Home / Manioca: Proprietà e Benefici

Manioca: Proprietà e Benefici

Manioca: Proprietà e Benefici

La manioca, nome scientifico Manihot Esculenta, è una pianta appartenente alla famiglia delle Euphorbiaceae ed è originaria del Sud America. La manioca è anche conosciuta con il nome di cassava o yuca.

Manioca: proprietà e benefici

La parte commestibile della pianta è la sua radice a tubero. Grazie alle sue proprietà nutritive viene coltivata nei paesi tropicali come mezzo di sostentamento.

Ha origini antichissime e veniva utilizzata come alimento fin dai tempi più antichi, si parla addirittura del 4.000 a.C. Alla diffusione di questa pianta hanno contribuito diversi fattori tra cui la sua grande capacità di adattamento ai vari tipi di terreno. Anche il fatto che la radice può restare sotto terra per diversi anni senza deteriorarsi ha contribuito alla sua diffusione. Questo aspetto della manioca si è rivelato molto utile nei periodi di carestia.

Composizione Chimica 

La radice della manioca è composta per il 60 % da acqua, carboidrati, dall’1,3 % dall’1,4 % da proteine, dall’1,8 % da fibre, dallo 0,6 % da ceneri, dall’1,7 % da zuccheri e grassi in piccolissima percentuale.

I minerali: calcio, magnesio, fosforo, potassio, sodio, selenio, rame, ferro, zinco e manganese.

Le vitamine sono: vitamina A, vitamine B1, B2, B3, B5, B6, B17, vitamina C, vitamina E, K e J.

Gli aminoacidi sono: treonina, isoleucina, leucina, lisina, triptofano, acido glutammico, acido aspartico, alanina, prolina, serina, glicina, tirosina, valina, istidina, fenilalanina e metionina.

Proprietà e Benefici della Manioca

Diarrea

Le radici di manioca amara vengono utilizzate per curare la diarrea. Le foglie sono utilizzate come analgesico contro il dolore.

Antisettica e Diuretica

La radice fresca tritata ha proprietà antinfiammatorie, antisettiche e diuretiche.

Adatta ai Celiaci

Da sottolineare che la manioca non contiene glutine per cui si rivela un alimento particolarmente adatto per i celiaci. La farina è un ottimo sostituto delle farine tradizionali che contengono glutine.

Manioca: proprietà e benefici

Facile da Digerire

La farina ottenuta dalla manioca prende il nome di tapioca ed il suo consumo, grazie al fatto che è facilmente digeribile, è consigliato in caso di gastrite, coliti e difficoltà digestive. Anche la presenza di vitamine del gruppo B è d’aiuto al processo digestivo.

Pressione Sanguigna

Il potassio regola i fluidi corporei e la pressione sanguigna.

Radicali Liberi

La buona quantità di vitamina C invece conferisce alla pianta proprietà antiossidanti. È quindi un alimento idoneo per rafforzare il sistema immunitario e per contrastare l’attività dei radicali liberi.

Alzheimer

Le sue foglie sono ricche di vitamina K, una sostanza molto utile nella formazione della massa ossea e nel trattamento dell’Alzheimer. Sarebbe inoltre in grado di limitare il danno neuronale al cervello.

Proprietà Antitumorali

Da tempo i semi di albicocca, per il loro contenuto di vitamina B17, vengono utilizzati per la lotta contro i tumori. Negli Stati Uniti ed in Australia si vendono compresse a base di estratto di semi d’albicocca B17 per la cura dei tumori.

In realtà la vitamina B17, nota anche come laetrile, non è una vitamina ma un glicoside cianogenetico, cioè capace di rilasciare cianuro. Anche la manioca contiene la vitamina B17 e secondo il dottor Cynthia Jayasuriya dello Sri Lanka, questa sostanza è in grado di annientare le cellule tumorali preservando quelle sane.

Farina Tapioca

La Tapioca

La farina di manioca è chiamata tapioca. È molto ricca di amido e per questo motivo viene utilizzata per dare più morbidezza a dolci e prodotti da forno in generale.

La tapioca è l’ingrediente principale di un antipasto del sudest asiatico noto con il nome di Nuvole di Drago.

La tapioca ha proprietà addensanti e, oltre alla preparazione di dolci, viene anche utilizzata per minestre e creme a base di verdura.

La farina è particolarmente diffusa in Thailandia, Africa e Cina dove viene venduta sotto forma di piccole palline bianche.

Controindicazioni e Precauzioni

Si consiglia di non consumarla per per prolungati periodi di tempo. Contiene una tossina che a lungo andare può dare problemi alla tiroide e provocare il gozzo.

A tal proposito è anche necessario cuocerla prima di consumarla. La radice infatti rilascia gran parte delle tossine nell’acqua bollente che verrà poi scartata.

La cottura va fatta senza coprire la pentola in modo do permettere all’acido cianidrico in eccesso di evaporare. In ultimo si raccomanda di non consumare zenzero per almeno 8 ore dopo aver consumato manioca.

Di regola la radice va consumata o lavorata entro 48 ore dalla raccolta, dopo tale periodo la manioca inizia a deteriorarsi.

Calorie

100 grammi di parte edibile di manioca forniscono un apporto calorico pari a 160 calorie.

Curiosità

Manioca: proprietà e benefici

La manioca contiene un tossina in grado di formare l’acido cianidrico pertanto, prima di essere consumata o lavorata, deve subire un processo laborioso che permette appunto di eliminare questa tossina.

In alcuni paesi invece, gli scarti della manioca, vengono utilizzati per foraggiare gli animali.

Le varietà di manioca si dividono in due categorie, quelle amare e quelle dolci.

La polpa della radice aggiunta al succo di limone è utile per fare maturare i foruncoli.

Attualmente i maggiori paesi produttori sono il Brasile, la Nigeria, la Thailandia e l’Indonesia. Per questi paesi la manioca costituisce una fonte di guadagno. Dalla sua lavorazione si ricava l’amido che viene venduto per la produzione di alcol, birra e zucchero.

Secondo la FAO la produzione mondiale di manioca si aggira sui 250 milioni di tonnellate di cui oltre la metà viene prodotta dall’Africa. La Nigeria è il maggior paese produttore con oltre un terzo dell’intera produzione africana.

La radice  può raggiungere una lunghezza di gli 80 cm ed ha una forma simile a quella della carota, la polpa al suo interno è di colore bianco. La raccolta viene fatta a mano.

La cottura di una radice di manioca fresca richiede 30 minuti circa. Una volta cotta la manioca va privata di un’anima centrale dura e legnosa non commestibile.

Forse non Sapevi Che

La maggior parte delle calorie di questo tubero provengono dal saccarosio che rappresenta oltre il 69 % degli zuccheri totali.

Anche le foglie contengono una tossina, per renderle commestibile bisogna farle bollire a lungo.

La tecnica utilizzata in Africa per privare la radice amara dalle tossine consiste nello sbucciarle ed immergerle in acqua per 3 giorni a fermentare. In seguito viene essiccata e cotta.

Due dei principali nemici delle coltivazioni di manioca sono le cocciniglie e gli acari.

Una volta estratta dalla terra la radice è molto deteriorabile e va consumata entro pochi giorni.

Altri nomi con cui è conosciuta la manioca sono yuca, mandioca, mogo, kappa ed altri ancora.

Manioca: Proprietà e Benefici

Ultimo aggiornamento 09/01/2017

Disclaimer:

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.