Home / Recensioni Libri / Il Discepolo di Elizabeth Kostova – Recensione Libro

Il Discepolo di Elizabeth Kostova – Recensione Libro

Il Discepolo – Recensione libro

Il Discepolo

di Elizabeth Kostova

Il discepolo - Recensione libro
Il discepolo

Titolo originale: “The Historian

Genere: Romanzo

Anno di pubblicazione: 2005

Editore: Guanda

Traduzione di Maria Barbara Piccioli

Recensione libro: Buono

Trama

La figlia sedicenne di un diplomatico americano scopre per caso un strano libro molto vecchio e numerose lettere indirizzate ad un “successore”, appartenenti a suo padre.

Incuriosita dal contenuto incredibile di quelle lettere e dall’ignoto significato di quel libricino, si ritroverà a viaggiare da Amsterdam ai Pirenei alla ricerca dei segreti della sua famiglia e della madre scomparsa.

Catapultata nella affascinante leggenda di Dracula, la ragazza percorrerà il  mistero che avvolge la storia del conte Vlad III e, viaggio dopo viaggio, lettera dopo lettera, scoprirà un passato che le era sconosciuto e che la collega ad un male oscuro.

Incipit

“Era il 1972 e io avevo sedici anni: troppo pochi, secondo mio padre, per accompagnarlo nelle sue missioni diplomatiche. Preferiva sapermi seduta composta e attenta nell’aula della scuola internazionale di Amsterdam.”

Recensione

Per leggere Il Discepolo è necessaria una buona attitudine alle storie di tipo gotico, dalle atmosfere cupe, che parlano di vampiri. Prima di iniziare la recensione devo ammettere che, non essendo questo il mio genere di lettura, terminare Il Discepolo per me non è stata un’impresa facile. Questo nonostante il romanzo sia certamente un buon libro  per quanto riguarda la costruzione della trama e la capacità letteraria dell’autrice.

Ho trovato molto intrigante ed efficace l’avanzare delle informazioni e lo svilupparsi della trama attraverso le lettere che la protagonista trova all’inizio de Il Discepolo. Una struttura narrativa che ricorda molto quella del famosissimo Dracula di Bram Stoker ed al quale certamente la  Kostova si è riferita nella costruzione del libro.

Il Discepolo, pur essendo un romanzo di pura evasione dalla realtà, è un libro impegnativo, che va letto con attenzione. Contiene una mole imponente di informazioni reali storiche e geografie davvero molto interessanti alle quali vengono mescolate miti, leggende e fantasie.

Leggendo Il Discepolo si intuisce che, per scriverlo, la Kostova ha studiato a fondo tutto quello che riguarda il mito di Dracula. Conosce i fatti reali che hanno dato origine alla leggenda, ed ha cercato di mettere insieme, devo dire  in modo piuttosto convincente, tutte le informazioni. Il Discepolo potrebbe essere un romanzo storico se non avesse Dracula come filo conduttore della storia.

Sofisticata l’atmosfera, bella l’ambientazione, interessanti i personaggi.

Non posso dire che Il Discepolo non mi sia piaciuto ma ho trovato la storia fin troppo “ricca”. Questo, per quel che mi riguarda, ha reso la lettura lenta e difficoltosa. Mi ha costretto a fermarmi spesso per cercare di ricapitolare mentalmente gli eventi ed avere un quadro sufficientemente chiaro della storia per andare avanti.

In questa recensione voglio sottolineare che, nonostante tutto, Il Discepolo, per gli amanti del genere, è certamente un libro da leggere, che alimenta la curiosità del lettore e, in certi tratti, è davvero inquietante come ci si aspetta da un libro su Dracula.

Ne consiglio la lettura agli appassionati di vampiri e racconti medioevali, per scoprire una nuova storia su Dracula dal sapore classico.

Citazione

“Quando il coperchio del cofanetto si sollevò, se ne sprigionò un odore che conoscevo bene. Era l’odore di documenti molto antichi, di pergamena, polvere e secoli, di pagine corrose dal tempo. Era l’odore del libricino con il drago. Il mio libro.”

Curiosità

L’autrice Elizabeth Kostova ha impiegato dieci anni per terminare Il Discepolo. La maggior parte di questi passati a documentarsi sui luoghi in cui è ambientato il libro e sulla vera storia di Vlad III, Principe della Valacchia medioevale. Un uomo realmente esistito che per la sua crudeltà ispirò il personaggio letterario di Dracula.

Il Discepolo è stato un grande successo editoriale, tradotto in 25 lingue e pubblicato in 27 Paesi.

Il discepolo – Recensione libro