Senape: Proprietà, Benefici, Valori Nutrizionali

Senape Proprietà

La senape è più conosciuta come una salsa gustosa e pungente ma in realtà si tratta di un prodotto ricavato da una pianta i cui semi hanno interessanti valori nutrizionali.  Vediamo quali sono le sue proprietà terapeutiche e i suoi benefici sulla salute


La senape, nome scientifico Brassica Species, appartiene alla famiglia delle Crocifere e cresce in modo spontaneo nella maggior parte delle regioni europee. I suoi frutti sono costituiti da semi che giungono a maturazione a fine estate. Con questi si prepara l’omonima salsa conosciuta in tutto il mondo.

Senape: Proprietà, Benefici, Valori Nutrizionali
Senape: Proprietà, Benefici, Valori Nutrizionali

La senape è presente in 4 varietà che prendono il nome dalla colorazione dei semi che producono: la gialla, la nera, la selvaggia e la bruna. Per la preparazione della salsa di senape si usano abitualmente le farine ottenute dalla macinazione dei semi di senape  nera e gialla. Dopo essere state miscelate tra di loro, vengono aggiunti altri ingredienti come aceto, vino e spezie varie.

Indice

La senape è originaria dell’Asia dove era già coltivata 3.000 anni prima dell’avvento di Cristo. In Europa è conosciuta sin dal tempo degli antichi romani che la utilizzavano soprattutto per la conservazione di frutta e verdura.

Valori Nutrizionali della Senape

Tabella Nutrizionale per 100 gr di senape
Acqua g 5,3
Proteine g 26
Carboidrati g 28
Zuccheri g 6,8
Grassi g 36,2
Fibre g 12,4
Minerali
Magnesio mg 370
Ferro mg 9,5
Fosforo mg 825
Calcio mg 266
Potassio mg 731
Sodio mg 11,3
Rame mg 0,6
Zinco mg 6
Manganese mg 2,2
Selenio mcg 208,1
Vitamine
Vitamina A IU 31
B1 mg 0,8
B2 mg 0,25
B3 mg 4,7
B5 mg 0,8
B6 mg 0,4
Vitamina C mg 7,1
Vitamina E mg 5
K mcg 5,4
J mg 120,2
Beta Carotene mcg 18
Luteina Zeaxantina mcg 563
Folati mcg 162

Amminoacidi: acido aspartico, acido glutammico, alanina, arginina, cistina, glicina, fenilalanina,  istidina, isoleucina, leucina, lisina, prolina, metionina, serina, tirosina, triptofano, valina e treonina.

Calorie

100 gr di semi di senape hanno una resa calorica pari a 580 kcal.

Senape: Proprietà e Benefici

Antibatterica

L’olio essenziale di senape, secondo un recente studio, ha proprietà antibatteriche. Negli esperimenti di laboratorio si è constatato che l’olio essenziale uccide in modo efficace alcuni batteri comuni come l’ E. coli, la Salmonella, lo Stafilococco e la Listeria. (1)

Alcuni studi suggeriscono che gli antiossidanti della senape possono offrire protezione anche contro i batteri B. subtilis e S. aureus. (2, 3)

Olio vegetale di senape bio, 10 ml

Tasto Amazon

Tumore al Colon

I suoi semi sono consumati in quantità importanti dalla popolazione giapponese che, come risaputo, ha la maggior aspettativa di vita al mondo. I semi hanno un alto contenuto di antiossidanti alcuni dei quali non sono ancora stati definiti.

Uno studio del 2011 ha rilevato come i semi siano stati in grado di inibire la crescita e di indurre la morte per apoptosi di una linea cellulare di tumore al colon. (4)

Un ulteriore studio condotto sui ratti ha rilevato che l‘olio di senape ha proprietà preventive nei confronti del tumore al colon. (5)

Servono tuttavia ulteriori ricerche per confermare tale proprietà di questo vegetale.

Uno studio del suggerisce che l’assunzione di semi di senape ha un potenziale effetto preventivo nei confronti dei tumori. Negli esperimenti si è rilevata la loro capacità di migliorare il sistema di difesa antiossidante con benefici nella lotta agli effetti tossici degli agenti tumorali. (6)

La Senape è Lassativa

I semi hanno proprietà purgative. 15 gr di semi macinati e disciolti in un bicchiere d’acqua che va bevuto 3 volte al giorno, costituiscono un buon purgante naturale. La senape contribuisce inoltre ad ossigenare il sangue e facilita la digestione. (7)

Sciatica

Un altro impiego dei semi è quello che riguarda la preparazione di un impasto per la cura della sciatica. Questi gli ingredienti: 250 cl di acquavite, 100 gr di farina di mais, 15 gr di farina di senape e 120 gr di fichi secchi sminuzzati.

Per la preparazione è sufficiente immergere tutti gli ingredienti dell’acquavite per circa 2 giorni. Dopo aver impastato per bene il composto ottenuto, è necessario applicarlo per mezzo di un tessuto sulla parte dolorante per almeno un paio d’ore. (8)

Dolori Reumatici

I cataplasmi ottenuti dalla sola farina di senape sono invece consigliati per la cura dei dolori reumatici.

