Home / Recensioni Libri – Leggi le Opinioni e le Valutazioni di Mr.Loto / Lo Zen e l’Arte della Corsa – Recensione Libro

Lo Zen e l’Arte della Corsa – Recensione Libro

Lo Zen e l’Arte della Corsa – Recensione Libro

Lo Zen e l’Arte della Corsa

di Larry Shapiro

Lo zen e l'arte della corsa - Recensione libro
Lo zen e l’arte della corsa

 

Titolo originale: “Zen and the art of running

Genere: Manuale

Anno di pubblicazione: 2012

Editore: Lit Edizioni

Traduzione di Viviana Cerqua

Recensione libro: sufficiente

Trama

Larry Shapiro non dedica questo libro soltanto ai corridori professionisti ma anche a quelli che si stanno avvicinando per la prima volta alla corsa. In Lo zen e l’arte della corsa troverai suggerimenti pratici che vanno dall’abbigliamento più adatto a questo sport alle varie tecniche di potenziamento per prepararsi ad una gara.

Vi sono però anche suggerimenti di tipo più meditativo, presi in prestito dallo zen, per educare la mente ad ottenere il massimo da ogni opportunità. Attraverso queste pagine impareremo a trovare la giusta motivazione per alzarci dal letto all’alba e per allacciare le scarpe da corsa anche quando fuori nevica…

Incipit

«Le stelle perdono lucentezza mentre il sole nascente riversa la sua luce nel cielo. Il silenzio della notte cede il passo al cinguettio un uccellino solita cui, presto, si uniscono gli altri. Il ritmo regolare dei vostri passi sul selciato aggiunge le percussioni a questa melodia.»

Recensione

È sempre difficile scrivere la recensione di libri come questo. Lo zen e l’arte della corsa è un manuale, un testo scritto per insegnare qualcosa piuttosto che per intrattenere. Qui non posso valutare la trama o i personaggi ma soltanto lo stile dell’autore e, al limite, il metodo suggerito.

Premetto che non sono un corridore abituale anche se, di tanto in tanto, mi piace andare a farmi una corsetta. Premetto anche che ho praticato yoga e meditazione per un buon numero di anni. Quando penso alla parola Zen ho delle idee piuttosto chiare in merito all’argomento. È per questa ragione che, con grande curiosità, ho iniziato a leggere Lo zen e l’arte della corsa.

Probabilmente avevo delle aspettative piuttosto alte dall’unione di due contesti che mi erano abbastanza familiari, fatto sta che la lettura di questo libro mi ha un po’ deluso.

Non aspettatevi una lettura New Age o una guida tecnica su come affrontare l’allenamento perché Lo zen e l’arte della corsa  non è nulla di tutto questo.

Lo Stile

Lo stile di Shapiro è colloquiale, scrive come se parlasse ad un amico, e questo mi è piaciuto. Ho apprezzato anche il fatto che l’autore abbia parlato spesso della propria esperienza personale e di come determinati accorgimenti mentali lo abbiano aiutato.

Detto questo potrei anche terminare la mia recensione di Lo zen e l’arte della corsa perché non resta un granché di cui parlare.

È vero che Shapiro spiega qualche piccolo trucco psicologico rubato al buddismo per alleviare la fatica, la frustrazione di un infortunio e la tristezza dell’età che avanza sul nostro corpo ma, in tutta sincerità, di davvero zen e di meditativo in questo libro ho trovato ben poco.

Credo che Lo zen e l’arte della corsa sia stato scritto per chi non è molto avvezzo non soltanto a meditare, ma anche semplicemente a riflettere su se stesso e su quello che gli accade. Non posso certamente definirmi un monaco zen ma la maggior parte dei suggerimenti di Shapiro mi sono sembrati banali se non addirittura assolutamente scontati. Fare attenzione al respiro ed al proprio corpo, contare ritmicamente i passi, concentrarsi sullo scorrere del paesaggio mi sembrano suggerimenti ovvi per rendere la corsa più facile, cose che la maggior parte delle persone che corrono regolarmente di certo conoscono già.

C’è di buono che Lo zen e l’arte della corsa riporta diverse citazioni di Buddha e queste sono sempre delle perle preziose applicabili non soltanto alla corsa ma a tutti i campi della vita che possono senza dubbio ispirare tutti coloro che non hanno mai avuto modo di riflettere su determinate tematiche quali il potere del pensiero e l’arte di sapersi adattare ad ogni circostanza.

Concludo la recensione di Lo zen e l’arte della corsa consigliando questo libro a chi va sempre troppo di fretta per prendersi il tempo di riflettere ed a chi è alle prime armi con la corsa ed anche con la meditazione.

Citazione

«Una mente affinata dallo Zen è in grado di disfarsi delle emozioni negative, come la rabbia, la frustrazione e la gelosia, ed è capace di trovare gioia persino nelle condizioni più avverse.»

Curiosità

Larry Shapiro, l’autore di Lo zen e l’arte della corsa, oltre ad essere un maratoneta insegna filosofia.

Lo Zen e l’Arte della Corsa – Recensione Libro