dire? Il linguaggio non parlato del corpo è un mondo tanto complicato quanto interessante. Se approfondito, ci può permettere sicuramente di capire qualcosa in più sulle persone con cui ci relazioniamo.

Il Linguaggio del Corpo, Segnali Vari

Il linguaggio del corpo, o comunicazione non parlata, include tutta una serie di segnali che possono essere divisi in segnali di gradimento o, al contrario, di rifiuto.

Segnali di gradimento: tirarsi su le maniche della camicia, avvicinarsi le dita alle labbra, avvicinare un oggetto a se e magari giocarci.  Levarsi la giacca o un cappotto o levarsi gli occhiali. Sono tutti segnali di apertura che comunicano che una persona si sente libera di mettersi a proprio agio.

Segnali di rifiuto: evitare di incrociare lo sguardo dei presenti, toccarsi il naso ripetutamente e allontanarsi. Togliersi qualcosa dalla zona marginale dell’occhio, togliersi un pelo o della polvere dalla maglia sono segnali di rifiuto. Con questi una persona comunica di non sopportare quella situazione.

Il linguaggio del corpo comunica anche situazioni di tensione. Viso arrossato, deglutizione rumorosa, sudorazione improvvisa. Soffiare verso il basso il fumo della sigaretta, colpi di tosse, battere le dita sul tavolo, grattarsi parti del corpo.

Linguaggio del Corpo