Pasta: Proprietà, Benefici, Composizione Chimica e Calorie

Pasta proprietà

Pasta

La pasta è il piatto italiano che più ci identifica nel mondo ma le sue proprietà, dal punto di vista dietetico, sono sempre state considerate il suo punto debole. Ora nuovi studi aprono la strada ai suoi effetti benefici anche per quanto riguarda il controllo del peso


La pasta, o pastasciutta, è un alimento tipico della cucina italiana che, insieme alla pizza, ha reso celebre la nostra cucina nel mondo. In Italia la pasta non è soltanto un semplice alimento ma è considerata un elemento di unione che è parte integrante della cultura popolare italiana.

Pasta: Proprietà e Benefici

La pasta può essere di diversi tipi, c’è quella all’uovo, quella fresca e quella secca. In Italia è la pasta secca che va per la maggiore, infatti rappresenta il 75 % del consumo totale. Questa tipologia di pasta è prodotta esclusivamente con semola di grano duro ed acqua.

Il rimanente 25 % dei consumi è rappresentato dalla pasta fresca che ha una percentuale più alta di acqua e può utilizzare occasionalmente anche la farina di grano tenero.

Secondo recenti statistiche, l’Italia è il paese con il più alto consumo di pasta con 25 kg annui a persona. Al secondo posto c’è la Tunisia con 16 kg, al terzo il Venezuela con 12 Kg e al quarto la Grecia con 11,2 kg.

L’Italia è al primo posto anche per quanto riguarda la produzione industriale con 3,5 tonnellate annue prodotte. Di queste circa la metà vengono esportate in paesi come la Germania, l’Inghilterra, gli Stati Uniti, la Francia e molti altri ancora.

Secondo la legge italiana, la pasta prodotta in modo industriale deve contenere solamente acqua e semola/semolati di grano duro. Tutte le paste che contengono ingredienti diversi da questi sono denominate paste speciali.

Le origini di questo alimento sono molto antiche e infatti fin dai tempi più remoti era già presente in forma molto semplice nel continente asiatico. Gli studi ed i ritrovamenti archeologici dimostrano che ricette a base di impasti di farina ed acqua erano presenti in vari luoghi della terra. Bisogna però puntualizzare che gli unici due posti in cui tali impasti sono considerati veri e propri tipi di paste alimentari lavorate in modo tradizionale sono la Cina e L’Italia.

La Cina, che utilizza un gran numero di tipi di pasta, è l’unico paese che ne contende il mercato all’Italia. Gli spaghetti, per esempio, sono un ingrediente fondamentale della cucina cinese e sono consumati in molte parti del mondo.

Composizione Chimica

Composizione Chimica per 100 gr di pasta secca
Acquag8,21
Proteineg13,87
Carboidratig73,37
Fibreg9,2
Zuccherig2,74
Amidog56,75
Cenerig1,62
Minerali
Calciomg29
Ramemg0,497
Ferromg3,62
Magnesiomg128
Manganesemg2,983
Fosforomg343
Potassiomg434
Seleniomcg7,6
Sodiomg6
Zincomg2,97
Vitamine
B1mg0,407
B2mg0,218
B3mg8,691
B5mg0,870
B6mg0,283
Vitamina Emg0,46
Vitamina Kmcg1,42
Beta Carotenemcg0,22
Folatimcg69

Fonte: Nutritionvalue

Amminoacidi: acido aspartico e acido glutammico, alanina, cistina, glicina, fenilalanina, istidina, isoleucina, leucina, lisina, prolina, metionina, serina, tirosina, triptofano, valina e treonina.

Calorie

100 gr di pasta hanno una resa calorica di 352 kcal.

Pasta: Proprietà e Benefici

Controllo del Peso

Per anni la pastasciutta è stata considerata un alimento nemico della linea ma nuovi studi sembrano svelare una realtà diversa da tutte le convinzioni del passato.

