Salvia: Proprietà, Benefici e Valori Nutrizionali

Salvia Proprietà

La salvia non è solo una pianta dal sapore gradevole ma ha anche valori nutrizionali sorprendenti. Per millenni è stata usata e apprezzata per le sue proprietà terapeutiche. La sua fama di panacea è testimoniata anche dal suo nome scientifico.


La salvia, nome botanico Salvia officinalis, è un arbusto cespuglioso sempreverde appartenente alla famiglia delle Lamiaceae. La pianta può raggiungere un’altezza massima di circa 80 cm. Allo stato selvatico la si può trovare nella zona centromeridionale del nostro Paese.

Salvia: proprietà, benefici e valori nutrizionali
Salvia: proprietà, benefici e valori nutrizionali

La salvia è originaria dell’Europa e il suo uso risale ai tempi più antichi. Per le sue qualità organolettiche e aromatiche, è ormai coltivata in tutti gli orti. Per molto tempo questa pianta aromatica è stata usata nella medicina tradizionale per il sollievo del dolore e per proteggere il corpo dalle infiammazioni, dalle infezioni batteriche e da altro ancora.

Il suo nome deriva dal latino salus salvus, che significa sano, in buona salute, proprio in riferimento alle sue proprietà curative.

Il genere Salvia è il più grande genere di piante della famiglia delle Lamiaceae che comprende oltre 900 specie distribuite in tutto il mondo. Le specie comuni includono S. officinalis (salvia comune), S. miltiorrhiza (salvia cinese), S. lavandulaefolia (salvia spagnola), S. fruticose (salvia greca), S. sclarea (salvia sclarea) e S. hispanica.

Indice

La salvia viene usata in cucina fin dai tempi più antichi in quasi tutte le regioni europee come pianta aromatica. Le sue proprietà erano già note tra gli antichi romani e gli egizi.

Era riconosciuta come antisettico, digestivo e calmante naturale. Un’antica ricetta prevede l’utilizzo di un infuso di salvia per arginare l’eccessiva sudorazione tramite tamponamenti nella zona da trattare.

Diversi studi suggeriscono che le diverse specie di questa pianta possono essere usate per lo sviluppo di farmaci grazie alle loro proprietà terapeutiche. Gli studi riferiscono che la salvia, oltre a trattare le malattie comuni minori, potrebbe essere impiegata per fornire nuovi trattamenti naturali per il sollievo o per la cura di molte malattie gravi. (1)

Olio Essenziale

L’ olio essenziale è stato usato nel trattamento di una vasta gamma di malattie come quelle del sistema nervoso, della circolazione sanguigna, dell’apparato respiratorio e dell’apparato digerente. Gli studi hanno inoltre dimostrato che l’ olio essenziale ha proprietà carminative, antispasmodiche, antisettiche e astringenti. (2, 3)

Valori Nutrizionali della Salvia

Tabella nutrizionale per 100 grammi di salvia
Acqua g 7,96
Proteine g 10,6
Carboidrati g 60,7
Fibre g 40,3
Grassi g 12,8
Zuccheri g 1,71
Ceneri g 7,95
Minerali
Calcio mg 1650
Rame mg 0,757
Ferro mg 28,1
Magnesio mg 428
Manganese mg 3,13
Fosforo mg 91
Potassio mg 1070
Selenio mcg 3,7
Sodio mg 11
Zinco mg 4,7
Vitamine
Vitamina A IU 5900
Vitamina A, RAE mcg 295
B1 mg 0,754
B2 mg 0,336
B3 mg 5720
B6 mg 2690
Vitamina C mg 32,4
Vitamina E mg 7,48
Vitamina J mg 43,6
Vitamina K mcg 1714
Beta Carotene mcg 3485
Luteina Zeaxantina mcg 1895
Folati mcg 274

Fonte: USDA

È nei periodi estivi che la salvia produce la maggior quantità di olio essenziale che è composto principalmente dal thujone. Altri componenti della salvia sono i flavonoidi, noti perché antiossidanti, i tannini, acido ossalico, mucillagini, saponine, resine ed enzimi.

