Home / Recensioni Libri – Le Opinioni e le Valutazioni di Mr.Loto / È Così Lieve il tuo Bacio sulla Fronte – Recensione Libro

È Così Lieve il tuo Bacio sulla Fronte – Recensione Libro

È Così Lieve il tuo Bacio sulla Fronte – Recensione Libro

È Così Lieve il tuo Bacio sulla Fronte

di Caterina Chinnici

È così lieve il tuo bacio sulla fronte - Recensione Libro
È così lieve il tuo bacio sulla fronte

 

Genere: Biografia

Anno di pubblicazione: 2015

Editore: Mondadori

Recensione libro: Ottimo

Trama

Palermo, 29 luglio 1983. In via Pipitone Federico, la mafia fa esplodere un’autobomba davanti alla casa in cui viveva il giudice Rocco Chinnici, per ucciderlo. Insieme a lui muoiono gli uomini della scorta ed il portiere dello stabile. Rocco Chinnici era da tempo un bersaglio perché aveva dichiarato guerra alla mafia e la stava combattendo con tutto sé stesso e con le poche risorse di cui disponeva.

Ma Rocco Chinnici, prima che un giudice, era un marito ed un padre. Due dei suoi tre figli si precipiteranno in strada in pigiama, subito dopo l’attentato. Caterina, la figlia più grande, decide di interrompere anni di dolore e silenzio raccontando la storia di suo padre, affinché non venga mai dimenticata. Lo fa raccontandoci la storia di Chinnici e di quegli anni difficili visti con gli occhi di una figlia.

Incipit

«Mi diede un bacio sulla fronte – me lo dava anche da sposata – poi sorrise, si girò e uscì dal portone. Insisteva per salutarmi dentro, nella penombra dell’androne, da una parte le scale che si facevano largo tra i muri e dall’latra l’affaccio di Stefano, il portiere.»

Recensione

Prima di iniziare la recensione di È così lieve il tuo bacio sulla fronte ammetto la mia ignoranza sul personaggio di Rocco Chinnici. Conoscevo questo giudice solo come un nome, purtroppo uno dei tanti uccisi barbaramente dalla mafia. Al contrario di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino però, non avevo mai avuto modo di approfondire la conoscenza di Chinnici. Credo che, in generale, la sua memoria sia stata un po’ troppo trascurata. È stato quindi molto bello, ma allo stesso tempo triste, riscoprire la storia di una persona che ha fatto così tanto per l’Italia.

Lo stile dell’autrice mi è piaciuto molto, semplice ma allo stesso estremamente gradevole, come acqua fresca. Leggendo la storia, si percepisce chiaramente che Caterina Chinnici ha aperto il proprio cuore tra queste pagine. Sebbene ci sia sempre un grande contegno nel dolore, filtrano attraverso i ricordi tutte le emozioni di una figlia che racconta un padre andato via troppo presto.

Il Magistrato e la Mafia

La trama di questa storia è stata scritta dalla vita e sicuramente l’autrice, Caterina Chinnici, e tutti noi avremmo preferito un finale diverso.  Questa è la storia di una famiglia, di un padre importante raccontato da una figlia. È una storia di lavoro serio e di dovere quotidiano da una parte, di criminalità e crudeltà dall’altra. Certe cose non dovrebbero mai essere dimenticate e penso che questo libro sia una testimonianza forte e preziosa di come anche una sola persona possa davvero fare la differenza.

Chinnici ha dato inizio ad una vera e propria battaglia contro la mafia, difendendo con coraggio la legalità e le coscienze di tutti noi. Perché la mafia, prima di tutto, si insinua nei cuori, rendendoli insensibili a qualsiasi ingiustizia. E questo non deve accadere, mai.

L’idea che persone come Chinnici, Falcone e Borsellino abbiano rinunciato alla serenità della propria famiglia, ancora prima che alla loro vita, mi mostra la grandezza di questi uomini. E dovrebbe farci riflettere su quanto ancora c’è da fare su questa tortuosa strada che però ci è stata spianata da loro.

Caterina Chinnici in È così lieve il tuo bacio sulla fronte non ci parla solo del magistrato ma anche del lato più umano e tangibile di quest’uomo. Ci racconta delle sue rose, della sua gentilezza e della sua dedizione verso gli altri. Forse è proprio questo lato privato che rende il libro qualcosa di davvero splendido.

A chi è Adatto

È così lieve il tuo bacio sulla fronte è un libro emozionante. Alcune pagine sono talmente toccanti da portare alla commozione. È un libro che fa riflettere e che ha bisogno della giusta attenzione per essere apprezzato e capito. Non è quindi una lettura da prendere alla leggera perché, per quanto l’autrice sia stata abilissima con il suo stile scorrevole, qui si parla di ingiustizie, di dolore e di solitudine. Allo stesso tempo però, trovo che leggere questa biografia sia quasi un dovere, per non dimenticare e soprattutto per farsi delle domande.

Concludo la recensione di È così lieve il tuo bacio sulla fronte consigliando questo libro a tutti ed in modo particolare ai giovani che Rocco Chinnici considerava giustamente gli unici in grado di cambiare il futuro.

Questa storia merita di essere conosciuta da tutti, specialmente da chi non ha vissuto la cronaca di quegli anni.

Citazione

«Non credeva di essere eroico e non gli sarebbe piaciuto essere chiamato eroe: era determinato nel mostrare che si può fare. Si può combattere un nemico pericoloso e si può vincere.»

Curiosità

  • Caterina Chinnici è la figlia primogenita di Rocco Chinnici.
  • L’autrice è entrata in magistratura a soli 24 anni.
  • A Rocco Chinnici si deve l’idea del cosiddetto Poll antimafia di cui fecero parte anche Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.
  • Nel 2018 dal libro È così lieve il tuo bacio sulla fronte è stato tratto un film per la televisione intitolato Rocco Chinnici.

È Così Lieve il tuo Bacio sulla Fronte – Recensione Libro