Home / Recensioni Libri / Momenti di Trascurabile Felicità – Recensione Libro

Momenti di Trascurabile Felicità – Recensione Libro

Momenti di Trascurabile Felicità – Recensione Libro

Momenti di Trascurabile Felicità

di Francesco Piccolo

Momenti di trascurabile felicità - Recensione libro
Momenti di trascurabile felicità

 

Genere: Narrativa

Anno di pubblicazione: 2010

Editore: Einaudi

Recensione libro: sufficiente

 

Trama

In Momenti di trascurabile felicità Francesco Piccolo racconta dei piccoli piaceri che sono talmente usuali nella vita di ognuno di noi da passare quasi inosservati. L’autore mette in mostra buona parte del nostro modo di essere. Usa tutto il sentimento di cui a volte siamo capaci ma anche con tutte le nostre piccole manie o fissazioni.

Il libro è una raccolta di fatti quotidiani che conosciamo bene, che ci procurano soddisfazione, benessere ed allegria e che, probabilmente, da ora in poi vivremo in modo più consapevole.

Incipit

«Nelle pagine romane del quotidiano, il mercoledì o a volte anche prima, vedo l’annuncio di un film che aspettavo. C’è scritto “da venerdì”. Chiudo il giornale sapendo che da venerdì comincerà un segmento di tempo dentro cui una sera, presto, andrò a vederlo. Non so ancora dove, quando. Ma ci andrò. »

Recensione

Inizio questa recensione con la consapevolezza che Momenti di trascurabile felicità è un bell’omaggio alla vita. Nel libro troviamo la descrizione di tutti quegli attimi che scorrono sotto il nostro naso senza neppure che ce ne accorgiamo. Attimi che spesso si ripetono anno dopo anno nella nostra vita come delle certezze immutabili.

È stato interessante osservare come certe frasi, certe sensazioni e certi pensieri che ci appaiono strani, siano in realtà comuni alla maggioranza della gente.

È buffo ritrovare tra le pagine del libro particolari del vivere comune che avevamo notato anche noi.

Mi è piaciuto che l’autore abbia fatto notare al lettore tutti questi piccoli momenti di trascurabile felicità quotidiani. Raccontandoli gli ha dato valore e, probabilmente, ci ha dato il modo di vederli sotto una nuova luce.

Al di là di tutto questo però, Momenti di trascurabile felicità resta un semplice elenco. Francesco Piccolo ha semplicemente elencato una serie di cose che rendono la vita piacevole, divertente e a volte incomprensibile.

Un Semplice Elenco

Questo libro non ha una trama, non ha dei personaggi e, anche se si parla più volte di Roma, non ha un’ambientazione geografica o temporale definita. Benché sia ben scritto e anche piacevole e veloce da leggere, per me questo libro resta un semplice elenco.

Tra l’altro, pur se si parla di piccole cose che rendono la vita di ognuno di noi particolare ma, allo stesso tempo, così uguale a quella degli altri, alcuni dei punti di questo lungo elenco sono davvero banali. Va bene cercare un  pizzico di magia nelle piccole cose quotidiane ma trovare (o anche solo andare a cercare) questa magia nell’ovvietà mi pare decisamente troppo. Ad esempio “il fatto che l’aloe è vera” non mi sembra un grande spunto.

La lettura di Momenti di trascurabile felicità mi ha ricordato molto le liste del programma Rai Vieni via con me e non è certamente un caso che l’autore di questo libro sia anche l’autore di quel programma televisivo.

Insomma a mio parere questa è una lettura poco impegnativa ma anche poco soddisfacente per chi è abituato a leggere. Si potrebbe però rivelare utile per avvicinare alla lettura chi non ha mai avuto la passione per la lettura.

Concludo la mia recensione di Momenti di trascurabile felicità consigliando questo libro a chi non ama leggere o ha pochissimo tempo per farlo. Lo consiglio a tutte le persone che pensano di non avere alcun motivo nella vita per essere felici.

Citazione

«Tutte le persone che non sono belle, o che sono brutte, poi quando le conosci diventano più belle, sempre. »

Curiosità

Francesco Piccolo, l’autore del libro, è anche uno sceneggiatore di successo. Sue diverse sceneggiature per Nanni Moretti e Paolo Virzì.

Francesco Piccolo ha vinto il Premio Strega 2014 con il libro  Il desiderio di essere come tutti.

Momenti di trascurabile felicità – Recensione libro