La salvia contiene anche composti polifenolici come l’acido carnosico, acido rosmarinico e acido caffeico che possiedono forti proprietà antiossidanti, anti radicali liberi e antibatteriche. (4)

Calorie   

100 grammi di foglie di salvia hanno un apporto calorico pari a 315 kcal.

Salvia: Proprietà e Benefici

Battericida

Uno studio ha indagato l’azione antibatterica della salvia contro i batteri che alterano il cibo. I risultati suggeriscono che l’estratto acquoso della pianta esercita una significativa attività antibatterica. Le sue proprietà sono più efficaci contro i micelici di BacillusBacillus subtilisEnterobacter cloacae e Proteus sp. Ciò ha ha reso il suo olio essenziale una buona alternativa agli antibiotici tradizionali e ai conservanti alimentari. (5, 6)

Secondo un altro studio, l’estratto idroalcolico di S. officinalis ha effetti inibitori sulla crescita di alcuni batteri che causano le carie come lo Streptococcus mutans, il Lactobacillus rhamnosus e l’ Actinomyces viscosus. Sulla base di questo studio, la S. officinalis potrebbe essere un rimedio naturale per il trattamento di malattie che colpiscono bocca e denti. (7)

Menopausa

Studi clinici hanno dimostrato che il suo utilizzo apporta benefici nella menopausa, riducendo le vampate e la sudorazione che le accompagna.

In uno studio del 2011, sono state somministrate compresse di salvia fresca a 71 donne una volta al giorno per due mesi. Al termine dell’esperimento le donne hanno avuto una netta diminuzione delle vampate di calore. Secondo i ricercatori i risultati offrono una chiara indicazione di come questa pianta può essere un efficace trattamento naturale dei sintomi della menopausa. (8)

Vi sono studi che suggeriscono che anche l’olio essenziale applicato sulla pianta dei piedi può ridurre le vampate di calore. (9)

L’efficacia della salvia per il trattamento delle vampate durante la menopausa è stata dimostrata anche da un centro multietnico in Austria. (10)

Diarrea

Uno studio condotto in India suggerisce che l’estratto di foglie inibisce la motilità intestinale e l’attività spasmodica dell’intestino. Secondo i ricercatori tali proprietà sono utili non solo per trattare la diarrea ma anche le coliche addominali.

L’estratto grezzo di salvia è stato testato per le sue attività anti-diarrea e antispasmodiche con test in vitro e in vivo. È stato dimostrato che l’estratto grezzo fornisce protezione contro la diarrea attraverso il suo effetto inibitorio sulla motilità intestinale. (11)

Fa Bene al Cervello

La ricerca scientifica ha dimostrato che anche piccole quantità di questa spezia, sia inalate che ingerite, possono portare benefici al cervello. A trarne vantaggio sono la capacità di concentrazione e la memoria.

La S. officinalis aumenta la memoria e la cognizione e, con un maggior dosaggio, migliora l’umore, l’attenzione e il senso di soddisfazione. (12)

Anche la somministrazione di S. lavandulaefolia è efficace nel migliorare la qualità della memoria e l’umore. (13)

Un fattore molto importante è che, dopo anni di utilizzo, non sono stati segnalati effetti collaterali negativi associati a S. officinalis o S. lavandulaefoli. (12)

Salvia: proprietà, benefici e valori nutrizionali

Diabete

Sotto forma di infuso preso a stomaco vuoto, può portare benefici ai diabetici perché abbassa la glicemia.