Senape Digione Antica con Grani, 200g

Tasto Amazon

In pratica, grazie alle proprietà stimolanti della circolazione sanguigna, le sostanze responsabili del dolore vengono espulse più velocemente dall’organismo. A questo scopo si rendono necessari impacchi a base di farina di senape che devono essere applicati in modo mirato esclusivamente sulle parti doloranti.

Nella medicina ayurvedica ad esempio, i semi di senape vengono usati per ridurre i dolori causati dall’artrite reumatica. Tali benefici sono imputabili al buon contenuto di selenio e di magnesio. (9)

Psoriasi

I suoi semi sono efficaci nei confronti della psoriasi, che è una malattia infiammatoria cronica. Recenti studi condotti sui topi hanno rilevato queste proprietà che ovviamente deve essere confermata da ricerche su esseri umani per avere una validità ufficiale. (10)

La Senape è Antinfiammatoria

Secondo l’IJSR (International Journal of Science and Research) il suo olio essenziale ha ottime proprietà antinfiammatorie. Da sempre questo composto è stato usato per il trattamento dell’artrite, la bronchite, la polmonite ed anche per lenire i dolori in generale. (11)

Salute del Cuore

Diversi studi hanno dato esiti positivi per quanto riguarda l’efficacia dell’olio di senape nei confronti dell’aritmia cardiaca e della riduzione de dolore ad essa associata. Le sue proprietà protettive nei confronti del cuore sono probabilmente riconducibili alla presenza degli acidi grassi omega 3. (12)

Asma

La senape è anche nota per prevenire gli attacchi d’asma. Gli studi sostengono che questa proprietà è dovuta alla presenza nei semi di minerali come rame, magnesio, ferro e selenio. (13)

Colesterolo

In questo caso sono le foglie ad essere in possesso di queste virtù. Gli studi hanno dimostrato che le foglie facilitano l’espulsione degli acidi biliari dal corpo. Gli acidi biliari contengono di solito anche il colesterolo per cui in questo modo si verifica una riduzione dei livelli di colesterolo LDL nel sangue. (14)

Secondo gli autori dello studio per ottenere i maggiori benefici è meglio mangiare le foglie cotte piuttosto che crude.

Diabete

Studi svolti su pazienti diabetici hanno dimostrato come l’olio ricavato dai semi e la crusca di senape gialla siano in grado di abbassare la glicemia. (15)

Secondo i ricercatori le foglie si senape potrebbero essere utili nell’attenuare i danni causati dallo stress ossidativo coinvolto nel diabete e nelle sue complicanze. (16)

Gli studi hanno dimostrato che l’olio di senape migliora l’infiammazione del tessuto adiposo e la resistenza all’insulina. (17)

Disintossicazione dai Veleni

I semi hanno proprietà utili a proteggere il sangue dagli effetti dei veleni. Un decotto a base di semi, aiuta a depurare il corpo dagli effetti degli stupefacenti e di un’eccessiva assunzione di alcol.

Le foglie sono utili per disintossicare il fegato, grazie al loro contenuto di clorofilla possono eliminare le tossine dal sangue. Secondo gli studi le foglie e quindi la clorofilla, possono essere utili nella prevenzione dei tumori ma non solo. Le loro proprietà sono utili anche per neutralizzare i metalli pesanti ed altri inquinanti presenti nell’organismo. (18)

Impieghi in Cucina

Senape: Proprietà, Benefici, Valori NutrizionaliIl suo buon successo e la sua conseguente diffusione per uso culinario è dovuta soprattutto al sapore pungente dei suoi semi, caratteristica questa che viene esaltata solo dopo la loro macinazione. I semi crudi si utilizzano in cucina per la preparazione di svariati tipi di insalate mentre la salsa di senape viene spesso utilizzata per arricchire il sapore di piatti a base di carni e pesci alla griglia.

Controindicazioni della Senape

Mangiare semi, foglie o pasta di senape, è considerato sicuro per la maggior parte delle persone. Ovviamente va consumata in modo moderato.

Il suo uso prolungato, a causa della sua proprietà di stimolazione gastrointestinale, è sconsigliato in caso di ulcera e gastrite.

Importante: l’uso delle farine e dell’olio essenziale ottenuto dai semi può provocare disturbi ed irritazioni. È d’obbligo quindi che la loro assunzione vada sempre fatta sotto controllo medico. (20)

Curiosità

In cucina viene anche utilizzata per la preparazione della famosa mostarda che ricordiamo essere uno sciroppo a base di frutta candita aromatizzato con la senape. Curiosamente, in Inghilterra ed in Francia invece, la pianta viene chiamata mostarda, così come la stessa salsa che si ottiene dai suoi semi.

I semi possono essere conservati sott’aceto oppure essiccati e possono essere impiegati per togliere i cattivi odori dalle stoviglie.

Il primo tipo di mostarda, seppur rudimentale, fu ottenuto per caso dagli antichi romani che fecero bollire i semi macinati di senape insieme al mosto.

I semi, una volta macinati, possono anche essere utilizzati come deodorante per le mani dopo aver maneggiato sostanze maleodoranti ed impregnanti.

Anche gli egizi attribuivano proprietà digestive alla senape ed ai suoi semi mentre Plinio il Vecchio aveva una soluzione a base di senape per ogni tipo di patologia.

Senape: Proprietà, Benefici, Valori Nutrizionali

Disclaimer Mr.Loto

Back to top button