Home / Recensioni Libri – Leggi le Opinioni e le Valutazioni di Mr.Loto / La Donna che Sparì con un Libro – Recensione

La Donna che Sparì con un Libro – Recensione

La Donna che Sparì con un Libro – Recensione

La Donna che Sparì con un Libro

di Idra Novey

La donna che sparì con un libro - Recensione
La donna che sparì con un libro

 

Titolo originale Ways to Disappear

Genere: Narrativa

Anno di pubblicazione:  2016

Editore: Garzanti

Traduzione di Letizia Sacchini

Recensione libro: Ottimo

Trama

Una scrittrice brasiliana, Beatriz Yagoda, è misteriosamente scomparsa. Nessuno ha più avuto sue notizie e l’ultima volta che è stata vista si stava arrampicando su un mandorlo. La sua traduttrice americana, Emma, riconosce in questo strano particolare la scena di uno dei primi romanzi di Beatriz.

Emma è convinta che la scomparsa della scrittrice nasconda qualcosa da ricostruire come un puzzle, attraverso i suoi libri. Emma vuole, deve ritrovare Beatriz e per farlo si lascerà alle spalle la sua vita.

Incipit

«In un parco fatiscente della zona più fatiscente di Copacabana, una donna con una valigia e un sigaro si fermò sotto un mandorlo. Era rotondetta e aveva una crocchia di capelli grigi annodata sulla nuca. Guardò in su per un minuto, poi si mise in bocca il sigaro, posò la valigia sul ramo più basso e ci si arrampicò sopra.»

Recensione

La donna che sparì con un libro è un romanzo piacevole che si legge in poco tempo. La trama è originale ed intrigante quanto basta per tenere alta la curiosità, lo stile dell’autrice è scorrevole.

Idra Novey ha probabilmente racchiuso in questo libro tutta se stessa ed il suo mondo.

Questa autrice scrive in modo semplice ma raffinato e sa cogliere sfumature che ad autori più blasonati spesso sfuggono. Mi ha colpito la naturalezza con cui questa autrice descrive scene e situazioni. Riesce a dare una sorta di leggerezza anche ai momenti più drammatici.

La donna che sparì con un libro è scritto in prosa ma racchiude scene poetiche. Tutta la storia è permeata da quel tipo di malinconia che solo i poeti sanno riconoscere e raccontare. In un certo qual modo mi ha ricordato lo stile di Kitchen.

La storia parla di una scrittrice ma la vera protagonista è una traduttrice. Ho trovato interessante che l’autrice abbia dato rilievo ad un personaggio che solitamente è destinato a restare nell’ombra.

Mi è piaciuta l’idea di partenza, il mistero di una scomparsa inspiegabile e tutte le fantasie che ci girano intorno.

La Trama ed i Personaggi

La trama non è scontata. Quando si inizia a leggere La donna che sparì con un libro sembra quasi l’inizio di una fiaba. Pian piano la storia acquista energia e corpo, riportandoci, a volte brutalmente, alla realtà.

La trama è costellata da diversi aspetti della storia e dei personaggi non prevedibili che hanno il sapore della vita vera. L’ordine è cronologicamente lineare anche se gli eventi si chiariscono del tutto solo verso la fine del libro.

Da amante della lettura ho trovato estremamente piacevoli i piccoli intramezzi dedicati al significato di certe parole. Mi ha fatto rifletterte su come a volte, alcuni termini calzino a pennello su certe situazioni.

I personaggi di La donna che sparì con un libro sono molto umani, vibranti e sinceri. A parte Beatriz, bizzarra come solo i veri artisti sanno essere, Emma, Raquel e Marcus sono persone comuni. Questa normalità si riflette nei pregi e nei difetti dei personaggi, arricchiti dalle sfumature poetiche che Idra Novey ha dato loro. Le loro emozioni sono tangibili, descritte con maestria, senza un uso eccessivo di termini o drammatismi.

Il Finale e le Mie Conclusioni

Un discorso a parte va fatto per il finale scelto dall’autrice. Dopo tanta attesa mi è sembrato un po’ troppo sbrigativo e definitivo. Strutturalmente parlando, avrei preferito se Idra Novey  avesse dedicato più spazio all’epilogo.

Inoltre da un romanzo con un incipit come quello de La donna che sparì con un libro mi aspettavo un finale diverso, più aperto. Ma questa ultima affermazione è dettata soltanto dal mio gusto personale. Per il modo in cui la trama si evolve infatti, il finale è accettabile e forse il migliore possibile.

Concludo la recensione di La donna che sparì con un libro consigliando questo libro alle donne, a chi ha poco tempo da dedicare alla lettura ed a tutti gli scrittori alle prime armi.

Citazione

«In fondo era quella la magia della traduzione: scoprire frasi bellissime e avere l’opportunità di farle conoscere a chi altrimenti non avrebbe modo di capirle.»

Curiosità

  • La donna che sparì con un libro è il primo romanzo di Idra Novey. L’autrice attualmente vive a Brooklyn.
  • Idra Novey è una poetessa apprezzata ma anche una traduttrice di scrittori brasiliani, proprio come Emma. Ha scritto inoltre per il New York Times, il Los Angeles Times e la National Public Radio.
  • La donna che sparì con un libro è stato tradotto in 10 lingue.

La Donna che Sparì con un Libro – Recensione