Uno studio condotto in Portogallo ha confermato che l’infuso può essere utile per la prevenzione del diabete di tipo 2 nei soggetti a rischio. (13)

L’estratto di salvia migliora la sensibilità all’insulina e riduce l’infiammazione. Questo fa ben sperare per una futura applicazione della pianta nel trattamento del diabete e dell’infiammazione ad esso associata. (14)

Le infusioni di tè di S. officinalis si sono dimostrate efficaci quanto la metformina, che è un farmaco antidiabetico orale usato per il trattamento del diabete di tipo 2. (15) In molti studi inoltre, l’estratto di salvia ha dimostrato di avere proprietà ipoglicemiche negli animali diabetici. (16)

Salvia e Tumori

I tumori sono caratterizzati da una crescita anormale di cellule che tendono a proliferare in modo incontrollato e, in alcuni casi, a diffondersi in altre parti dell’organismo. (17) Per proliferare e per diffondersi, i tumori producono un gran numero di vasi sanguigni. Tale processo è noto con il nome di angiogenesi. (18)

Uno studio ha scoperto che l’estratto di S. officinalis inibisce l’angiogenesi in vivo. Questo potrebbe essere un nuovo punto di partenza per lo sviluppo di un nuovo farmaco contro l’angiogenesi. (19) Altri studi hanno scoperto che l’acido ursolico trovato nella pianta inibisce efficacemente l’angiogenesi, l’invasione delle cellule tumorali e le metastasi. (20)

Ciclo Mestruale

L‘olio essenziale regolarizza il ciclo mestruale e attiva alcuni ormoni che aiutano ad alleviarne i sintomi. Calma quindi il nervosismo, il mal di testa, la nausea, gli sbalzi d’umore e la stanchezza. È stato condotto uno studio su 48 donne che erano solite avere dolori mestruali molto forti. (21)

Salvia: proprietà, benefici e valori nutrizionali

Perdita di Capelli

Si è da poco scoperto che la salvia contiene un composto utile nel trattamento della perdita dei capelli, il beta-sitosterolo.

Come rimedio alla perdita di capelli si consiglia di mescolare 3 gocce di olio essenziale di salvia con 3 gocce di olio essenziale di rosmarino e 3 gocce di olio di menta. Queste vanno diluite in un cucchiaio di olio di oliva. Il tutto verrà utilizzato per il massaggio del cuoio capelluto 2 volte al giorno.

Gestione dello Stress

Il nostro olfatto influenza in modo diretto la parte del cervello preposta al controllo delle emozioni. Quando viene usato in aromaterapia, l’olio essenziale di salvia può alleviare lo stress inducendo un senso di calma.

A testimonianza di questa proprietà calmante è stato fatto un piccolo studio su donne sottoposte a un test medico stressante. I risultati hanno confermato che venendo inalato, l’olio essenziale ha suscitato sensazioni di rilassamento e ha ridotto la pressione sanguigna. (22)

Un Antidepressivo Naturale

Uno studio condotto sui ratti ha confermato le proprietà antidepressive della pianta. (23)

Un altro studio condotto su donne in menopausa ha segnalato che l’olio essenziale per via orale ha ridotto il cortisolo che è l’ormone dello stress. Inoltre la sua assunzione ha prodotto effetti antidepressivi sulle donne. (24)

La Salvia Abbassa il Colesterolo

Uno studio pubblicato sul Journal of Molecular Sciences ha valutato gli effetti del tè alla salvia su un piccolo gruppo di donne. Dopo due settimane sono stati rilevati livelli più bassi di colesterolo cattivo LDL mentre sono aumentati i livelli di colesterolo buono HDL. (25)

Limita efficacemente i disturbi della menopausa. 100% naturale, senza zuccheri aggiunti. Ideale anche per le donne in gravidanza.

Tasto Amazon

Alzheimer

L’olio essenziale di salvia ha effetti positivi sulla cognizione. (26)

I ricercatori hanno testato gli effetti dell’olio essenziale su alcuni pazienti e in seguito ne hanno valutato le prestazioni cognitive e l’umore. I risultati hanno evidenziato un miglioramento della memoria e dell’umore. (27)

Infiammazione

È stato dimostrato che i costituenti bioattivi della pianta hanno proprietà antinfiammatorie. (28) Le indagini sui costituenti delle piante di salvia hanno anche confermato che l’acido caffeico, l’acido rosmarinico e l’acido ursolico hanno forti proprietà antinfiammatorie. (29, 30)

Proprietà Antiossidanti

I composti fenolici e i flavonoidi sono i principali responsabili degli effetti antiossidanti e dello scavenging dei radicali liberi di queste piante. (31)