Una revisione di studi del 2018 che include circa 2.500 partecipanti ha esaminato gli effetti della pasta sul peso corporeo e sui marcatori di adiposità negli adulti. Al termine dei test i ricercatori hanno concluso che la pasta, se inserita in un contesto di dieta a basso indice glicemico, riduce significativamente il peso corporeo.

Sembra quindi che questo alimento possa essere efficace quando è consumato in quantità moderate. Gli studi suggeriscono che la pasta, a causa del suo processo di lavorazione, ha una minore risposta glicemica. Oltretutto questo alimento è alla base della dieta mediterranea che ha dimostrato di prevenire le malattie cardiovascolari, alcuni tipi di tumore, la depressione, il declino cognitivo e la disfunzione erettile.

Pasta: Proprietà e Benefici

Uno studio italiano ha dimostrato che, nella versione integrale, questo alimento aumenta il senso di sazietà e riduce l’appetito.

Un altro studio pubblicato sul Nutrition Journal ha riportato che il consumo di olio vegetale, pasta e latte magro, è associato ad una migliore distribuzione del grasso addominale.

Non Causa Attacchi di Fame

Uno studio ha dimostrato che quando si è in un regime dietetico controllato, il consumo di questo alimento evita che durante la giornata si manifestino attacchi improvvisi di fame dovuti alla richiesta di calorie da parte del corpo.

Tumori

Uno studio pubblicato su Annals of Oncology suggerisce che una dieta ad alto indice glicemico può aumentare il rischio di tumore al seno. L’assunzione di pasta invece, che ha un basso indice glicemico, non ha nessuna influenza su questo tipo di malattia.

Uno studio condotto a Chicago ha scoperto che il consumo di sugo di pomodoro può ridurre il rischio di tumore alla prostata. Pare infatti che il licopene, presente anche nel sugo di pomodoro, agisca come riparatore delle cellule malate del corpo. Gli studi infatti hanno rilevato che gli uomini che mangiano frequentemente prodotti a base di pomodoro hanno un rischio ridotto di tumore alla prostata.

Diabete 2

Uno studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition sostiene che una dieta ricca di alimenti a basso indice glicemico come la pasta può essere preferita per la gestione del diabete 2.

Uno studio finlandese ha rilevato che il consumo di pane di segale e pasta può ridurre il rischio di diabete di tipo 2. Ovviamente il consumo di carboidrati deve essere moderato.

Alzheimer

Uno studio americano ha concluso che adottare la dieta mediterranea, in cui spaghetti, rigatoni, penne e fusilli sono un alimento base, può ridurre il rischio di sviluppare l’Alzheimer. I ricercatori hanno anche scoperto che la dieta mediterranea può anche allungare la vita dei malati di Alzheimer.

Macchina per la pasta

Produzione Industriale

Questi i processi principali della produzione industriale:

  • La prima fase è quella che riguarda la macinazione del frumento
  • Si passa poi all’impasto con acqua in modo da legare il glutine con l’amido
  • La terza fase è la trafilazione grazie alla quale si conferisce all’impasto la forma desiderata.
  • L’ultima fase è l’essiccamento in cui il prodotto finito viene essiccato con l’aria calda. Per legge l’umidità massima consentita è del 12,5 %.

Curiosità

In Giappone i tipi di spaghetti più diffusi sono i ramen, gli udon e la soba, mentre in Korea i più diffusi sono i guksu.

La pasta era già conosciuta ai tempi della Magna Grecia dove veniva chiamata làganon.

Nel 1.230 Jacopone da Todi, in una sua lettera al Papa, descrive i maccheroni come fossero una sorta di piacere ultraterreno.

Tutti i tipi di pasta forata e ripiena come i tortellini ed i ravioli, sono state inventati in Italia. Anche la preparazione professionale della pasta è nata in Italia durante il Medioevo.

Ci sono numerosi film famosi che ricordano il mondo della pasta, tra tutti Un americano a Roma con Alberto Sordi e Miseria e Nobiltà con l’indimenticabile Totò.

Pasta: Proprietà, Benefici, Composizione Chimica e Calorie

Disclaimer:

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.

Close