Le proprietà antiossidanti della salvia sono state associate alla presenza di acido rosmarinico e acido carnosico. (32)

L’acido salvianolico ha mostrato un’elevata attività antiossidante ed è uno spazzino molto efficace dei radicali liberi. Bere la tisana alla salvia per due settimane aumenta lo stato antiossidante dell’organismo. (33)

Tisana alla Salvia

Procurarsi 15 grammi di foglie secche o fresche e deporle in un litro di acqua bollente per almeno 10 minuti. Dolcificate con miele e aggiungete scorza di limone.

La tisana è stata tradizionalmente utilizzata per il trattamento di disturbi digestivi e circolatori, bronchiti, tosse, asma, angina, infiammazioni della bocca e della gola, depressione, sudorazione eccessiva, malattie della pelle e molte altre patologie (31).

Raccolta della Salvia

Le foglie di salvia si raccolgono quando sono ben sviluppate, nel periodo compreso tra aprile e luglio. Per quanto riguarda le cime fiorite invece vanno colte da maggio ad agosto, facendo bene attenzione a tagliarle almeno 10 cm al di sotto dei fiori.

Le foglie da essiccare vanno raccolte prima del periodo della fioritura. Al fine di mantenere il caratteristico profumo devono essere sottoposte a una lenta essiccazione. Possono poi essere conservate in un barattolo a chiusura ermetica, al riparo dalla luce.

Controindicazioni

Per quanto ne sappiamo, non ci sono segnalazioni di effetti collaterali avversi associati alla pianta, nonostante il suo impiego per molti secoli. (32)

L’uso normale della salvia è molto sicuro. Tuttavia, potrebbe esserci un effetto negativo sull’uso eccessivo della S. officinalis che può essere causato dall’alto contenuto di tujone.

È bene non abusare dell’uso delle foglie fresche. Queste contengono assenzio e, in dosi elevate, possono risultare parecchio tossiche, soprattutto per gli ipertesi.

Anche l’olio essenziale va usato con cautela, è necessario non superare le 3 gocce, indipendentemente dall’uso che ne viene fatto.

Curiosità sulla Salvia

Nell’ 800 d.C. l’imperatore romano Carlo Magno decretò che ogni fattoria dovesse coltivare la salvia per il bene dell’impero. Questa pianta infatti per secoli è stata considerata uno strumento prezioso dai guaritori tradizionali di tutto il mondo. All’epoca era anche molto diffuso un detto che recitava: “Perché un uomo dovrebbe morire quando coltiva la salvia nel suo giardino?”

Plinio il Vecchio nei suoi scritti descrive questa pianta come un ottimo diuretico e anestetico locale.

Salvia: proprietà e benefici

La polvere ottenuta dalle foglie secche della salvia può essere usata come dentifricio, e con ottimi risultati. Anche le foglie fresche, se strofinate sui denti come fossero uno spazzolino, oltre a pulirli, mantengono l’alito fresco.

Nella medicina popolare del medioevo la pianta veniva già impiegata per la cura di diversi problemi legati alla pelle.

Con 50 g di fiori e foglie di salvia lasciate macerare in un litro di vino o di liquore è possibile preparare una bevanda con proprietà digestive e toniche.

Forse non Tutti Sanno Che

Grazie alle sue proprietà che hanno effetti benefici su pelle e capelli, la pianta è molto utilizzata in ambito cosmetico.

Un metodo per gustare le sue foglie è quello di friggerle, anche se questo tipo di cottura non è molto salutare. Una volta ogni tanto però è possibile concedersi questo piacere, a patto che non diventi un’abitudine. Le foglie vanno prima passate nella pastella e poi immerse per alcuni minuti nell’olio bollente.

Dato che il suo sapore è molto delicato, in cucina è meglio aggiungerla nei piatti verso fine cottura. In tal modo manterrà la sua essenza integra.

Salvia: Proprietà, Benefici e Valori Nutrizionali

Disclaimer Mr.Loto

Back to top button